A Finale Ecobloks apre le porte a chi ha paura dell’insediamento

Ecoblocks Finale Emilia

da sinistra, il presidente di Ecobloks, Spallanzani, il direttore Bassi, il presidente della Consulta di Canaletto, Angelo Govoni e i componenti della delegazione con l’assessore d’Aiello.

Nelle scorse settimane una delegazione di Canaletto, guidata dal Presidente della Consulta Angelo Govoni, ha visitato il cantiere di costruzione dello stabilimento Ecobloks, accompagnata dall’assessore alle Attività Produttive Angelo d’Aiello. Ad attenderli il presidente dell’azienda Alberto Spallanzani e il direttore tecnico Carlo Bassi, che hanno spiegato le modalità operative del nuovo insediamento, chiarendo in modo dettagliato le questioni relative alle emissioni in atmosfera.
Spallanzani ha illustrato quale sarà il mercato nel quale andrà ad inserirsi il suo prodotto, i blocchetti distanziatori utilizzati nei tradizionali pallet in legno impiegati per il trasporto e lo stoccaggio di ogni genere di merce. I blocchetti, che verranno prodotti usando legno riciclato, permetteranno di risparmiare il taglio di 150 mila tronchi d’albero.

“Qui dobbiamo fare subito chiarezza – ha puntualizzato Spallanzani – perché il legno che utilizziamo per la produzione dei blocchetti è una cosa, quello che invece andiamo a bruciare per ottenere l’energia termica indispensabile per far funzionare l’essiccatore è tutt’altra. Per ottenere i blocchetti usiamo come materia prima il legno di recupero, che non viene bruciato ma lavorato, strizzato, pressato, essiccato“.
Questa materia prima segue un suo percorso di lavorazione, durante il quale viene tolto, meccanicamente, via, via il ferro, la plastica, l’alluminio, l’ottone, la carta eccetera. Per essiccare il legno, che al termine di questa pre-lavorazione è ancora umido, entra in funzione la centrale termica che viene alimentata da una linea ben separata e distinta da quella usata per la produzione dei blocchetti.

“La centrale termica – spiega il direttore dello stabilimento, Bassi – brucia esclusivamente legno vergine, proveniente da silvicoltura, oppure cippato di legno, in entrambi i casi si tratterà di materiale dotato di tutte le indispensabili certificazioni. Se non lo dovesse essere resterà fuori dalle porte del nostro stabilimento”. Grande interesse tra i visitatori ha destato il funzionamento dell’essiccatore, una specie di “cannone” da tempo ben visibile dalla strada. “Si tratta di un essiccatore rotativo – aggiunge Spallanzani – dotato di un costosissimo elettrofiltro al quale è collegata una sofisticata strumentazione che assicura la registrazione in continuo, ogni quarto d’ora, mezzora, ora e media giornaliera di tutte le emissioni dell’impianto. Dal camino dell’impianto si vedrà uscire un pennacchietto bianco, ma si tratta di vapore come quelle generato dal vaporizzatore di una ceramica“.

L’insediamento prevede inizialmente l’assunzione di 30-35 addetti tra meccanici ed elettromeccanici e operai con mansioni generiche. “La nostra intenzione – conclude Spallanzani – è assumere personale locale e la nostra volontà è quella di restare in questo territorio, per cui abbiamo tutto l’interesse a tutelarlo e rispettarlo, a cercare di dare lavoro a chi vive in quest’area e a costruire un rapporto positivo con chi risiede nelle vicinanze”.

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]
    Nuovo ponte di Bomporto, due aree pedonali per assistere al varo
    Nuovo ponte di Bomporto, due aree pedonali per assistere al varo
    La spettacolare operazione prende il via alle ore 9 per proseguire tutta la giornata [...]
    Giovani vengono stipendiati per stare in vacanza e divertirsi. E' "Il lavoro più bello del mondo"
    Giovani vengono stipendiati per stare in vacanza e divertirsi. E' "Il lavoro più bello del mondo"
    L'offerta di lavoro è proposta dal Silb di Rimini (l'associazione delle discoteche e delle sale da ballo), in collaborazione con Apt, Black marketing Guru e Confcommercio di Rimini[...]
    Bloccato a 15 metri d'altezza per ore, disavventura per un operaio
    Bloccato a 15 metri d'altezza per ore, disavventura per un operaio
    L'uomo ha cercato senza esito di richiamare l'attenzione di qualche passante o condomino.[...]
    Solidarietà, i bambini di Chernobyl in visita in Regione
    Solidarietà, i bambini di Chernobyl in visita in Regione
    Giornata di riflessione per fare il su accoglienza e prevenzione sanitaria attivati in Emilia-Romagna dopo l'incidente alla centrale nucleare di 31 anni fa. [...]
    A Bomporto si va in apnea per conoscere le immersioni sott'acqua
    A Bomporto si va in apnea per conoscere le immersioni sott'acqua
    Le lezioni pratiche si sono svolte anche nella piscina ad Y-40 di Montegrotto, la più profonda al mondo[...]
    Mirandolese va dai Carabinieri e si lamenta: "Questa marijuana è di cattiva qualità"
    Mirandolese va dai Carabinieri e si lamenta: "Questa marijuana è di cattiva qualità"
    È stato fermato in un posto di blocco a Carpi mentre era diretto in caserma [...]
    Combatte per i diritti dei disabili, ora è laureata: Elisa Bortolazzi è da 110 e lode
    Combatte per i diritti dei disabili, ora è laureata: Elisa Bortolazzi è da 110 e lode
    La giovane di San Felice sul Panaro, costretta sulla sedia a rotelle, realizza un obiettivo costato tanta fatica, sacrifici e battaglie[...]