Le strade per “La Merica”: il libro sull’epopea di quando gli emigrati eravamo noi

LE STRADE PER “LA MERICA”: AI MUSEI CIVICI DI MODENA IL LIBRO SULL’EPOPEA DEGLI ITALOAMERICANI 
LE STRADE PER “LA MERICA”: AI MUSEI CIVICI DI MODENA IL LIBRO SULL’EPOPEA DEGLI ITALOAMERICANI Domenica 9 marzo ai Musei Civici di Modena l’editore e autore modenese Paolo Battaglia presenta “Trovare l’America”, il volume che racconta l’immigrazione italiana attraverso 500 immagini, nato dalla collaborazione con la Library of Congress di Washington. L’appuntamento, arricchito da proiezioni, testimonianze e canti di migranti, è il secondo del ciclo di eventi collegato alla mostra “Strade”, realizzata dal Museo Civico Archeologico Etnologico

Come eravamo noi italiani – e modenesi – quando “Lamerica” si scriveva senza apostrofi e il miraggio di una vita dignitosa si concretizzava al di là dell’Atlantico. Milioni di persone, di molte regioni italiane, scelsero il Nuovo Mondo per un progetto di vita, per vivere meglio, per costruire un futuro. Oltre 500 fotografie inedite da cui riemergono ricordi toccanti, ricostruzioni e migliaia di nomi di “dagos”, gli italiani che emigrarono negli Stati Uniti alla ricerca di un’occasione di lavoro: è “Trovare l’America”, il volume che l’editore e autore modenese Paolo Battaglia ha curato assieme a Linda Barrett Osborne, nato dalla sorprendente collaborazione tra la casa editrice Anniversary Books di Modena e la Library of Congress di Washington.Domenica 9 marzo alle ore 17.00, presso la Sala Crespellani dei Musei Civici, Battaglia presenta il volume nel corso dell’evento “Le strade per La Merica”. Si tratta del secondo appuntamento del ciclo di eventi collegato alla mostra “Strade”, realizzata dal Museo Civico Archeologico Etnologico.

“Trovare l’America” è una fotografia in chiaroscuro che, per precisa scelta degli autori, affronta sia gli aspetti positivi che quelli negativi dell’immigrazione italiana negli Stati Uniti. Ne riemergono ricordi toccanti, ricostruzioni e migliaia di nomi, famosi e sconosciuti, di anarchici e fascisti, di mafiosi ed eroi, di ricchi e poveri, ripescati fra le storie di sei milioni di italiani che passarono in un secolo al vaglio di Ellis Island. Un’opera che dirada anche molti luoghi comuni sulla figura dell’immigrato italo-americano, soprattutto evidenzia le sfumature, le differenze anche profonde che i protagonisti del fenomeno migratorio portavano con sè. Il libro offre una prospettiva nuova e originale sull’esperienza degli italiani in America, da Colombo fino a Martin Scorsese, il regista italo-americano che ne firma l’introduzione e che l’America l’ha trovata davvero.

La proiezione di immagini commentate dall’autore si alterna alle testimonianze più toccanti che rivivono grazie alle voci degli attori Stefano Vercelli e Magda Siti e a canti di migranti italiani dell’8-900, interpretati da Giovanni Torre e Luigi Catuogno.
L’incontro è anche un’occasione per condividere testimonianze, immagini, documenti con chi è stato o è tuttora migrante: il prezioso contributo di coloro che vorranno partecipare andrà ad arricchire il nascente archivio digitale sull’emigrazione modenese negli USA.

La mostra “Strade”, da cui parte la riflessione sull’immigrazione e l’intercultura, prosegue fino all’8 giugno al Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena. Anch’essa, come il libro “Trovare l’America” e l’incontro in programma domenica, nasce da un percorso partecipato: interviste, slide show, postazioni multimediali, testimonianze, installazioni e oggetti delle raccolte, sono gli elementi al centro dell’esposizione.

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Fissate le prime dati dei concerti 2018 di Vasco Rossi
    Fissate le prime dati dei concerti 2018 di Vasco Rossi
    Si parte a giugno a Torino, Padova, Roma, Bari e Messina[...]
    Addio a Lando Fiorini, la voce di Roma dall'infanzia a Disvetro di Cavezzo e a Novi
    Addio a Lando Fiorini, la voce di Roma dall'infanzia a Disvetro di Cavezzo e a Novi
    Passò qui l'infanzia nei difficilissimi anni del Dopoguerra[...]
    Si innamora a prima vista e ora la cerca su Facebook
    Si innamora a prima vista e ora la cerca su Facebook
    Un govane di Quistello, dopo aver incrociato gli occhi con una coetanea di Carpi a una cena [...]
    Tuning al Motor Show, quando il sogno americano è made in... Crevalcore
    Tuning al Motor Show, quando il sogno americano è made in... Crevalcore
    Tra le curiosità del Motor Show, nel padiglione dedicato al tuning spiccava anche una Camaro anni '70 rivitalizzata da un'officina di Beni Comunali [...]
    Il vino rubato e sequestrato dato in dono alla Croce Rossa
    Il vino rubato e sequestrato dato in dono alla Croce Rossa
    Si tratta di oltre mille bottiglie che erano state trovate dalla Polizia in un furgone abbandonato sulla Canaletto[...]
    E nella piazza terremotata si addobba per le feste... la gru della ricostruzione
    E nella piazza terremotata si addobba per le feste... la gru della ricostruzione
    Accade a Mirandola con la gru del cantiere all'ombra del vecchio Municipio in piazza Costituente[...]
    Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito in Appennino
    Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito in Appennino
    Lo dicono le stime di Confesercenti Modena [...]
    Anas, Mit e Polizia di Stato: Al via la nuova campagna sulla sicurezza stradale con Francesco Gabbani
    Anas, Mit e Polizia di Stato: Al via la nuova campagna sulla sicurezza stradale con Francesco Gabbani
    In difesa degli utenti più vulnerabili: ciclisti, motociclisti, ciclomotoristi, pedoni. [...]
    Scuderia Imperiale ed Extrema Kart, la Bassa al Motor Show
    Scuderia Imperiale ed Extrema Kart, la Bassa al Motor Show
    Il reparto racing della carrozzeria mirandolese e il kartodromo di Massa Finalese sono i due brand della nostra area presenti alla kermesse bolognese - FOTO[...]
    Accademia per il Balsamico tradizionale, ultimo sabato di assaggi
    Accademia per il Balsamico tradizionale, ultimo sabato di assaggi
    Appuntamento sabato 2 dicembre per 40 maestri, 25 assaggiatori, 40 fra allievi e aspiranti allievi e una mezza dozzina di neofiti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: