Camposanto, partito il percorso di partecipazione per le nuove scuole

1 2 3 scuola!

Al via il processo partecipato per le nuove scuole di Camposanto: l’altra sera l’amministrazione comunale di Camposanto ha presentato il percorso di partecipazione per le nuove scuole di Camposanto, istituendo un tavolo di negoziazione a garanzia della trasparenza e qualità del processo di coinvolgimento della cittadinanza.

“Camposanto ha pagato un prezzo molto alto ai sismi del Maggio 2012. Tra tutti i danni subiti dal patrimonio pubblico, severi sono stati quelli relativi al sistema dei servizi scolastici”. Si legge in una nota del Comune: “Un sistema riattivato in emergenza con scuole temporanee, che hanno consentito di riprendere a pieno regime l’attività già dall’autunno del 2012. Ora, passata l’emergenza, si deve pensare al futuro, della scuola e dei ragazzi, riorganizzando al meglio, in modo moderno e definitivo, l’intero sistema scolastico (scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado).

“La scuola è un bene comune: pensare al suo futuro significa pensarci insieme, Amministrazione Comunale, docenti, alunni, famiglie, cittadini – sostiene Antonella Baldini, Sindaco di Camposanto – per questo l’Amministrazione Comunale ha pensato a un processo di partecipazione che possa coinvolgere tutti i cittadini sulle scelte da fare per riorganizzare il sistema dei servizi scolastici, con due obiettivi primari: COME realizzare le nuove scuole e DOVE realizzarle”.

Tre sono le ipotesi sulle quali i cittadini saranno chiamati ad esprimersi:

  • a) la scuola dell’infanzia e la scuola primaria (materna ed elementare) rimangono dove sono, riadattando gli spazi, mentre la scuola secondaria di primo grado (media) viene ricostruita nell’area delle ex scuole;
  • b) la scuola dell’infanzia (materna) rimane dove è ora, riadattando gli spazi, mentre primaria e secondaria di primo grado (elementare e media) vengono ricostruite su un’area urbana, in una zona di nuova (o recente) urbanizzazione, individuata come idonea da uno studio specifico attuato da esperti;
  • c) l’intero sistema dei servizi scolastici viene ricostruito su un’area urbana, in una zona di nuova (o recente) urbanizzazione, dalle caratteristiche idonee per creare un polo scolastico integrato.

Il percorso partecipato prevede diverse tappe:

  • a)verranno intervistati vari portatori di interesse;
  • b)verranno impegnati gli alunni in diversi laboratori per far loro esprimere l’idea di scuola che vorrebbero;
  • c)verranno coinvolti gli insegnanti e i genitori insieme;
  • d)infine, l’appuntamento più atteso: in una sessione di laboratorio partecipato di 3 ore, sabato 22 marzo alle ore 15 tutta la cittadinanza è chiamata a partecipare, per approfondire, confrontarsi ed esprimersi insieme in merito alle proposte, alle criticità e alle opportunità per il sistema scolastico camposantese del futuro.

Alla fine del percorso partecipato, verrà realizzato un report finale, consegnato all’Amministrazione, che verrà presentata ai cittadini in una serata pubblica conclusiva del percorso che, a quel punto, sarà stato un percorso condiviso da tutta la comunità”.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Nel bel mezzo dei caos dei lavori, è stato scoperto poco dopo mezzogiorno[...]
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    L'ennesima contraffazione per un prodotto della storica azienda modenese in album peruviano. Sulle bustine compare il logo con il nome... taroccato[...]