SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

I soldi nel sisma d’Emilia? A malapena un ventesimo è arrivato qui

terremoto emilia 1Danni per 13 miliardi, fondi stanziati dal Governo per 6 miliardi, arrivati a oggi: 300 milioni.
I conti proprio non tornano nella Bassa terremotata, denuncia Sandro Romagnoli, portavoce del Comitato Sisma 12.

Sandro Romagnoli, portavoce comitato Sisma 12

Sandro Romagnoli, portavoce comitato Sisma 12

Romagnoli, partiamo dalla notizia di politica sulla bocca di tutti: l’assessore regionale Muzzarelli parteciperà alle primarie Pd per il candidato sindaco di Modena. E’ una figura che voi avete spesso contestato nella ricostruzione: come avete accolto l’annuncio?
«Beh, noi abbiamo criticato abbastanza le ordinanze che hanno condizionato la ricostruzione, e quindi lui che è stato un po’ il front office della struttura commissariale.
A noi soprattutto preoccupa il fatto che la sua assenza provocherà un vuoto e non ci possiamo permettere dei tempi lunghi per colmarlo».

Concentriamoci adesso sulla Bassa: il 2013 si è chiuso con due proteste dei Comitati contro la ricostruzione che non va, a ottobre e dicembre: a inizio 2014 dobbiamo aspettarcene un’altra?
«In realtà abbiamo già iniziato: abbiamo appena presentato al Tar del Lazio il ricorso contro l’articolo 5 dell’ordinanza 119, quella che abbiamo definito “ammazza-campagna”.
E’ stata data una nuova definizione di rudere ed edificio collabente e questo cambia i diritti delle persone che hanno immobili in campagna.
Per questo abbiamo fatto ricorso.
Detto questo, noi non ci divertiamo a fare manifestazioni o questo tipo di azioni, ma purtroppo le decisione della Regione ci portano a questo».

Se ci fosse un termometro della rabbia per il cratere, secondo lei che temperatura farebbe segnare?
«In realtà penso oggi ci sia molto disorientamento tra la gente e molta disillusione. 
Da subito hanno detto che gli emiliani ce l’avrebbero fatta da soli e questo ha fatto sì che tante persone ci hanno creduto. In realtà di problemi ce ne sono tanti e sarebbe stato logico pensarlo. Oggi c’è tanta confusione, basti pensare che quasi la metà delle persone che avrebbero diritto ai contributi ancora non ha nominato dei tecnici di fiducia e la Regione ha dato la scadenza per prenotare i lavori alla fine di questo mese.
Poi, io spero non si arrivi a un termometro della rabbia, sarebbe molto pesante».

terremoto emilia 2Al di là dei particolari tecnici, che cosa non va nell’impostazione di fondo data dalla Regione?
«L’impostazione di fondo data dalla Regione.
Ma la responsabilità non è solo sua. Cinque giorni prima del terremoto, con il Dl 59 del governo Monti del 15 maggio 2012 si diceva ai cittadini che per i danni da terremoto ci voleva un’assicurazione privata, perché lo Stato non dava più contributi.
Il sisma è arrivato con il decreto non ancora convertito in legge, ma il messaggio che veniva dato con quell’atto è stato comunque recepito dalla Regione.
Bologna ha impostato le sue ordinanze con una logica punitiva, pensando ai furbetti che potevano arricchirsi con la ricostruzione.
E’ vero che si veniva dall’esperienza dell’Aquila, e che si è scontata tutta l’assenza di una normativa nazionale. Ma in questo modo si è creato un dedalo che ha impedito la ricostruzione».

Il 20 dicembre voi Comitati vi siete ritrovati coi sindaci nella sottoscrizione di un documento comune di richieste alla Regione e al governo. E’ stata una pace solo natalizia o ci saranno riscontri concreti di qui a venire?
«Io spero che non sia stato solo il clima natalizio. In realtà abbiamo individuato temi per cui c’è preoccupazione comune: dai contributi agli edifici di classe A, alla burocratizzazione, le super-bollette, i mutui e altro. Ma soprattutto, e per noi è essenziale, c’è stato un riconoscimento comune della necessità di una fiscalità vantaggio per il cratere, senza la quale cittadini e aziende avranno grosse difficoltà a muoversi.
Abbiamo fatto appello alla sensibilità di Regione e governo su questo e spero che l’impegno venga portato avanti in maniera congiunta».

A proposito dei sindaci, voi a fine anno avete loro chiesto di farsi promotori di un incontro con l’associazione dei bancari per discutere del rinvio delle rate per i mutui casa.
Che riscontri avete avuto?
«Più che di farsi promotori, abbiamo chiesto loro di affrontare insieme il problema, per avere forza maggiore. E un primo riscontro lo abbiamo avuto, perché abbiamo ottenuto per il 14 gennaio un incontro con la presidenza regionale Abi, l’Associazione bancaria italiana.
Ci andremo coi sindaci, e speriamo di portare a casa il risultato».

Parliamo adesso di sanità post terremoto.
Nelle settimane scorse ha suscitato un mare di polemiche l’assegnazione di fondi al Policlinico di Modena, che per molti sono stati scippati a Carpi e Mirandola, ospedali molto più danneggiati dalle scosse: voi Comitati come vedete la situazione?
«Del problema prettamente sanitario nella Bassa, si stanno occupando alcuni gruppi di cittadini e so che, tra l’altro, hanno fatto anche test coi tempi di percorrenza per raggiungere il Policlinico. Dico solo questo: dare fondi alla sanità è senz’altro una cosa positiva, il problema è se con un’erronea idea di razionalizzazione vengono tolti da altre parti, magari già provate. Se veramente togliessero dei fondi alla Bassa per darli là sarebbe una cosa vergognosa».

terremoto emilia 3Lei è di Cavezzo, uno dei centri più colpiti dal terremoto. Sono passati quasi 20 mesi, si aspettava di vedere il suo paese ancora a questo punto?
«Se ci aspettavamo che la ricostruzione tardasse così tanto? Sì, perché purtroppo ce ne eravamo accorti dalla ferraginosità delle prime ordinanze. Qui di sassolini all’interno dell’ingranaggio ne sono stati messi molti, un po’ troppi. Speriamo che passi il messaggio della semplificazione delle norme,e porti miglior consiglio a quelli che fanno le ordinanze».

Se le dicessero che può avere una cosa sola per la Bassa terremotata, lei adesso cosa chiederebbe?
«Il logo di Sisma.12 ha come refrain “Ricostruire la Bassa dal Basso”. Questo vorrei, una ricostruzione partecipata, rispettosa dell’ambiente ma anche delle esigenze dei cittadini.
Che sia attenta a un’economia fatta di piccole e medie imprese, e non pensi solo alle multinazionali. Chiederei una ricostruzione che fosse un’opportunità e non solo un’enorme perdita di tempo, risorse ed energie.

I contributi tanto decantanti, materialmente, sono arrivati nelle tasche dei cittadini e delle famiglie? In che percentuale, se dovesse fare una stima?
«Tenendo a riferimento i dati ufficiali, possiamo dire che il terremoto del maggio 2012 ha provocato nella Bassa danni per poco meno di 13 miliardi, 12 miliardi e sei-sette.
Per la ricostruzione dei privati, la Cassa Depositi e Prestiti ha messo a disposizione 6 miliardi, circa la metà. Di questi, a oggi ne sono stati impiegati (che non significa “dati” tutti quanti), 300 milioni. Cioè, stiamo parlando di un ventesimo della cifra a disposizione».

Intervista a Sandro Romagnoli, portavoce del Comitato Sisma.12, realizzata per TvQui da Samantha Taglini: vai alla fonte originale

Vedi il video da Tv Qui

Rubriche

Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    Pomodori da record, a Cavezzo un esemplare di oltre 1 chilo e 600 grammi
    Pomodori da record, a Cavezzo un esemplare di oltre 1 chilo e 600 grammi
    Lo ha coltivato Laura, una studentessa di giurisprudenza con la passione per l'orto[...]
    Asfaltato per errore il pozzo della Secchia rapita
    Asfaltato per errore il pozzo della Secchia rapita
    È successo a Bologna durante lavori stradali[...]
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    I componenti dei team Alboreto is nothing e Wanderlost si sono ritrovati a cena prima di entrare in Mongolia[...]
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Gli equipaggi Alboreto is nothing e Wanderlost hanno attraversato nei giorni scorsi la Pamir Road. LE IMMAGINI[...]
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    Nella puntata di mercoledì 25 luglio si parlerà anche di tardigradi[...]
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: