Rifiuti infettivi: sono 32 mila tonnellate in Emilia-Romagna. Ma non sterilizzandoli, smaltirli costa molto di più. Interrogazione in Regione del Movimento 5 Stelle

rifiuti_infettiviSecondo il report 2013 “La Gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna” elaborato dalla Regione Emilia-Romagna e da Arpa Emilia-Romagna, i rifiuti infettivi prodotti nel 2011 nella nostra Regione ammontano a circa 32.000 tonnellate. Sempre secondo lo stesso rapporto, nonostante rappresentino il 27% dei rifiuti ospedalieri prodotti, essi incidono per ben il 60% nei costi di smaltimento dei rifiuti sanitari. Accade perchè non sono sterilizzati. Una azione interrogazione del Movimento 5 Stelle in regione chiede le ragioni di questa scelta.
“Nel nostro paese – spiega il consigliere Andrea De Franceschi –  esiste la migliore tecnologia per sterilizzare i rifiuti ospedalieri infettivi, ma queste macchine sono in funzione solo in pochissimi ospedali italiani e, a quanto ci risulta, nessuna struttura pubblica della nostra regione le ha installate.
Il rifiuto sterilizzato si può smaltire come assimilato a rifiuto urbano (e dunque al costo dell’urbano) oppure è utilizzabile come Combustibile da Rifiuto, riducendo drasticamente il costo di smaltimento a pochi centesimi di euro. Inoltre può essere stoccato per lunghi periodi (fino a 3 mesi) in quanto inerte, ed è ridotto di peso e di volume, per cui si riduce il costo dei trasporti speciali e i pericoli d’inquinamento legati a percolamento e discariche abusive. In pratica evita, di fatto, che dall’ospedale esca rifiuto infetto.
Eppure, la sterilizzazione dei rifiuti infettivi direttamente sul posto consente sia l’abbattimento dei costi, sia la riduzione dei danni ambientali conseguenti ai trasporti e i trattamenti esterni, sia una più oculata e corretta gestione dei rifiuti ospedalieri con una raccolta differenziata al punto di generazione.
Perché questo non succede?
Vogliamo vederci chiaro. Non sarà che si evita il processo di sterilizzazione per questo è ovviamente osteggiato dai grandi colossi delle imprese di smaltimento? Non sarà che il business del trasporto e dello smaltimento dei rifiuti infettivi è troppo vantaggioso per gli smaltitori, per abbatterlo con tecniche moderne e meno inquinanti come la sterilizzazione?
Abbiamo dunque chiesto alla Regione per quale motivo le strutture sanitarie pubbliche non siano dotate di macchine per la sterilizzazione dei rifiuti sanitari infetti e se siano in previsione, per abbattere gli elevati costi di smaltimento di questi rifiuti, piani per la dotazione di macchine per la sterilizzazione nelle strutture sanitarie pubbliche e private”

Leggi il testo completo della interrogazione: interrogazione rifiuti infettivi

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]