SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Bastiglia, assemblea “di fuoco” con il sindaco Fogli e l’assessore regionale: 39 milioni di euro di danni

bastiglia_ puliziaIl danno totale ammonta a oltre 39 milioni di euro di cui 6 milioni a beni mobili non registrati, come l’ arredamento. Il danno alle abitazioni ammonta a circa 10 milioni di euro, 12 milioni per le attività economiche. I veicoli danneggiati sono circa 550, per circa 4 milioni“, è iniziata con la conta dei danni fatta dal sindaco l’infuocata assemblea di ieri sera a Bastiglia, affollatissima: c’erano almeno 400 persone. Per le autorità c’era il sindaco, Sandro Fogli, l’ assessore comunale all’Ambiente, Giuseppe Zanasi, il prefetto, Michele di Bari; l’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo, e il presidente della Provincia, Emilio Sabbatini.

Ecco il reportage di Sara Zuccoli per Prima Pagina.

bastiglia centro barche“Zanasi ci prova, a dire il perché le istituzioni sono lì: «Guardiamo al futuro, siamo qui per stabilire i prossimi passi». Ma ogni cosa è difficile da raccontare, alla platea . Perché sono qui, alla Bastia sul Canaletto, le storie più dure di questa alluvione. Le facce di chi ha perso tutto, i volti scuri di chi non può riaprire il suo negozio, il dolore composto di una signora che dice di non farcela più con la rassegnazione di chi «ha perso tutto, anche la bicicletta perchè me l’hanno rubata», con le lacrime che vengono giù al pensiero di quella melma che ha avvolto gli spazi di tutta una vita.

Lì seduta, alla Bastia, c’è la rabbia degli alluvionati che ancora aspettano risposte e ancora non sanno perché, in quel 19 gennaio che tutti ricordano, l’argine del Secchia si è sbriciolato come pane secco davanti alla furia di un fiume arrabbiato. 

Il sindaco
Comincia il sindaco Sandro Fogli, che sottolinea che «l’interesse del territorio è di tutti», puntando tutto sulla necessità di discutere del futuro. E poi arrivano le cifre. Un milione di euro di danni alle scuole, e 600mila messi dalla Regione per un primo intervento: monta su tutte le furie, a questo punto, l’opposizione di Gerardo Maffei, capogruppo di Rinnovamento per Bastiglia e commerciante.

bastiglia centro allagato«Nessuno ha nominato le aziende – ha detto Maffei -, e il vero danno è lì. La scuola è stata costruita con 800mila euro e ha un milione di euro di danni: sono numeri incredibili ma quelli alle aziende e alle imprese sono i peggiori». E la platea applaude, perché molti sono lì per gridare forte, più forte degli altri.

Gli alluvionati si parlano uno sull’altro, e spesso non sono solo le istituzioni a non riuscire a finire il loro intervento, ma anche gli stessi alluvionati che su tanti aspetti (dall’informazione alla gestione del futuro) non hanno la stessa opinione.
L’informazione
Nel mirino da subito finisce proprio l’informazione sul disastro incombente: «Mai avuta» secondo qualcuno. «Ricevuta in ritardo» secondo altri. «Da noi sono passati ad avvisarci» dice una residente e scoppia il putiferio. «Mi hanno avvisato, certo – racconta un’altra residente di San Clemente -, ma non ho potuto fare niente perché non ho avuto il tempo. Nessuno mi ha informato sulle modalità di arrivo dell’acqua e quindi è stato inutile sapere». Perché a Bastiglia, secondo i cittadini, l’informazione è arrivata a macchia d’olio: qualcuno ha saputo (pochissimi a dire il vero), molti non hanno fatto in tempo nemmeno a uscire di casa.

bastigliaÈ così che c’è, seduta alla Bastia, gente che è rimasta in casa per giorni, «senza servizi igienici e con persone disabili a carico». Vengono distribuiti fogli sui quali scrivere le proprie domande, soprattutto per chi, nella sala del confronto, non è riuscita a salire. Si trova la quadra solo oltre le 22, quando emergono i punti di contatto: la voglia di sentirsi sicuri e la certezza che si lavorerà insieme sulla manutenzione.
Il sindaco Fogli dice che «per quello che è capitato in quel momento stiamo fissando una data con i cittadini per la fine di marzo. Lì ci confronteremo con i cittadini per parlare delle modalità con cui è stato comunicato il disastro». «Vogliamo sapere perché non ci avete avvisato, dovevate emanare un’ordinanza» attaccano i cittadini in una platea che mormora di malcontento e di polemica.

bastiglia salvataggioParlare è quasi impossibile. «Non è questa la sede» incalza il sindaco che annuncia che si farà un’altra riunione per parlare del discorso informazione. «Ma noi vogliamo parlarne adesso, chiediamo alcune risposte almeno parziali» risponde la platea, in un botta e risposta che è un ping pong polemico indice di un problema ancora irrisolto.
Aipo
Nella rabbia degli alluvionati inferociti si tuffa anche Francesco Puma, segretario generale di Aipo. Non riesce a parlare, Puma: il suo è un intervento che non si completa perchè se lo mangia la rabbia di chi è lì seduto.
Il presidente Sabattini
Emilio Sabattini, presidente della Provincia di Modena, racconta poi il lavoro fatto «per ottenere convenzioni di favore con le case automobilistiche e le banche», segnale concreto dell’istituzione che ha fatto quello che poteva per dare una mano a tappeto agli alluvionati.
post_alluvione_bastiglia 5L’assessore Gazzolo
«Era una serata interlocutoria» dice Paola Gazzolo, assessore regionale alla Protezione civile. Dopo l’incontro di Albareto, «più interlocutorio, questo era semplicemente per ascoltarvi. Sono orgogliosa della struttura di Protezione civile che abbiamo messo in piedi». Sull’informazione, Gazzolo spiega le «difficoltà nello stabilire come sarebbe stato lo scenario finale di un percorso in divenire. Se avessimo detto di evacuare, con la situazione della viabilità che poi è evoluta come è evoluta, oggi saremmo a parlare di perdite ben più numerose».

bastiglia_fango_3E scoppia ancora un boato di rabbia: «Quello che dice è assurdo – ha risposto una residente -: l’esperienza di stare tre giorni con le mie figlie tappata in mansarda me la sarei evitata. C’erano tante altre vie dalle quali uscire dal paese. Bastiglia non è Milano». Poi Gazzolo spiega che cosa è stato fatto, dall’esenzione per il bollo auto fino alla ricognizione dei danni che entro il 15 marzo deve essere completata, passando per il piano di emergenza per la «rottura improvvisa e inattesa». Ma anche questi due aggettivi fanno rumoreggiare ancora e ancora gli alluvionati.

 

Leggi l’articolo dalla fonte originaria: http://www.lanuovaprimapagina.it/news/modena/7778/Alluvione–istituzioni-sotto-processo-a.html

Rubriche

Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Il 93% sceglie l'espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro[...]
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    L'uomo simulava inseguimenti incurante dei limiti di velocità[...]
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Ci sono anche 40.000 pezzi in deposito tra vetture storiche, modelli attuali e ricambi del reparto Motorsport, Squadra Corse[...]
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Soprattutto in ospedale, dove è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un’infezione correlata all’assistenza[...]
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Abbina camere di albergo, minimo sette, con unità abitative dotate di cucina autonoma che possono essere frazionate e vendute ai privati o affittate [...]
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    E' la sintesi tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. [...]
    Terrorismo, Emilia-Romagna tra le regioni più a rischio
    Terrorismo, Emilia-Romagna tra le regioni più a rischio
    È quanto emerge dal report “Italian Terrorism Infiltration Index 2018” dell’Istituto Demoskopika[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: