“Togliere i distributori di “Gratta e vinci” dalle Poste”, il Partito Democratico lo propone contro la ludopatia

gratta_e_vinciIl gioco compulsivo e le malattie da gioco stanno diventando una vera e propria piaga sociale. Il tema è al centro di una interrogazione presentata dal parlamentare modenese del Pd Edoardo Patriarca che denuncia, nello specifico, il meccanismo di persuasione occulta rappresentato dai distributori automatici di “Gratta e vinci” installati in alcuni uffici postali. “Tale fenomeno – spiega Patriarca – è un problema che potrebbe avere seri effetti su tutta la popolazione, in quanto in gioco non c’è solo l’aspetto economico ma la salute stessa dei cittadini. La vendita di tagliandi “Gratta e vinci”  – spiega Patriarca – avviene, oltre che allo sportello, anche per mezzo di distributori automatici che non sono controllati dal personale e quindi facilmente utilizzabili da minorenni e anziani”.

In attesa, mentre si fa la fila, cade l’occhio sul distributore automatico e scatta l’acquisto: sembra un meccanismo innocuo, ma su soggetti fragili, come minorenni o anziani, potrebbe innescare una forma di acquisto compulsivo fino a cadere nella vera e propria ludopatia. E’ questo il meccanismo denunciato dal parlamentare modenese del Pd Edoardo Patriarca, componente della Commissione Affari sociali della Camera, che ha presentato una interrogazione a risposta scritta sulla mancata regolamentazione della vendita di biglietti “Gratta e vinci” negli uffici postali, in particolare in quelli dove sono stati installati distributori automatici. “Tale fenomeno – spiega l’on. Patriarca – è un problema che potrebbe avere seri effetti su tutta la popolazione, in quanto in gioco non c’è solo l’aspetto economico ma la salute stessa dei cittadini. La vendita di tagliandi “Gratta e vinci”  avviene, oltre che allo sportello, anche per mezzo di distributori automatici che non sono controllati dal personale e quindi facilmente utilizzabili da minorenni e anziani. Questo rappresenta una “tentazione” nei confronti degli utenti che si trovano nell’ufficio postale in attesa del proprio turno e che, quindi, per ingannare l’attesa vengono invitati a tentare la fortuna”. Da tempo ormai le associazioni che s’interessano delle “malattie da gioco” chiedono a gran voce una regolamentazione della vendita dei “Gratta e Vinci”, il cui acquisto compulsivo rappresenta una delle forme più frequenti con la quale si manifesta oggi la ludopatia. E’ per tutte queste ragioni che il parlamentare Pd Edoardo Patriarca, con la sua interrogazione, chiede al Governo e ai ministri competenti “se intendono intervenire e con quali tempi per far fronte a questa  emergenza che colpisce i soggetti più deboli”.

 Stasera a San Felice incontro sui rischi del gioco 

Guarda la puntata di SulPanaro.net in onda su C-100 riguardo questi temi

SulPanaro.net – La posta in gioco – 7/3/2014 (5^ puntata) from Sul Panaro.Net on Vimeo.

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    La signora Maria, "la bustera", compie cento anni
    La signora Maria, "la bustera", compie cento anni
    Si festeggia un secolo di vita per questa nota commerciante[...]
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    Il gruppo di ragazze e ragazzi volerà a Cagliari e ha avuto l'onore di essere scelto a rappresentare l'intera regione[...]
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    La signora era in visita, è stata salvata dalla figlia che è riuscita ad avvisare col telefonino[...]
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]