Le strade per “La Merica”: il libro sull’epopea di quando gli emigrati eravamo noi

LE STRADE PER “LA MERICA”: AI MUSEI CIVICI DI MODENA IL LIBRO SULL’EPOPEA DEGLI ITALOAMERICANI 
LE STRADE PER “LA MERICA”: AI MUSEI CIVICI DI MODENA IL LIBRO SULL’EPOPEA DEGLI ITALOAMERICANI Domenica 9 marzo ai Musei Civici di Modena l’editore e autore modenese Paolo Battaglia presenta “Trovare l’America”, il volume che racconta l’immigrazione italiana attraverso 500 immagini, nato dalla collaborazione con la Library of Congress di Washington. L’appuntamento, arricchito da proiezioni, testimonianze e canti di migranti, è il secondo del ciclo di eventi collegato alla mostra “Strade”, realizzata dal Museo Civico Archeologico Etnologico

Come eravamo noi italiani – e modenesi – quando “Lamerica” si scriveva senza apostrofi e il miraggio di una vita dignitosa si concretizzava al di là dell’Atlantico. Milioni di persone, di molte regioni italiane, scelsero il Nuovo Mondo per un progetto di vita, per vivere meglio, per costruire un futuro. Oltre 500 fotografie inedite da cui riemergono ricordi toccanti, ricostruzioni e migliaia di nomi di “dagos”, gli italiani che emigrarono negli Stati Uniti alla ricerca di un’occasione di lavoro: è “Trovare l’America”, il volume che l’editore e autore modenese Paolo Battaglia ha curato assieme a Linda Barrett Osborne, nato dalla sorprendente collaborazione tra la casa editrice Anniversary Books di Modena e la Library of Congress di Washington.Domenica 9 marzo alle ore 17.00, presso la Sala Crespellani dei Musei Civici, Battaglia presenta il volume nel corso dell’evento “Le strade per La Merica”. Si tratta del secondo appuntamento del ciclo di eventi collegato alla mostra “Strade”, realizzata dal Museo Civico Archeologico Etnologico.

“Trovare l’America” è una fotografia in chiaroscuro che, per precisa scelta degli autori, affronta sia gli aspetti positivi che quelli negativi dell’immigrazione italiana negli Stati Uniti. Ne riemergono ricordi toccanti, ricostruzioni e migliaia di nomi, famosi e sconosciuti, di anarchici e fascisti, di mafiosi ed eroi, di ricchi e poveri, ripescati fra le storie di sei milioni di italiani che passarono in un secolo al vaglio di Ellis Island. Un’opera che dirada anche molti luoghi comuni sulla figura dell’immigrato italo-americano, soprattutto evidenzia le sfumature, le differenze anche profonde che i protagonisti del fenomeno migratorio portavano con sè. Il libro offre una prospettiva nuova e originale sull’esperienza degli italiani in America, da Colombo fino a Martin Scorsese, il regista italo-americano che ne firma l’introduzione e che l’America l’ha trovata davvero.

La proiezione di immagini commentate dall’autore si alterna alle testimonianze più toccanti che rivivono grazie alle voci degli attori Stefano Vercelli e Magda Siti e a canti di migranti italiani dell’8-900, interpretati da Giovanni Torre e Luigi Catuogno.
L’incontro è anche un’occasione per condividere testimonianze, immagini, documenti con chi è stato o è tuttora migrante: il prezioso contributo di coloro che vorranno partecipare andrà ad arricchire il nascente archivio digitale sull’emigrazione modenese negli USA.

La mostra “Strade”, da cui parte la riflessione sull’immigrazione e l’intercultura, prosegue fino all’8 giugno al Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena. Anch’essa, come il libro “Trovare l’America” e l’incontro in programma domenica, nasce da un percorso partecipato: interviste, slide show, postazioni multimediali, testimonianze, installazioni e oggetti delle raccolte, sono gli elementi al centro dell’esposizione.

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    La signora Maria, "la bustera", compie cento anni
    La signora Maria, "la bustera", compie cento anni
    Si festeggia un secolo di vita per questa nota commerciante[...]
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    Il gruppo di ragazze e ragazzi volerà a Cagliari e ha avuto l'onore di essere scelto a rappresentare l'intera regione[...]
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    La signora era in visita, è stata salvata dalla figlia che è riuscita ad avvisare col telefonino[...]
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]