Sanità, ripartito il Fondo nazionale: nel modenese arriva un miliardo di euro

salute_sanità_ospedale_chirurghiAmmonta a quasi 8 miliardi di euro (7.758, 677 milioni) il finanziamento del Fondo sanitario regionale per l’anno 2014, in aumento dello 0,82% sul 2013, secondo la proposta di delibera che ha ottenuto oggi il parere positivo della Commissione Politiche per la salute e politiche sociali dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. All’Azienda Usl di Modena sono assegnati 1.062.397.269 euro.

Rimane invariata al 7,44% rispetto al 2013, la stima della quota di accesso della Regione al Fondo sanitario nazionale che è stato al momento finanziato con risorse certe pari a 107, 901 miliardi di euro. Una dote, per il Servizio sanitario nazionale, che potrebbe aumentare di altri 2 miliardi di euro (portando il finanziamento totale a quota 109,9 miliardi) in base a quanto verrà definito dal Patto per la salute Governo-Regioni, tutt’ora in corso di discussione.

“Di fronte al quadro nazionale che presenta ancora elementi di incertezza sia nella programmazione che nei finanziamenti – ha spiegato l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Carlo Lusenti – , abbiamo deciso di operare con la massima prudenza, per dare comunque certezze alla programmazione delle Aziende sanitarie. Il nostro obiettivo è sempre quello di mantenere alta la qualità dei servizi e delle prestazioni, continuando a rispettare l’equilibrio economico-finanziario, vincolo sia per le aziende che per tutto il sistema sanitario regionale”.

Per il riparto alle Aziende regionali, si è dunque deciso di considerare le disponibilità finanziarie nazionali certe, che come detto ammontano a 107,901 miliardi di euro, anche perché in sede nazionale non è stato ancora deciso se e quanto potranno incidere sulla sanità i nuovi provvedimenti governativi di revisione della spesa (spending review).

In questo quadro, dunque, la sanità dell’Emilia-Romagna può contare attualmente su 7.637,297 milioni di euro di finanziamento nazionale per i Livelli essenziali di assistenza (Lea), cui si aggiungono 121,38 milioni di riparto per la regione di risorse del Fondo nazionale per il finanziamento di obiettivi di carattere prioritario.

“Oltre a queste risorse – ha ricordato Lusenti – anche per il 2014 la Regione ha confermato un impegno finanziario aggiuntivo a sostegno del sistema di welfare, mettendo a disposizione 150 milioni di euro dal bilancio pluriennale 2014-2016”.

Queste risorse verranno utilizzate per finanziarie con 50 milioni le prestazioni aggiuntive, rispetto a quelle comprese nei Lea, garantite dal Servizio sanitario dell’Emilia-Romagna, e per 50 milioni a integrazione della dotazione del Fondo regionale per la non autosufficienza. Dall’ammontare complessivo, inoltre, 50 milioni di euro verranno utilizzati per la copertura finanziaria delle anticipazioni di liquidità erogate dallo Stato nei pagamenti: “in questo modo – ha sottolineato l’assessore – continueremo ad avere tempi di pagamento ai fornitori tra i più bassi in Italia, che rispetto agli attuali 90 giorni potranno ulteriormente scendere”.
Il provvedimento esaminato in Commissione ha previsto anche le disponibilità del Fondo regionale per la non autosufficienza: nel 2014 potrà contare su un finanziamento di 430,6 milioni di euro, cui si aggiunge la quota del Fondo nazionale riconosciuta alla Regione che per il 2014 è stimata in 27 milioni, arrivando dunque a un finanziamento complessivo di 457,6 milioni (contro i 452,3 milioni del 2013).

Il riparto delle risorse 2014 tra le aziende del servizio sanitario regionale
L’assegnazione delle risorse alle Aziende Usl della regione segue criteri predefiniti, che tengono conto della numerosità della popolazione assistita in ogni ambito territoriale di competenza, ponderata in base alle caratteristiche socio-demografiche e ai bisogni di salute della popolazione delle varie aree geografiche.
Il modello si basa sul finanziamento dei Lea, sull’applicazione del sistema tariffario, sul finanziamento delle funzioni integrative a sostengo degli investimenti, a sostegno delle riorganizzazioni e a garanzia dell’equilibrio economico-finanziario.

Le risorse sono così assegnate alle Aziende Usl (in euro):

Piacenza 472.678.177

Parma 685.300.745

Reggio Emilia 780.560.504

Modena 1.062.397.269

Bologna 1.389.145.476

Imola 209.239.918

Ferrara 607.350.346

Romagna 1.750.510.199

Vengono inoltre assegnati direttamente 233,04 milioni di euro complessivi alle Aziende Ospedaliere, Ospedaliero-Universitarie, all’Istituto ortopedico Rizzoli e agli IRCSS regionali per qualificazione delle attività di eccellenza, integrazione tariffaria per impatto ricerca e didattica, riorganizzazioni, investimenti e garanzia dell’equilibrio economico-finanziario.

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]