Egoismo, immaturità e fragilità: ecco perchè finiscono i matrimoni nel nostro territorio, spiega monsignor Tazzioli

divorzio_tribunale_eccesiastico_modena“Egoismo, immaturità ed estrema fragilità dei coniugi  sono evidenti, anche a 30 anni permangono atteggiamenti da bambini: molti  giovani  sono abituati ad avere subito tutto, senza la capacità di mantenere a lungo un impegno. Certi comportamenti impediscono  di costruire una vita di coppia, impegno faticoso  e non facile”. E’ la riflessione che monsignor Vittorino Tazzioli compie sulla fine dei matrimoni religiosi nel nostro territorio. Oggi è stato inaugurato il nuovo anno giudiziario del Tribunale Ecclesiastico.

“Ci vuole sempre più tempo per arrivare a sentenza: le cause sono sempre più complesse, litigiose e faticose di anno in anno: fino a poco tempo fa in 6 mesi era possibile chiudere una causa, erano tra 40 e 50 l’anno quelle più rapide, mentre ora sono solo 12; la durata media di una causa è passata a 353 giorni.

Non ci sono grandi novità, prosegue don  Tazzioli in una nota,  per quanto concerne i capi di nullità  delle sentenze definite: “Egoismo, immaturità ed estrema fragilità dei coniugi  sono evidenti, anche a 30 anni permangono atteggiamenti da bambini: molti  giovani  sono abituati ad avere subito tutto, senza la capacità di mantenere a lungo un impegno. Certi comportamenti impediscono  di costruire una vita di coppia, impegno faticoso  e non facile.

“Gli avvocati – tiene a precisare don Tazzioli – devono attenersi alle tariffe stabilite dalla Cei, il tribunale è aperto al gratuito patrocinio. Importanti, anche se di numero minore, le consulenze gratuite che gli avvocati offrono alle persone, per orientarle al’accesso al Tribunale”: e questo al fine di sfatare il pregiudizio duro a morire  sui costi  eccessivi  di una causa presso il tribunale stesso.

“Un ringraziamento non formale – conclude il Vicario giudiziale – va ai giudici, che fanno un lavoro oscuro, faticoso  e doloroso. La molla fondamentale di questo impegno però  è l’amore, il resto  viene di conseguenza”. Alcuni numeri: 146 le cause  entrate nel 2013, come l’anno precedente, 128 quelle pendenti dall’anno precedente. Da  Carpi 13 cause presentate, 6 da Fidenza, 52 da Modena, 19 da Piacenza; 24 da Parma e 32 da Reggio  Emilia. A fine anno  274 trattate complessivamente, in lieve calo  rispetto  alle 283 del 2012,  134 definite con sentenza, anch’esse in calo: di esse 130 affermative e 4negative. Tre le cause abbandonate o sospese, 137 quelle espletate  complessivamente, ne  restano 137 pendenti a fine anno.

Per quanto riguarda le motivazioni delle sentenze di nullità, esclusione dell’indissolubilità del matrimonio (concesso 64 volte come capo di nullità) ed esclusione della prole (67 volte, erano  55 l’anno precedente) si confermano  come le ragioni prevalenti, seguite da quelle che don Vittorino definisce le “malattie della volontà”, ovvero il difetto nella discrezione del giudizio (decretato 52 volte) e l’incapacità psichica di assumere gli oneri del matrimonio (52). Si tratta persone incapaci di capre che cosa è il matrimonio cristiano, oppure, anche se lo capiscono, di viverlo appieno. I periti del tribunale sono fondamentali per definire questi capi di nullità.

 

Il Tribunale ha sede a Modena e tratta unicamente le cause di nullità del matrimonio nel primo grado di giudizio, per il territorio delle diocesi di Modena-Nonantola, Carpi, Reggio Emilia-Guastalla, Parma, Fidenza e Piacenza-Bobbio. L’appello, nei casi in cui risulta necessario, si svolge invece a Bologna, presso il Tribunale Ecclesiastico Regionale Flaminio.

L’Albo degli avvocati presso il Tribunale Ecclesiastico Regionale Emiliano comprende 32 professionisti; moti di loro sono anche avvocati  rotali, possono quindi patrocinare in tutti i tribunali della Chiesa. Per un accordo tra i due vescovi, sottoscritto dai presidenti, gli avvocati del tribunale di Modena possono patrocinare  presso  quello di Bologna e viceversa. Il costo della causa, per l’attore della causa presso il Tribunale, è di € 525, la metà per la parte convenuta: il costo è stabilito dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Gli  onorari degli avvocati sono stati stabiliti da un decreto della CEI del 2011. Per il processo di primo grado e per il processo d’appello si va da un minimo di € 1.575 ad un massimo di € 2992.

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    Negli uffici postali della provincia di Modena meno pensioni cash allo sportello e sempre più accrediti su libretto o conto Bancoposta[...]
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]