Alluvione, il diario di una volontaria nello sgombero di Villa Anna

alluvione modena vigili del fuoco nonnina evacuata“Secchia. Argine. Evacuare. Vieni a Marzaglia”. La telefonata mi sveglia all’improvviso domenica mattina, poco dopo le dieci. Ricordo solo queste parole. Con gli occhi ancora impastati di sonno cerco di riordinare le idee; caffè, divisa, zaino.
Stivali? Sì dai, metti che servano. Spiego al volo la situazione ai miei genitori ed esco. “Stai attenta” mi dice mia madre. E in un attimo torno con la mente a maggio 2012.

Lungo la strada, con una telefonata mi esortano a fare in fretta: in quel momento capisco che la situazione è più grave del previsto.
Il CUP di Marzaglia, sede del Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile di Modena, è gremito di persone e nonostante la confusione in pochissimo tempo veniamo registrati e destinati: San Matteo, bisogna evacuare il pensionato Villa Anna.
Io e altri colleghi partiamo con due pullmini, ai quali successivamente si aggiungerà una nostra ambulanza incontrata lungo il percorso.

Molte strade sono chiuse, passiamo per una Bastiglia non ancora raggiunta dall’alluvione, poi a un certo punto la vediamo: acqua. Ovunque. Ci ritroviamo circondati da fango, campi completamente allagati e case isolate. La visione ci spiazza, rimaniamo senza parole: qualche ‘mamma mia’ riempie il silenzio, ma nient’altro.
Arrivati sul posto ci mettiamo a disposizione dei Vigili Del Fuoco: c’è chi aiuta durante la staffetta umana, chi predispone i mezzi, chi si prende cura dei pazienti e scambia due chiacchiere con loro mentre aspettano di essere evacuati.
Fa freddo, l’acqua entra negli stivali diventati ormai inutili.
Un signore più volte mi chiede di portarlo via in fretta, di andare “in un posto in cui non c’è acqua perché ho paura“.
Il livello continua a salire, la sirena di allarme di Villa Anna suona a ripetizione. Ci viene detto di fare in fretta perché potrebbe sorprenderci un’altra piena. Nonostante il caos e la concitazione, l’evacuazione va per il meglio e in un’ora siam fuori.
Scaricati i pazienti all’ospedale di Baggiovara facciamo ritorno a Marzaglia: siamo stanchi, infreddoliti e bagnati, ma dopo una tazza di the caldo ci rimettiamo a disposizione.
“Andate a casa, riposatevi”, ci viene detto. E così, lasciato il fango alle spalle, facciamo ritorno.
I giorni seguenti prestiamo servizio nel centro di smistamento di Modena Est, in quello di accoglienza di Gesù Redentore e al CUP di Marzaglia: mentre i nostri colleghi lavorano sul posto noi registriamo sfollati, gestiamo l’assistenza e aiutiamo il coordinamento regionale di Protezione Civile ad organizzare le squadre che operano sul territorio.
L’acqua pian piano si sta ritirando, molte persone sono tornate a casa. Ma c’è ancora tanto da fare.

Mariagiulia Nozzi, volontaria Croce Blu Modena

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Lo sciopero comincerà con il turno mattutino di venerdì e terminerà con l'inizio dello stesso turno di sabato[...]
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    Medico a Novi, fa parte della compagine di artisti che vede anche Doriano Novi, Giorgio Cavazza, Rino Fattori, Carlo Canevazzi, Luca Bompani[...]
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]