Mirandola, messe in sicurezza nuove strade in centro e si posa la prima pietra per l’istituto Luosi

posa_prima_pietra_luosiPosa della prima pietra, questa mattina, all’istituto Luosi di Mirandola.   A settembre la nuova scuola sarà pronta”, ha annunciato l’assessore provinciale Cristina Ceretti. E intanto sono state messe in sicurezza altre zone del centro storico. Il Sindaco Maino Benatti ha firmato una nuova ordinanza (clicca qui per il testo), consentendo l’accesso ai pedoni e ai proprietari degli edifici delle zone interessate. I lavori di messa in sicurezza proseguiranno nei prossimi giorni. Tutte percorribili le vie del centro.

Per quanto riguarda invece la posa della prima pietra dell’Istituto Luosi, che è avvenuta proprio nella Giornata della Memoria, come celebrazione della liberazione di Auschwitz, l’assessore Cristina Ceretti ha ricordato agli studenti che “tra le  figure di “Giusti”, la vostra scuola onora Don Dante Sala, cappellano a Mirandola e parroco a San Martino Spino, che ha salvato la vita a centinaia di persone destinate ai campi di concentramento”. Ha osservato come oggi “la propensione della nostra gente alla solidarietà è ancora ben presente e si è manifestata con forza nelle operazioni di emergenza post sisma e in queste ore di aiuto alle persone alluvionate” e ha invitato a ad “arire la vostra scuola alla città, rendetela un luogo fruibile a tutti. Rendete questo luogo di sapere e conoscenza – è l’invito della Ceretti –  il cuore della nuova comunità”.

IL PUNTO SUI LAVORI AL LUOSI Inizieranno a giorni e si concluderanno entro metà settembre, in tempo utile per l’avvio del nuovo anno scolastico, i lavori di recupero dell’istituto tecnico superiore Luosi di Mirandola, gravemente danneggiato dal sisma. L’ha annunciato, in un incontro con gli studenti lunedì 27 gennaio a Mirandola in occasione della firma del verbale di consegna lavori all’impresa aggiudicataria, l’assessore all’Istruzione della Provincia di Modena Cristina Ceretti.

L’edificio, di proprietà della Provincia, ha riportato in seguito al sisma danni importanti alle strutture secondarie. L’intervento, che ha un costo di circa 2 milioni di euro ed è finanziato da Eni, totalmente adeguato alle più recenti norme antisismiche (comunicato n. 94). «Una scuola sicura – ha commentato Cristina Ceretti – dove studenti e insegnanti potranno rientrare a settembre: era un impegno che avevamo preso e che riusciremo a rispettare».

Come ha spiegato Alessandro Manni, direttore Area Lavori pubblici della Provincia, il progetto prevede il consolidamento di parte delle fondazioni e delle strutture portanti in elevazione oltre al ripristino della piena funzionalità dell’edificio attraverso la ricostruzione dei tramezzi e controsoffitti distrutti. Le migliorie introdotte dalla ditta aggiudicataria, il Consorzio Cme di Modena, riguardano l’incremento delle prestazioni energetiche attraverso la coibentazione esterna, il rifacimento di tutte le tramezzature interne con pannelli in cartongesso ad elevate prestazioni fonoassorbenti e di resistenza al fuoco, la sostituzione dei vetricamera degli infissi esterni. Verranno risistemati, inoltre, tutti gli spazi esterni, con impianto di irrigazione delle aree verdi e impianto di videosorveglianza.

Per Giorgio Siena, dirigente scolastico del Luosi, «il ritorno nel 2014 nella sede originaria, migliorata nella struttura e nell’organizzazione degli spazi, è il passaggio oltre l’emergenza con la ricostruzione di edifici scolastici più sicuri e adeguati alla formazione di giovani rivolta al mondo ed all’economia globale».

Eni, che ha interamente finanziato il progetto, «testimonia in questo modo – ha spiegato Lucia Nardi, responsabile delle Iniziative culturali del gruppo – la sua vicinanza a questa comunità, così duramente colpita, individuando nella scuola una delle leve più importanti per ripartire. La scuola è un ambito nel quale Eni è presente da oltre 30 anni con progetti che puntano all’innovazione della didattica: l’idea di contribuire anche alla modernizzazione degli spazi è in perfetta coerenza con questa visione».

L’istituto di istruzione superiore “Luosi” – che comprende liceo classico e linguistico, oltre all’istituto tecnico e professionale per il commercio – è frequentato da 1075 studenti suddivisi in 51 classi. Dal settembre 2012, in seguito al terremoto, la sede dell’istituto è stata trasferita nei moduli temporanei, nel nuovo polo scolastico di Mirandola.

L’edificio del Luosi è disposto su quattro piani: un seminterrato con magazzini, ripostigli, archivi e locali tecnologici, un piano rialzato con atrio, bar, uffici, biblioteca, sala conferenze, due laboratori e quattro aule, mentre il secondo  e terzo piano ospitano ciascuno 13 aule più i laboratori. Il rifacimento totale delle partizioni interne consentirà di adeguare in modo ancor più puntuale gli spazi alle esigenze dell’istituto, in accordo con la dirigenza scolastica.

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Arriva il wifi gratuito al Policlinico e a Baggiovara
    Arriva il wifi gratuito al Policlinico e a Baggiovara
    Al Policlinico la copertura è già attiva in tutti gli edifici ospedalieri, mentre all’Ospedale Baggiovara al momento è limitata ai reparti situati al secondo e terzo piano[...]
    Ubriaco stacca con un morso un dito ad un buttafuori
    Ubriaco stacca con un morso un dito ad un buttafuori
    Voleva entrare a tutti i costi in discoteca[...]
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Grande emozione per il rocker: "Alla fine di tutto o all’inizio di tutto ringrazio comunque sempre il cielo e la chitarra“[...]
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    "Matrimonio di convenienza" nasce dalle lunghe file sulla Canaletto e dai giri in più fatti quando ponte Motta era chiuso. [...]
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    I due cantanti - molto amati dai giovani - hanno cantato in reparto al Policlinico[...]
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Lo strumento aveva certificato che c'era troppo alcol nel sangue (un tasso di 1,77, quando il limite è 0,5 grammi per litro)[...]
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Al via un nuovo piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima[...]
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Giocherà contro la Francia, la partita è in programma il 20 gennaio allo stadio Orange Vélodrome di Marsiglia. [...]
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    La geografia dice una cosa, ma le mappe cognitive che abbiamo in testa possono trarre in inganno[...]
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    L'ordinanza del Tribunale di Roma crea un precedente unico in Italia[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: