No tax area: sarebbe bello ma non è possibile, dice una indagine realizzata a Mirandola

FRER0020199Obiettivo politico deve essere il “totale risarcimento dei danni subiti, in tempi veloci e modalità semplici, sburocratizzando al massimo le pratiche. Il rischio è quello di illudere persone e imprese relativamente all’istituzione di zone franche, che non sono contemplate dalle norme europee, che non ammettono (pena l’annullamento sanzionato) situazioni di vantaggio competitivo generalizzato.Occorre lavorare per obiettivi possibili, che non vadano ad alimentare un populismo ormai dilagante”.

Sono le risultanze del gruppo di lavoro sulla questione della cosiddetta “fiscalità di vantaggio”, in caso di danni in conseguenza di calamità naturali che,  si legge in una nota inviataci da Alberto Bergamini su carta intestata “I Mirandolesi – Lista civica”, ha avuto l’intento è di mettere in campo proposte praticabili in grado di ottenere risultati concreti, da portare sul tavolo nelle sedi istituzionali, in primis in sede regionale.

Alluvione del 19 gennaio 2014

Vi è molta affinità con le misure adottate per risarcire chi è stato colpito dal terremoto.

Il Consiglio Regionale in data 28 gennaio si è espresso unanimemente per richiedere:

“lo stato d’emergenza, la sospensione di tutte le scadenze fiscali e delle rate di mutui bancari”

Altre forze politiche hanno rivendicato una “No Tax Area” estesa a tutti, in quanto appartenenti all’area geografica colpita.

Riteniamo sia più opportuno lavorare per ottenere il totale risarcimento dei danni subiti, in tempi veloci e modalità semplici, sburocratizzando al massimo le pratiche.

Infatti il rischio è quello di illudere persone e imprese relativamente all’istituzione di zone franche, che non sono contemplate dalle norme europee, che non ammettono (pena l’annullamento sanzionato) situazioni di vantaggio competitivo generalizzato.

Occorre lavorare per obiettivi possibili, che non vadano ad alimentare un populismo ormai dilagante.

Il Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea all’art. 107 (ex art. 87 del TCE) pone un generale divieto di aiuti di Stato, ma ammette deroghe con funzione ripristinatoria in relazione a danni patrimoniali e concorrenziali generati da eventi naturalistici avversi (ad esempio le alluvioni e le esondazioni fluviali).

In conclusione il meccanismo fiscale di aiuto, deve rispettare  queste indicazioni e concretizzarsi in un sussidio economico destinato a ripristinare un bene da un danno subito (che deve essere quantificato e stimato). 

Come dicevamo è indispensabile agire in modo pratico per soluzioni fattibili: di fronte ad un paziente grave e noi sappiamo quanto sia martoriato il nostro territorio, non servono santoni e guaritori, ma portatori di sicurezze e soprattutto di soluzioni.

Ancor più convincente ci appare la lettura delle considerazioni sviluppate dalla Commissione Europea, che ha vagliato scrupolosamente i provvedimenti seguenti al sisma di maggio 2012 (Allegato1).

Secondo noi la No tax area è un concetto troppo vago e di conseguenza strumentalizzabile. Quando applicata è servita per proteggere le fasce di reddito più deboli, esentandole dalle imposte, ma non riferita ad aree geografiche.

Ad esempio l’istituzione di una Zona Franca Urbana a L’Aquila, vittima del terremoto del 6 aprile 2009, non ha avuto  risultati apprezzabili, rivelandosi anzi un triste capitolo.

Il sindaco Cialente parla di città letteralmente presa in giro da mendaci rassicurazioni e mirabolanti promesse legate alla Zona franca; del fatto che si sono persi anni preziosi, causando al nostro sistema economico un danno enorme, aggravato dal totale abbandono del centro.

Nei giorni scorsi il Governo ha di fatto ritirato l’istituzione della Zona franca urbana nel comune dell’Aquila, a favore di un regime De minimis, strumento ritenuto più adeguato.

 

Tornando alla nostra area territoriale, abbiamo elaborato una nostra autonoma proposta, che riteniamo seria e tecnicamente più veloce:    la detassazione dei redditi reinvestiti nella ricostruzione, estesa a tutti i soggetti IRPEF.

Spieghiamo di seguito le motivazioni:

  • si tratta di norme già sperimentate e quindi compatibili con le disposizioni europee (vedi le varie “Leggi Tremonti”), con il vantaggio di essere a burocrazia zero e verificabili ex-post;
  • risulterebbe automatica la distinzione tra chi ha speso soldi per riparare danni e chi no;
  • il saldo Irpef negativo consentirebbe anche a chi detiene redditi bassi di generare crediti d’imposta compensabili o rimborsabili;
  • sarebbe opportuno accompagnare il provvedimento con un mutuo infruttifero garantito dallo Stato, che possa fungere da volano finanziario e di conseguenza snellire i tempi;
  • il conflitto di interessi tra cliente e fornitore garantirebbe operazioni emerse, consentendo di ridurre l’evasione IVA.

In definitiva indichiamo -conclude la nota – come via da seguire i giusti risarcimenti e la rivendicazione di provvedimenti per lo stato d’emergenza, che risultino realizzabili e virtuosi, piuttosto che  la troppo vaga idea di No tax area”.

 

Documentazione allegata e Fonti

Lettera 19/12/2012 della Commissione Europea al Ministro degli Affari Esteri ad oggetto:

Aiuti di Stato SA.35482 (2012/N) – Italia

“Interventi urgenti a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, che hanno interessato il territorio delle Province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova, Cremona e Rovigo”.

http://ec.europa.eu/competition/state_aid/cases/246256/246256_1397082_97_1.pdf

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Nel bel mezzo dei caos dei lavori, è stato scoperto poco dopo mezzogiorno[...]
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    L'ennesima contraffazione per un prodotto della storica azienda modenese in album peruviano. Sulle bustine compare il logo con il nome... taroccato[...]