Quella neve mancata che fa disastri, il commento del meteorologo Luca Lombroso

sotto il ponte Tav“Senza per questo spaventarsi, è necessario essere pronti alle peggiori eventualità e a modificare i normali tempi di vita e lavoro.
Ricordatevi che case e luoghi in passato ritenuti al sicuro non è detto lo siano ancora e ancor più lo siano in futuro, anche in regola con permessi, licenze edilizie ecc perché l’ambiente cambia più velocemente delle normative e degli scenari di rischio”.
Ecco come commenta il metereologo Luca Lombroso, che posta anche foto della piena del Secchia

Sul suo profilo Facebook si legge “Piogge torrenziali in #emiliaromagna  (…) e anche nel Modenese valori straordinari (prima che il clima cambiasse) per il mese di gennaio.
Peraltro, zero termico a 2000 m, quindi con pioggia anche a quote alte.

luca lombrosoIn un clima normale, senza global warming, oltre che difficilmente a gennaio (e non solo) si avrebbero simili precipitazioni questa sarebbe neve che poi fonderebbe gradualmente a primavera, evitando le piene straordinarie già in atto e portando l’acqua quando serve.

Un paio di puntualizzazioni, veloci ma per far chiarezza

  • 1) con simili piogge piene e, senza opere di difesa idraulica (casse d’espansione) alluvioni sono fisiologiche e inevitabili
  • 2) piene e alluvioni NON dipendono dalla “scarsa manutenzione”
  • 3) le casse d’espansione, benché ormai palesemente insufficienti, funzionano e furono un’opera lungimirante per il nostro territorio
  • 4) ampliarle e migliorarle non vuol dire cavare ghiaia
  • 5) dragare i fiumi è la più grande fesseria che si possa pensare: significa traformarli in canali!
  • 6) molti danni vengono dal passato, esempio la tramezza di Castellarano che ha causato erosioni scavando quasi un canyon a valle di Sassuolo, facendo si che l’acqua scorre più veloce e impetuosa
  • 7) i danni possono e devono essere comunque limitati attraverso la cura del territorio, la giusta e corretta manutenzione e soprattutto prevenzione.
  • 8) non esiste però la “messa in sicurezza”, almeno in termini assoluti: il rischio si riduce, ma non si elimina proprio per definizione di rischio
  • 9) alzare e rinforzare gli argini? forse, ma ricordarsi che dietro un argine si sta asciutti finché l’argine tiene o il fiume non lo supera. In tal caso, diventa ancor più pericoloso
  • 10) adattamento al cambiamento climatico si, ma senza mitigazione e drastico taglio gas serra in futuro NON POTREMO SOPRAVVIVERE AGLI EVENTI ESTREMI.

Detto questo, piove, e pioverà ancora parecchio nelle prossime ore.

Quindi, senza per questo spaventarsi, è necessario essere pronti alle peggiori eventualità e a modificare i normali tempi di vita e lavoro.
Ricordatevi che case e luoghi in passato ritenuti al sicuro non è detto lo siano ancora e ancor più lo siano in futuro, anche in regola con permessi, licenze edilizie ecc perché l’ambiente cambia più velocemente delle normative e degli scenari di rischio.

Chiudo questo post che sono semplici “riflessioni a caldo”. E, per fortuna (grazie al gas di Putini) al caldo.

Sul Panaro on air

    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • WatchCasa Famiglia e giovani immigrati: parla il sindaco di Medolla Filippo Molinari
    • WatchA San Prospero ecco lo stato in cui versa via Verdeta

    Curiosità

    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    I nuotatori di Atlantide Onlus sono partiti venerdì mattina alla volta del Sud. Si chiamano Yuri Gasparini, Emiliano Pasquini e Calogero Serrafini[...]
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Il ricavato della vendita sarà destinato all'Unicef per sostenere il progetto “Italia – Emergenza bambini migranti”.[...]
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    È accaduto nei pressi del centro commerciale Borgogioioso di via dell'Industria a Carpi[...]
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Pubblichiamo il video del Comunedi Modena che in meno di cinque minuti fa rivivere le sensazioni di quella giornata sulle note di “Un mondo migliore”.[...]
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Associated British Foods acquista l'azienda di Cavezzo Acetum spa, i cui marchi includono Mazzetti, Acetum e Fini.[...]
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    A organizzarla il signor Vilmo Pellacani che ha voluto festeggiare i 70 anni con i suoi amici di infanzia e con i nati a Mirandola nel 1947 [...]
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Si chiamano Medolla, Bomporto, Bastiglia e Soliera. E non trascurano le località come Limidi e Villafranca.[...]
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    L’artista prescelto per la realizzazione dell’opera è Stefano Pierotti, il quale a Roma harealizzato la scultura in ricordo di Papa Giovanni Paolo II[...]