Piano regionale rifiuti, lettera del Movimento 5 Stelle: “Difende gli inceneritori, non i cittadini”

inceneritori“Continua la mistificazione perpetrata dalla Regione Emilia-Romagna e dal Ministero dell’Ambiente preoccupati di calmare il clamore suscitato dalla loro evidente volontà di mantenere in vita gli impianti di incenerimento in Emilia-Romagna”.
E’ l’esordio della lettera indirizzata al presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani e sottoscritta dal consigliere Andrea Defranceschi e dai portavoce del Movimento 5 Stelle per Camera e Senato Maria Edera Spadoni, Michele Dell’Orco, Vittorio Ferraresi, Giulia Sarti e Michela Montevecchi, Maria Mussini, Elisa Bulgarelli.

“Il presidente Errani -prosegue la nota- pochi mesi fa ha “dimissionato” l’assessore regionale all’Ambiente Sabrina Freda -rea di aver pubblicamente dichiarato che in regione al 2020 sarebbero sufficienti solo 2-3 impianti contro gli 8 attualmente presenti- senza peraltro sostituirla ed avocando a sé le deleghe: questo probabilmente per non avere interferenze nella gestione di una delicata partita che vede coinvolti gli interessi delle ex-municipalizzate. Il Piano Regionale attualmente in discussione continua a prevedere lo spegnimento di solo 1 impianto al 2020 nonostante le proposte concrete avanzate dai sindaci -in prima linea Forlì e Parma- che, attraverso un progetto alternativo e concreto, assicurano che basteranno solo 2 impianti fino al 2020″.

I firmatari della lettera si concentrano sulla nostra città, citando la percentuale di raccolta differenziata. “Queste previsioni di riduzione dei rifiuti urbani nei prossimi anni non vengono assolutamente prese in considerazione nonostante stiano raggiungendo livelli di eccellenza. Parma in pochi mesi è passata dal 48 al 58% di raccolta differenziata: questi risultati di rifiuto residuo a smaltimento la portano a essere il miglior capoluogo della Regione. I Sindaci dell’Emilia Romagna sono arrivati a Roma per ribadire la propria contrarietà ad un piano nazionale che di fatto renderebbe nulli gli sforzi delle amministrazioni locali e dei cittadini che quotidianamente si impegnano per la raccolta differenziata. Ma tutto ciò non interessa alla Regione che si pone invece alcune domande. Perché insistere su un piano poco ambizioso? Dove trovare i rifiuti che mancano per mantenere in funzione alla massima capacità gli impianti? Chissà, magari ricorrendo ai rifiuti speciali di produzione delle industrie oppure aprendo la regione a rifiuti di tutt’Italia.

Hera e Iren sono società private con quote pubbliche in cui siedono molti personaggi legati alle amministrazioni locali scelti per lo più in base alla propria appartenenza di partito piuttosto che alle proprie competenze. La Regione Emilia-Romagna e gli enti pubblici dovrebbero occuparsi della pianificazione dei rifiuti urbani invece di garantire il profitto a queste società che vivono, di fatto, in un mercato protetto. Chi protegge invece i cittadini? Non certo hERRANIren.

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    Il gruppo di ragazze e ragazzi volerà a Cagliari e ha avuto l'onore di essere scelto a rappresentare l'intera regione[...]
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    La signora era in visita, è stata salvata dalla figlia che è riuscita ad avvisare col telefonino[...]
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]