Alluvione, il diario di una volontaria nello sgombero di Villa Anna

alluvione modena vigili del fuoco nonnina evacuata“Secchia. Argine. Evacuare. Vieni a Marzaglia”. La telefonata mi sveglia all’improvviso domenica mattina, poco dopo le dieci. Ricordo solo queste parole. Con gli occhi ancora impastati di sonno cerco di riordinare le idee; caffè, divisa, zaino.
Stivali? Sì dai, metti che servano. Spiego al volo la situazione ai miei genitori ed esco. “Stai attenta” mi dice mia madre. E in un attimo torno con la mente a maggio 2012.

Lungo la strada, con una telefonata mi esortano a fare in fretta: in quel momento capisco che la situazione è più grave del previsto.
Il CUP di Marzaglia, sede del Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile di Modena, è gremito di persone e nonostante la confusione in pochissimo tempo veniamo registrati e destinati: San Matteo, bisogna evacuare il pensionato Villa Anna.
Io e altri colleghi partiamo con due pullmini, ai quali successivamente si aggiungerà una nostra ambulanza incontrata lungo il percorso.

Molte strade sono chiuse, passiamo per una Bastiglia non ancora raggiunta dall’alluvione, poi a un certo punto la vediamo: acqua. Ovunque. Ci ritroviamo circondati da fango, campi completamente allagati e case isolate. La visione ci spiazza, rimaniamo senza parole: qualche ‘mamma mia’ riempie il silenzio, ma nient’altro.
Arrivati sul posto ci mettiamo a disposizione dei Vigili Del Fuoco: c’è chi aiuta durante la staffetta umana, chi predispone i mezzi, chi si prende cura dei pazienti e scambia due chiacchiere con loro mentre aspettano di essere evacuati.
Fa freddo, l’acqua entra negli stivali diventati ormai inutili.
Un signore più volte mi chiede di portarlo via in fretta, di andare “in un posto in cui non c’è acqua perché ho paura“.
Il livello continua a salire, la sirena di allarme di Villa Anna suona a ripetizione. Ci viene detto di fare in fretta perché potrebbe sorprenderci un’altra piena. Nonostante il caos e la concitazione, l’evacuazione va per il meglio e in un’ora siam fuori.
Scaricati i pazienti all’ospedale di Baggiovara facciamo ritorno a Marzaglia: siamo stanchi, infreddoliti e bagnati, ma dopo una tazza di the caldo ci rimettiamo a disposizione.
“Andate a casa, riposatevi”, ci viene detto. E così, lasciato il fango alle spalle, facciamo ritorno.
I giorni seguenti prestiamo servizio nel centro di smistamento di Modena Est, in quello di accoglienza di Gesù Redentore e al CUP di Marzaglia: mentre i nostri colleghi lavorano sul posto noi registriamo sfollati, gestiamo l’assistenza e aiutiamo il coordinamento regionale di Protezione Civile ad organizzare le squadre che operano sul territorio.
L’acqua pian piano si sta ritirando, molte persone sono tornate a casa. Ma c’è ancora tanto da fare.

Mariagiulia Nozzi, volontaria Croce Blu Modena

Sul Panaro on air

    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • WatchCasa Famiglia e giovani immigrati: parla il sindaco di Medolla Filippo Molinari
    • WatchA San Prospero ecco lo stato in cui versa via Verdeta

    Curiosità

    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    I nuotatori di Atlantide Onlus sono partiti venerdì mattina alla volta del Sud. Si chiamano Yuri Gasparini, Emiliano Pasquini e Calogero Serrafini[...]
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Il ricavato della vendita sarà destinato all'Unicef per sostenere il progetto “Italia – Emergenza bambini migranti”.[...]
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    È accaduto nei pressi del centro commerciale Borgogioioso di via dell'Industria a Carpi[...]
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Pubblichiamo il video del Comunedi Modena che in meno di cinque minuti fa rivivere le sensazioni di quella giornata sulle note di “Un mondo migliore”.[...]
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Associated British Foods acquista l'azienda di Cavezzo Acetum spa, i cui marchi includono Mazzetti, Acetum e Fini.[...]
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    A organizzarla il signor Vilmo Pellacani che ha voluto festeggiare i 70 anni con i suoi amici di infanzia e con i nati a Mirandola nel 1947 [...]
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Si chiamano Medolla, Bomporto, Bastiglia e Soliera. E non trascurano le località come Limidi e Villafranca.[...]
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    L’artista prescelto per la realizzazione dell’opera è Stefano Pierotti, il quale a Roma harealizzato la scultura in ricordo di Papa Giovanni Paolo II[...]