“Togliere i distributori di “Gratta e vinci” dalle Poste”, il Partito Democratico lo propone contro la ludopatia

gratta_e_vinciIl gioco compulsivo e le malattie da gioco stanno diventando una vera e propria piaga sociale. Il tema è al centro di una interrogazione presentata dal parlamentare modenese del Pd Edoardo Patriarca che denuncia, nello specifico, il meccanismo di persuasione occulta rappresentato dai distributori automatici di “Gratta e vinci” installati in alcuni uffici postali. “Tale fenomeno – spiega Patriarca – è un problema che potrebbe avere seri effetti su tutta la popolazione, in quanto in gioco non c’è solo l’aspetto economico ma la salute stessa dei cittadini. La vendita di tagliandi “Gratta e vinci”  – spiega Patriarca – avviene, oltre che allo sportello, anche per mezzo di distributori automatici che non sono controllati dal personale e quindi facilmente utilizzabili da minorenni e anziani”.

In attesa, mentre si fa la fila, cade l’occhio sul distributore automatico e scatta l’acquisto: sembra un meccanismo innocuo, ma su soggetti fragili, come minorenni o anziani, potrebbe innescare una forma di acquisto compulsivo fino a cadere nella vera e propria ludopatia. E’ questo il meccanismo denunciato dal parlamentare modenese del Pd Edoardo Patriarca, componente della Commissione Affari sociali della Camera, che ha presentato una interrogazione a risposta scritta sulla mancata regolamentazione della vendita di biglietti “Gratta e vinci” negli uffici postali, in particolare in quelli dove sono stati installati distributori automatici. “Tale fenomeno – spiega l’on. Patriarca – è un problema che potrebbe avere seri effetti su tutta la popolazione, in quanto in gioco non c’è solo l’aspetto economico ma la salute stessa dei cittadini. La vendita di tagliandi “Gratta e vinci”  avviene, oltre che allo sportello, anche per mezzo di distributori automatici che non sono controllati dal personale e quindi facilmente utilizzabili da minorenni e anziani. Questo rappresenta una “tentazione” nei confronti degli utenti che si trovano nell’ufficio postale in attesa del proprio turno e che, quindi, per ingannare l’attesa vengono invitati a tentare la fortuna”. Da tempo ormai le associazioni che s’interessano delle “malattie da gioco” chiedono a gran voce una regolamentazione della vendita dei “Gratta e Vinci”, il cui acquisto compulsivo rappresenta una delle forme più frequenti con la quale si manifesta oggi la ludopatia. E’ per tutte queste ragioni che il parlamentare Pd Edoardo Patriarca, con la sua interrogazione, chiede al Governo e ai ministri competenti “se intendono intervenire e con quali tempi per far fronte a questa  emergenza che colpisce i soggetti più deboli”.

 Stasera a San Felice incontro sui rischi del gioco 

Guarda la puntata di SulPanaro.net in onda su C-100 riguardo questi temi

SulPanaro.net – La posta in gioco – 7/3/2014 (5^ puntata) from Sul Panaro.Net on Vimeo.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]