SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Pavarotti, un teatro e un museo nella casa della sua tenuta. La proposta di Nicoletta Mantovani

Luciano_PavarottiLa Casa Rossa, già residenza di Luciano Pavarotti, trasformata in “Casa Museo del Maestro”, mentre la struttura prefabbricata del maneggio della tenuta di stradello Nava a Modena verrebbe convertita in teatro multimediale, con un collegamento pedonale tra i due fabbricati.

Sono le caratteristiche della proposta progettuale avanzata al Comune di Modena dalla vedova di Pavarotti Nicoletta Mantovani per trasformare una parte dell’area in un complesso museale-espositivo in deroga alle destinazioni previste dal Piano particolareggiato, che vi individua attività ippiche. “La destinazione a museo è comunque ammissibile in base alla normativa per la zona urbanistica di riferimento” ha spiegato l’assessore alla Programmazione e gestione del territorio Gabriele Giacobazzi presentando il provvedimento al Consiglio comunale nella seduta di oggi, lunedì 31 marzo.

“La trasformazione della tenuta in complesso espositivo – ha spiegato Giacobazzi – nasce dal desiderio dei promotori, condiviso dal Comune, di non disperdere l’eredità artistica e umana del Maestro, oggi sviluppata dalla Fondazione Luciano Pavarotti, anche aprendo la Casa a tutti i suoi estimatori e consentendo di narrarne la vita negli aspetti più privati, di illustrare i luoghi dove ha sviluppato la sua passione per la musica, per la pittura, per l’ippica… Insomma, il percorso museale immaginato – ha aggiunto l’assessore – consentirebbe di integrare l’atmosfera della vita quotidiana del Maestro con la possibilità, nel teatro multimediale, di assistere alle registrazioni delle sue interpretazioni. E auspichiamo di integrare quel tipo di attività con altre iniziative da realizzare in città”.

Il provvedimento urbanistico si limita a consentire la deroga e prevede per la fase progettuale, attraverso gli atti autorizzativi necessari, la definizione delle dotazioni urbanistiche richieste dalla nuova destinazione e gli interventi utili sulla viabilità di accesso all’area.

Il Consiglio comunale ha approvato la proposta di nulla osta in deroga agli strumenti urbanistici comunali per trasformare una parte della tenuta di Pavarotti in un complesso museale-espositivo. A favore della delibera, presentata lunedì 31 marzo dall’assessore Programmazione e gestione del territorio Gabriele Giacobazzi, hanno votato Pd, Udc e Modena Futura; contro FI-Pdl, Sel e El; si sono astenuti FdI, Ncd, Lega nord, Mpc e Msa.

La Casa Rossa, secondo la proposta progettuale avanzata al Comune di Modena dalla vedova di Pavarotti Nicoletta Mantovani sarebbe trasformata in “Casa Museo del Maestro”, mentre la struttura prefabbricata del maneggio della tenuta di stradello Nava verrebbe convertita in teatro multimediale.

Per FI-Pdl, Sandro Bellei si è detto “contrario a una simile apertura” sostanzialmente per due motivi: “Un simile museo sarebbe indegno alla figura del Maestro e non avrebbe le caratteristiche per richiamare molti turisti, inoltre non vedo perché accontentare chi non ha voluto un monumento per il Maestro, nemmeno di fronte a una decisione unanime del Consiglio”.  Ugualmente, per Olga Vecchi “cambiare la destinazione d’uso dell’area è nell’interesse della famiglia e della Fondazione, ma il museo sarebbe puramente virtuale, non all’altezza di Pavarotti. La consigliera ha anche posto l’accento “sulle difficoltà di accessibilità e di un percorso turistico a vantaggio della città” invitando a subordinare “il consenso al cambio di destinazione d’uso all’assenso della famiglia al monumento per Pavarotti”.

Durante le dichiarazioni di voto, il capogruppo dell’Udc Gian Carlo Pellacani ha ricordato all’Aula che “non stiamo votando la realizzazione di un museo ma solo l’autorizzazione a un cambio di destinazione d’uso”. Il capogruppo di Modena futura ha annunciato voto favorevole. E per il Pd, Salvatore Cotrino ha sottolineato che la delibera rappresenta “un adeguamento delle norme amministrative per mettere nelle condizioni di realizzare l’opera offrendo l’opportunità di avere un luogo dedicato alla musica alla famiglia Pavarotti ma anche alla città intera”.

E Luigia Santoro di Ncd ha affermato: “Questa è un’operazione di marketing privato ma non mi sento di negare un’operazione che non avrà costi per la città e che mi auguro la porti al centro di una richiesta turistica, quindi mi asterrò”

Anche Michele Barcaiuolo di FdI, ha annunciato l’astensione “perché è doveroso riuscire a inquadrare uno dei personaggi più importanti del ‘900 valorizzando un’opportunità per tutta la città e immaginando qualcosa di diverso in cui l’Amministrazione sia protagonista, ma non si può negare a chi ne ha il diritto di fare quanto legittimo”.

Sergio Celloni di Mpc si è detto invece contrario “perché l’Amministrazione comunale deve stare attenta: la realizzazione di un museo deve avere un seguito e un ritorno per la città, andando avanti così proporrò di fare il museo della Fossalta; piuttosto pensiamo a un museo all’opera lirica non per forza vincolato alla famiglia di Pavarotti”.

Federico Ricci, capogruppo di Sel, ha espresso contrarietà “non tanto alla casa museo – anche se ci sarebbe da chiedersi se sia Modena, dove è nato, il luogo più opportuno per la casa museo di Pavarotti o il Principato di Monaco –  ma al nulla osta in deroga agli strumenti urbanistici comunali”.

In sede di replica, l’assessore Giacobazzi ha osservato: “Quella casa è già un piccolo museo, oggi concediamo solo una destinazione d’uso, questo non risolve il problema di trovare una localizzazione a un vero museo. Né il Comune ha rinunciato al monumento per Pavarotti, infatti gli incontri tra i rappresentanti dei settori competenti e Nicoletta Mantovani stanno andando avanti”.

Il sindaco Giorgio Pighi ha infine concluso che si tratta “di un atto strettamente amministrativo: per andare verso la realizzazione del museo occorre una destinazione urbanistica non prevista nell’area e lo strumento per farlo è o una variante urbanistica o un nulla osta in deroga motivato dall’interesse pubblico. Se respingiamo una domanda legittima presentata nei termini delle norme, dovremmo sostenere che non c’è l’interesse pubblico nel museo”.

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    Pensano sia un allarme a tenerli svegli, invece è il canto dell'assiolo
    Pensano sia un allarme a tenerli svegli, invece è il canto dell'assiolo
    È il piccolo rapace cantato nella celebre poesia di Giovanni Pascoli[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: