Le strade per “La Merica”: il libro sull’epopea di quando gli emigrati eravamo noi

LE STRADE PER “LA MERICA”: AI MUSEI CIVICI DI MODENA IL LIBRO SULL’EPOPEA DEGLI ITALOAMERICANI 
LE STRADE PER “LA MERICA”: AI MUSEI CIVICI DI MODENA IL LIBRO SULL’EPOPEA DEGLI ITALOAMERICANI Domenica 9 marzo ai Musei Civici di Modena l’editore e autore modenese Paolo Battaglia presenta “Trovare l’America”, il volume che racconta l’immigrazione italiana attraverso 500 immagini, nato dalla collaborazione con la Library of Congress di Washington. L’appuntamento, arricchito da proiezioni, testimonianze e canti di migranti, è il secondo del ciclo di eventi collegato alla mostra “Strade”, realizzata dal Museo Civico Archeologico Etnologico

Come eravamo noi italiani – e modenesi – quando “Lamerica” si scriveva senza apostrofi e il miraggio di una vita dignitosa si concretizzava al di là dell’Atlantico. Milioni di persone, di molte regioni italiane, scelsero il Nuovo Mondo per un progetto di vita, per vivere meglio, per costruire un futuro. Oltre 500 fotografie inedite da cui riemergono ricordi toccanti, ricostruzioni e migliaia di nomi di “dagos”, gli italiani che emigrarono negli Stati Uniti alla ricerca di un’occasione di lavoro: è “Trovare l’America”, il volume che l’editore e autore modenese Paolo Battaglia ha curato assieme a Linda Barrett Osborne, nato dalla sorprendente collaborazione tra la casa editrice Anniversary Books di Modena e la Library of Congress di Washington.Domenica 9 marzo alle ore 17.00, presso la Sala Crespellani dei Musei Civici, Battaglia presenta il volume nel corso dell’evento “Le strade per La Merica”. Si tratta del secondo appuntamento del ciclo di eventi collegato alla mostra “Strade”, realizzata dal Museo Civico Archeologico Etnologico.

“Trovare l’America” è una fotografia in chiaroscuro che, per precisa scelta degli autori, affronta sia gli aspetti positivi che quelli negativi dell’immigrazione italiana negli Stati Uniti. Ne riemergono ricordi toccanti, ricostruzioni e migliaia di nomi, famosi e sconosciuti, di anarchici e fascisti, di mafiosi ed eroi, di ricchi e poveri, ripescati fra le storie di sei milioni di italiani che passarono in un secolo al vaglio di Ellis Island. Un’opera che dirada anche molti luoghi comuni sulla figura dell’immigrato italo-americano, soprattutto evidenzia le sfumature, le differenze anche profonde che i protagonisti del fenomeno migratorio portavano con sè. Il libro offre una prospettiva nuova e originale sull’esperienza degli italiani in America, da Colombo fino a Martin Scorsese, il regista italo-americano che ne firma l’introduzione e che l’America l’ha trovata davvero.

La proiezione di immagini commentate dall’autore si alterna alle testimonianze più toccanti che rivivono grazie alle voci degli attori Stefano Vercelli e Magda Siti e a canti di migranti italiani dell’8-900, interpretati da Giovanni Torre e Luigi Catuogno.
L’incontro è anche un’occasione per condividere testimonianze, immagini, documenti con chi è stato o è tuttora migrante: il prezioso contributo di coloro che vorranno partecipare andrà ad arricchire il nascente archivio digitale sull’emigrazione modenese negli USA.

La mostra “Strade”, da cui parte la riflessione sull’immigrazione e l’intercultura, prosegue fino all’8 giugno al Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena. Anch’essa, come il libro “Trovare l’America” e l’incontro in programma domenica, nasce da un percorso partecipato: interviste, slide show, postazioni multimediali, testimonianze, installazioni e oggetti delle raccolte, sono gli elementi al centro dell’esposizione.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]