SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Alluvioni, quel filo di morte e devastazione che ci lega la resto d’Italia nell’indifferenza della politica

Teramo marzo 2011

Teramo marzo 2011

Una lettera, accompagnata dalle tragiche fotografie delle alluvioni che regolarmente sconquassano il Paese lasciando dietro di sè devastazione e morte.
L’ha scritta un alluvionato toscano, Paolo Franceschetti, che prova così a chiedere attenzione e reclamare diritti, come la no tax area.

Lipari 2012

Lipari 2012

Il recente dramma vissuto dai cittadini di Bastiglia e di Bomporto è solo la 20^ puntata del medesimo Dramma nazionale. Tante sono state le alluvioni italiane susseguitesi dal febbraio 2011 a oggi, in più ci sono stati terremoti e persino una tromba d’aria nel modenese.

Marina di Campo 2011

Marina di Campo 2011

Se per il dissesto idrogeologico si deve parlare anche di prevenzione, nel caso di terremoti e trombe d’aria più che incrociare le dita non si può fare. Il vero problema delle calamità naturali è che non vi sia un quadro di aiuti certo per le aziende e le popolazioni colpite.
Da oltre mezzo secolo tutti noi abbiamo pagato le accise del Vajont, dal 66 paghiamo per Firenze, per i terremoti del Belice dal 68, del Friuli dal 76 e per l’Irpinia dal 1980. Oggi, dopo aver versato miliardi di euro in accise, alle vittime viene detto che non ci sono fondi e che sarà bene farsi un’assicurazione privata!

Aulla 2011

Aulla 2011

Gli alluvionati vengono quindi trattati come gli esodati, diventano “esondati”, han pagato accise tutta la vita ma soldi non ce ne sono per i loro danni. In più quando pagheranno le riparazioni, i nuovi arredi e le nuove auto verseranno all’Erario il 22% di Iva su quanto perduto nell’alluvione.
In pratica per lo Stato non rifondere ai privati conviene, riesce a “fare cassa” sulle vittime.
Ma non solo lo Stato, si pensi alla tassa di passaggio di proprietà delle auto usate che alcuni alluvionati acquisteranno, tassa di competenza della Provincia. In pratica, ipotizzando una danno ai privati di 100 milioni, l’Erario può aspirare a incassare 22 milioni di Iva, una manna. Ma se non ci sono i soldi per rifondere i danni, che almeno tolgano le tasse sulla ricostruzione.

Sala Baganza (Parma) 2011

Sala Baganza (Parma) 2011

La ricostruzione genera Irpef, Irap e Iva, non solo a favore delle casse centrali, ma anche per la Regione stessa. L’augurio è che non si ripeta quanto accaduto a Marina di Campo dopo l’alluvione del 7 novembre del 2011, un mio concittadino salvato miracolosamente dai pompieri, dopo aver perduto 2 auto, tutti gli arredi di casa e parte delle scorte della propria parafarmacia, si trovò a pagare pure l’addizionale Irpef comunale.
Purtroppo non esistendo una legge nazionale che preveda un protocollo di azioni e sgravi, tutto sarà delegato a sterili ed estenuanti trattative tra le parti: cittadini, enti locali e Governo centrale.

Olbia 2013

Olbia 2013

Le comunità di migliaia di cittadini alluvionati sparsi in tutta la penisola, che sommati ormai raggiungono una cifra considerevole, dovranno fare un’azione collettiva sui parlamentari di ogni regione per raggiungere l’obbiettivo comune di una Legge di Solidarietà Nazionale che rigetti al più presto i limiti posti da Berlusconi con la Legge 10/2011, poi reiterati e peggiorati da Monti con il DL 59/2012 che il prefetto Gabrielli non fa che confermare agli alluvionati, non ci sono soldi per voi ma, dopo un semestre di tregua fiscale, pagateci tutte le tasse!

Maremma 2012

Maremma 2012

Per la politica che non vuole occuparsi delle vittime delle calamità naturali, che non vuole riformare la fiscalità dello Stato in senso etico, almeno per i casi di gravi calamità, c’è il rischio del voto di protesta di centinaia di migliaia di cittadini giustamente “incazzati” come Lisa Secchia.
E su questo non ci sarà Porcellum o Italicum che possano contenerci, gli “argini” questa volta li romperemo noi.
Auguri,

Paolo Franceschetti

 

Guarda la fotogallery

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: