Alcol e anziani, un bicchiere in meno, un momento in più

Da sinistra_Annovi, Spanò, Marcon, DavolioIl consumo di alcolici come fattore di rischio per la salute non interessa soltanto i giovani o i giovanissimi, come spesso si è portati a pensare. Secondo gli ultimi dati Istat, infatti, tra le persone con più di 65 anni d’età, il 40% degli uomini e il 10% delle donne hanno comportamenti rischiosi legati al consumo di bevande alcolicheIn Emilia Romagna, in base all’indagine PASSI 2012, un over 65enne su quattro avrebbe problemi correlati al consumo di alcolici (in prevalenza si tratta di uomini). In particolare, a Modena, isette centri alcologici del Servizio Dipendenze Patologiche dell’Ausl hanno seguito nel corso dell’ultimo anno 1.340 pazienti. Di questi, il 17% ha un’età superiore a 60 anni (226 casi).

Per aiutare gli anziani a capire quanto le sostanze alcoliche siano correlate a molti rischi per la salute, le Azienda sanitarie di Modena, insieme alle associazione di auto-aiuto e ad Auser, organizzano durante il mese di aprile, dedicato a livello nazionale alla prevenzione alcologica, un vasto calendario di appuntamenti in quasi tutti i comuni della provincia. Il messaggio quest’anno è “Un bicchiere in meno, un momento in più” per sottolineare che sono molte le occasioni per mantenere uno stile di vita attivo: una passeggiata, una partita a carte, un ballo, il giardinaggio, il tempo dedicato ai nipoti. Momenti che possono essere vissuti senza la compagnia dell’alcol.

Nella nostra società l’alcol fa parte della vita quotidiana – spiega il Responsabile del progetto interaziendale “Alcol” Claudio Annovi – e in particolare, per molte persone anziane un bicchiere di vino o una birra è l’accompagnamento fisso di qualsiasi occasione, come un pasto o un pomeriggio tra amici. Tuttavia l’assunzione di alcol da parte degli anziani è molto pericoloso, prima di tutto perché l’anziano ha una minor capacità di metabolizzazione dell’alcol assunto”. Il consumo di alcolici negli anziani è infatti di tipo essenzialmente tradizionale, caratterizzato dall’assunzione di vino durante i pasti.

Proprio per questo motivo, il ‘tipo’ prevalente di comportamento “a rischio” negli over 65enni coincide con un consumo giornaliero non moderato di bevande alcoliche. La presenza molto elevata di anziani tra i consumatori a rischio va anche messa in relazione con la possibile non conoscenza da parte di questo segmento di popolazione della quantità di alcol da consumare con un basso  indice  di  rischio per la salute.

Le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) indicano per l’uomo un “consumo moderato” entro il limite di 2 unità alcoliche al giorno, di 1 unità per la donna e di 1 sola unità alcolica per gli anziani, da consumarsi durante i pasti. Per gli adolescenti fino ai 16 anni l’Oms raccomanda l’astensione totale dal consumo di alcol.

I consumi che eccedono tali soglie possono considerarsi potenzialmente a rischio. Inoltre la tollerabilità all’alcol può essere compromessa anche da condizioni di salute, assunzione di farmaci o altri fattori individuali. Gli anziani probabilmente mantengono comportamenti acquisiti nel corso della vita, non consapevoli degli aumentati rischi per la salute all’avanzare dell’età.

La campagna ha l’obiettivo di informare gli over 65enni modenesi sui rischi connessi al consumo di sostanze alcoliche, a partire dalla raccomandazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che individua in una singola unità di alcol al giorno (equivalente a un bicchiere) la soglia di sicurezza per la salute delle persone anziane” sottolinea il Direttore Socio-Sanitario dell’Azienda Usl di Modena,Massimo Marcon. Per questo motivo è stato scelto lo slogan “Un bicchiere in meno, un momento in più” per caratterizzare la campagna di prevenzione alcologica del 2014.

I materiali della campagna, realizzati insieme ai volontari dell’associazione Auser di Modena, contengono informazioni sulla maggior vulnerabilità degli anziani agli effetti delle sostanze alcoliche. Sono stati realizzati locandinepieghevoli e sottobicchieri con il messaggio “I rischi dell’alcol aumentano con l’età”. I materiali, oltre che presso i servizi delle aziende sanitarie, saranno distribuiti in molti contesti sociali della provincia di Modena, come circoli aggregativi per anziani, orti urbani, sedi di associazioni.

I dati

A livello europeo il 27% degli over 55enni, negli ultimi 12 mesi, ha avuto almeno un episodio settimanale di “binge-drinking” (ovvero l’assunzione smodata di alcolici, con più di 5 unità assunte in un’unica occasione). Nel 2012, a livello regionale, le percentuali più elevate di consumatori “a rischio” sono state rilevate proprio tra le persone con più di 65 anni d’età. In particolare tra  gli uomini  eccedono nei consumi di alcol, non attenendosi alle indicazioni di sanità pubblica,  il 42,9%  della classe di età 65-74 anni  e il 37,7%, di quella degli ultra 75enni   

Quali rischi si corrono

Il consumo di alcol costituisce uno dei tre problemi prioritari di salute del mondo, come recentemente confermato da importanti documenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità tra cui il Rapporto “L’alcol nell’Unione Europea” del 2012. Benché solo la metà della popolazione mondiale assuma alcol, esso è la terza causa mondiale di malattia e morte prematura, preceduto dal basso peso alla nascita e dal sesso non protetto, con un impatto superiore a quello del tabacco. Secondo gli ultimi studi scientifici, per l’uomo un “consumo moderato” di alcol è pari a due o tre unità alcoliche al giorno, mentre per la donna e per gli anziani la giusta quantità è di una sola unità alcolica. Il consumo di alcol può alterare l’effetto dei farmaci, ad aggravare i sintomi di ansia e depressione. L’abuso di sostanze alcoliche, inoltre, può provocare un certo grado di atrofia cerebrale con deficit della percezione visiva, dell’apprendimento e della memoria.

I partner della campagna

L’iniziativa, organizzata nell’ambito del programma territoriale “Comunicazione e Promozione della Salute” e sostenuta dalla CTSS(Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria), è realizzata insieme alle associazioni Alcolisti Anonimi, Al-Anon – Familiari di Alcolisti, Club Alcologici Territoriali, Auser Modena. Collaborano alla campagna anche l’Associazione Italiana Ospedalità Privata dell’Emilia-Romagna, l’Ordine Provinciale dei Medici, l’Ordine Provinciale dei Farmacisti, Federfarma Modena e Farmacie Comunali di Modena.  

Le iniziative in provincia di Modena

Tante iniziative, diverse tra loro, ma con l’obiettivo comune di far riflettere sul tema dei rischi del consumo di bevande alcoliche.  Tra gli eventi più significativi organizzati in provincia di Modena, da segnalare il convegno “Alcol: effetti sulla salute dell’anziano” in programma mercoledì 16 aprile a Baggiovara, rivolto agli operatori -sanitari e l’evento formativo diretto ai servizi socio-sanitari  territoriali in calendario il 7 maggio prossimo a Modena.

 

Per conoscere il calendario completo delle iniziative, è possibile visitare la sezione web sul sito www.ppsmodena.it/alcol.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]