“No tax area” ecco il comitato che la reclama

FRER0020111Ecco il comitato «No tax area per la bassa»: la sua costituzione sarà formalizzata comani sera a Bastiglia in un incontro presso il Borgo della Bastia. «Il comitato», spiega la portavoce Elisabetta Aldrovandi, che chiarisce anche la sua posizione relativamente all’impegno politico che porta avanti (leggi dopo, in questo articolo) «è nato dall’esigenza di dare corpo alle migliaia di voci che, spontaneamente, si sono unite aderendo al gruppo FB, nato due settimane fa proprio con l’intento di rivendicare per l’Emilia, così martoriata da terremoto e alluvione, la No Tax Area e lo stato di calamità.
Il gruppo conta circa 2300 iscritti, e già centinaia sono le persone che hanno sottoscritto l’adesione al Comitato».
«Non vogliamo finanziamenti o sospensioni dal pagamento dalle imposte,» spiega Antonio Spica, presidente del Comitato «ma il risarcimento del danno, ricercando altresì anche attraverso il ricorso alle Autorità Giudiziarie le eventuali cause che hanno provocato la rottura dell’argine, a partire da chi doveva garantire l’integrità per arrivare a chi forse, è stato incapace di gestire l’emergenza sin dalle prime ore».
« Chiediamo – spiega Marco Nora, co-fondatore del Comitato con esperienza tecnica nelle
ordinanze post terremoto – la no tax area o in subordine la Zona franca Urbana, rimborsi al 100 % dei danni subiti in tempi celeri; pretendiamo una gestione opposta a quella del post
sisma, dove, a distanza di 20 mesi è stato erogato meno del 10 per cento della somma stanziata. È altresì indispensabile la sospensione per almeno 12 mesi delle rate di mutuo, finanziamento e leasing, delle utenze; oltre, ovviamente, lo stanziamento immediato di somme per la messa in sicurezza del territorio, e azioni opportune dirette alla verifica e all’accertamento delle responsabilità».

Spiega l’avvocato Elisabetta Aldrovandi:
“Ho intrapreso questa iniziativa come privata cittadina, e il mio impegno del tutto privo di colore politico è stato riconosciuto da moltissime persone, tra cui tanti iscritti al gruppo FB, che di certo hanno idee diverse dalla mia.

Preciso che personalmente non ho subìto danni ingenti né con il terremoto, né con l’alluvione, ma, in entrambi i casi, mi sono adoperata da subito per dare una mano ai miei conterranei, perchè credo che chi, in un momento di difficoltà, ha avuto la fortuna di uscirne indenne, deve prodigarsi per gli altri. Ho studiato e spiegato a decine di cittadini le ordinanze commissariali post terremoto, ho preparato ordini del giorno e denunciato le storture del modo in cui è gestita la ricostruzione, senza, ovviamente, essere ascoltata da chi ha il potere di prendere le decisioni. Ora, con questo Comitato, desidero che i cittadini divengano finalmente consapevoli dei loro diritti, e che sia fatta chiarezza sulle cause e i responsabili di questa gravissima tragedia.

Chi mi accusa di strumentalizzazione facendo leva sulle mie idee politiche, o non ha argomenti seri per negare i nostri diritti, o ha la coscienza sporca, magari di fango. E’ come se, invece di discutere sul contenuto di un testo, mi fosse contestato il fatto che l’ho scritto di un colore, anzichè un altro. Io discuto del contenuto. La forma non ha importanza, e non intendo raccogliere questi biechi tentativi di deviare l’attenzione della gente dai temi che davvero contano, e per cui il nostro Comitato lavora con impegno e sacrificio. Gli Emiliani sono persone intelligenti: a loro interessano le azioni, i contenuti. E il coraggio di metterci la faccia.

Peraltro, e termino, non mi pare che altri comitati siano scevri da personalità di evidente appartenenza politica. Ma, sinceramente, non mi importa. Non sono abituata a valutare la credibilità di una persona dal partito che vota, ma da quello che dice, e, soprattutto, dalle sue azioni.”

Sul Panaro on air

    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • WatchCasa Famiglia e giovani immigrati: parla il sindaco di Medolla Filippo Molinari
    • WatchA San Prospero ecco lo stato in cui versa via Verdeta

    Curiosità

    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    I nuotatori di Atlantide Onlus sono partiti venerdì mattina alla volta del Sud. Si chiamano Yuri Gasparini, Emiliano Pasquini e Calogero Serrafini[...]
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Il ricavato della vendita sarà destinato all'Unicef per sostenere il progetto “Italia – Emergenza bambini migranti”.[...]
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    È accaduto nei pressi del centro commerciale Borgogioioso di via dell'Industria a Carpi[...]
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Pubblichiamo il video del Comunedi Modena che in meno di cinque minuti fa rivivere le sensazioni di quella giornata sulle note di “Un mondo migliore”.[...]
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Associated British Foods acquista l'azienda di Cavezzo Acetum spa, i cui marchi includono Mazzetti, Acetum e Fini.[...]
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    A organizzarla il signor Vilmo Pellacani che ha voluto festeggiare i 70 anni con i suoi amici di infanzia e con i nati a Mirandola nel 1947 [...]
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Si chiamano Medolla, Bomporto, Bastiglia e Soliera. E non trascurano le località come Limidi e Villafranca.[...]
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    L’artista prescelto per la realizzazione dell’opera è Stefano Pierotti, il quale a Roma harealizzato la scultura in ricordo di Papa Giovanni Paolo II[...]