Pavarotti, un teatro e un museo nella casa della sua tenuta. La proposta di Nicoletta Mantovani

Luciano_PavarottiLa Casa Rossa, già residenza di Luciano Pavarotti, trasformata in “Casa Museo del Maestro”, mentre la struttura prefabbricata del maneggio della tenuta di stradello Nava a Modena verrebbe convertita in teatro multimediale, con un collegamento pedonale tra i due fabbricati.

Sono le caratteristiche della proposta progettuale avanzata al Comune di Modena dalla vedova di Pavarotti Nicoletta Mantovani per trasformare una parte dell’area in un complesso museale-espositivo in deroga alle destinazioni previste dal Piano particolareggiato, che vi individua attività ippiche. “La destinazione a museo è comunque ammissibile in base alla normativa per la zona urbanistica di riferimento” ha spiegato l’assessore alla Programmazione e gestione del territorio Gabriele Giacobazzi presentando il provvedimento al Consiglio comunale nella seduta di oggi, lunedì 31 marzo.

“La trasformazione della tenuta in complesso espositivo – ha spiegato Giacobazzi – nasce dal desiderio dei promotori, condiviso dal Comune, di non disperdere l’eredità artistica e umana del Maestro, oggi sviluppata dalla Fondazione Luciano Pavarotti, anche aprendo la Casa a tutti i suoi estimatori e consentendo di narrarne la vita negli aspetti più privati, di illustrare i luoghi dove ha sviluppato la sua passione per la musica, per la pittura, per l’ippica… Insomma, il percorso museale immaginato – ha aggiunto l’assessore – consentirebbe di integrare l’atmosfera della vita quotidiana del Maestro con la possibilità, nel teatro multimediale, di assistere alle registrazioni delle sue interpretazioni. E auspichiamo di integrare quel tipo di attività con altre iniziative da realizzare in città”.

Il provvedimento urbanistico si limita a consentire la deroga e prevede per la fase progettuale, attraverso gli atti autorizzativi necessari, la definizione delle dotazioni urbanistiche richieste dalla nuova destinazione e gli interventi utili sulla viabilità di accesso all’area.

Il Consiglio comunale ha approvato la proposta di nulla osta in deroga agli strumenti urbanistici comunali per trasformare una parte della tenuta di Pavarotti in un complesso museale-espositivo. A favore della delibera, presentata lunedì 31 marzo dall’assessore Programmazione e gestione del territorio Gabriele Giacobazzi, hanno votato Pd, Udc e Modena Futura; contro FI-Pdl, Sel e El; si sono astenuti FdI, Ncd, Lega nord, Mpc e Msa.

La Casa Rossa, secondo la proposta progettuale avanzata al Comune di Modena dalla vedova di Pavarotti Nicoletta Mantovani sarebbe trasformata in “Casa Museo del Maestro”, mentre la struttura prefabbricata del maneggio della tenuta di stradello Nava verrebbe convertita in teatro multimediale.

Per FI-Pdl, Sandro Bellei si è detto “contrario a una simile apertura” sostanzialmente per due motivi: “Un simile museo sarebbe indegno alla figura del Maestro e non avrebbe le caratteristiche per richiamare molti turisti, inoltre non vedo perché accontentare chi non ha voluto un monumento per il Maestro, nemmeno di fronte a una decisione unanime del Consiglio”.  Ugualmente, per Olga Vecchi “cambiare la destinazione d’uso dell’area è nell’interesse della famiglia e della Fondazione, ma il museo sarebbe puramente virtuale, non all’altezza di Pavarotti. La consigliera ha anche posto l’accento “sulle difficoltà di accessibilità e di un percorso turistico a vantaggio della città” invitando a subordinare “il consenso al cambio di destinazione d’uso all’assenso della famiglia al monumento per Pavarotti”.

Durante le dichiarazioni di voto, il capogruppo dell’Udc Gian Carlo Pellacani ha ricordato all’Aula che “non stiamo votando la realizzazione di un museo ma solo l’autorizzazione a un cambio di destinazione d’uso”. Il capogruppo di Modena futura ha annunciato voto favorevole. E per il Pd, Salvatore Cotrino ha sottolineato che la delibera rappresenta “un adeguamento delle norme amministrative per mettere nelle condizioni di realizzare l’opera offrendo l’opportunità di avere un luogo dedicato alla musica alla famiglia Pavarotti ma anche alla città intera”.

E Luigia Santoro di Ncd ha affermato: “Questa è un’operazione di marketing privato ma non mi sento di negare un’operazione che non avrà costi per la città e che mi auguro la porti al centro di una richiesta turistica, quindi mi asterrò”

Anche Michele Barcaiuolo di FdI, ha annunciato l’astensione “perché è doveroso riuscire a inquadrare uno dei personaggi più importanti del ‘900 valorizzando un’opportunità per tutta la città e immaginando qualcosa di diverso in cui l’Amministrazione sia protagonista, ma non si può negare a chi ne ha il diritto di fare quanto legittimo”.

Sergio Celloni di Mpc si è detto invece contrario “perché l’Amministrazione comunale deve stare attenta: la realizzazione di un museo deve avere un seguito e un ritorno per la città, andando avanti così proporrò di fare il museo della Fossalta; piuttosto pensiamo a un museo all’opera lirica non per forza vincolato alla famiglia di Pavarotti”.

Federico Ricci, capogruppo di Sel, ha espresso contrarietà “non tanto alla casa museo – anche se ci sarebbe da chiedersi se sia Modena, dove è nato, il luogo più opportuno per la casa museo di Pavarotti o il Principato di Monaco –  ma al nulla osta in deroga agli strumenti urbanistici comunali”.

In sede di replica, l’assessore Giacobazzi ha osservato: “Quella casa è già un piccolo museo, oggi concediamo solo una destinazione d’uso, questo non risolve il problema di trovare una localizzazione a un vero museo. Né il Comune ha rinunciato al monumento per Pavarotti, infatti gli incontri tra i rappresentanti dei settori competenti e Nicoletta Mantovani stanno andando avanti”.

Il sindaco Giorgio Pighi ha infine concluso che si tratta “di un atto strettamente amministrativo: per andare verso la realizzazione del museo occorre una destinazione urbanistica non prevista nell’area e lo strumento per farlo è o una variante urbanistica o un nulla osta in deroga motivato dall’interesse pubblico. Se respingiamo una domanda legittima presentata nei termini delle norme, dovremmo sostenere che non c’è l’interesse pubblico nel museo”.

Sul Panaro on air

    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • WatchCasa Famiglia e giovani immigrati: parla il sindaco di Medolla Filippo Molinari
    • WatchA San Prospero ecco lo stato in cui versa via Verdeta

    Curiosità

    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    I nuotatori di Atlantide Onlus sono partiti venerdì mattina alla volta del Sud. Si chiamano Yuri Gasparini, Emiliano Pasquini e Calogero Serrafini[...]
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Il ricavato della vendita sarà destinato all'Unicef per sostenere il progetto “Italia – Emergenza bambini migranti”.[...]
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    È accaduto nei pressi del centro commerciale Borgogioioso di via dell'Industria a Carpi[...]
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Pubblichiamo il video del Comunedi Modena che in meno di cinque minuti fa rivivere le sensazioni di quella giornata sulle note di “Un mondo migliore”.[...]
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Associated British Foods acquista l'azienda di Cavezzo Acetum spa, i cui marchi includono Mazzetti, Acetum e Fini.[...]
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    A organizzarla il signor Vilmo Pellacani che ha voluto festeggiare i 70 anni con i suoi amici di infanzia e con i nati a Mirandola nel 1947 [...]
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Si chiamano Medolla, Bomporto, Bastiglia e Soliera. E non trascurano le località come Limidi e Villafranca.[...]
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    L’artista prescelto per la realizzazione dell’opera è Stefano Pierotti, il quale a Roma harealizzato la scultura in ricordo di Papa Giovanni Paolo II[...]