SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Alcol e anziani, un bicchiere in meno, un momento in più

Da sinistra_Annovi, Spanò, Marcon, DavolioIl consumo di alcolici come fattore di rischio per la salute non interessa soltanto i giovani o i giovanissimi, come spesso si è portati a pensare. Secondo gli ultimi dati Istat, infatti, tra le persone con più di 65 anni d’età, il 40% degli uomini e il 10% delle donne hanno comportamenti rischiosi legati al consumo di bevande alcolicheIn Emilia Romagna, in base all’indagine PASSI 2012, un over 65enne su quattro avrebbe problemi correlati al consumo di alcolici (in prevalenza si tratta di uomini). In particolare, a Modena, isette centri alcologici del Servizio Dipendenze Patologiche dell’Ausl hanno seguito nel corso dell’ultimo anno 1.340 pazienti. Di questi, il 17% ha un’età superiore a 60 anni (226 casi).

Per aiutare gli anziani a capire quanto le sostanze alcoliche siano correlate a molti rischi per la salute, le Azienda sanitarie di Modena, insieme alle associazione di auto-aiuto e ad Auser, organizzano durante il mese di aprile, dedicato a livello nazionale alla prevenzione alcologica, un vasto calendario di appuntamenti in quasi tutti i comuni della provincia. Il messaggio quest’anno è “Un bicchiere in meno, un momento in più” per sottolineare che sono molte le occasioni per mantenere uno stile di vita attivo: una passeggiata, una partita a carte, un ballo, il giardinaggio, il tempo dedicato ai nipoti. Momenti che possono essere vissuti senza la compagnia dell’alcol.

Nella nostra società l’alcol fa parte della vita quotidiana – spiega il Responsabile del progetto interaziendale “Alcol” Claudio Annovi – e in particolare, per molte persone anziane un bicchiere di vino o una birra è l’accompagnamento fisso di qualsiasi occasione, come un pasto o un pomeriggio tra amici. Tuttavia l’assunzione di alcol da parte degli anziani è molto pericoloso, prima di tutto perché l’anziano ha una minor capacità di metabolizzazione dell’alcol assunto”. Il consumo di alcolici negli anziani è infatti di tipo essenzialmente tradizionale, caratterizzato dall’assunzione di vino durante i pasti.

Proprio per questo motivo, il ‘tipo’ prevalente di comportamento “a rischio” negli over 65enni coincide con un consumo giornaliero non moderato di bevande alcoliche. La presenza molto elevata di anziani tra i consumatori a rischio va anche messa in relazione con la possibile non conoscenza da parte di questo segmento di popolazione della quantità di alcol da consumare con un basso  indice  di  rischio per la salute.

Le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) indicano per l’uomo un “consumo moderato” entro il limite di 2 unità alcoliche al giorno, di 1 unità per la donna e di 1 sola unità alcolica per gli anziani, da consumarsi durante i pasti. Per gli adolescenti fino ai 16 anni l’Oms raccomanda l’astensione totale dal consumo di alcol.

I consumi che eccedono tali soglie possono considerarsi potenzialmente a rischio. Inoltre la tollerabilità all’alcol può essere compromessa anche da condizioni di salute, assunzione di farmaci o altri fattori individuali. Gli anziani probabilmente mantengono comportamenti acquisiti nel corso della vita, non consapevoli degli aumentati rischi per la salute all’avanzare dell’età.

La campagna ha l’obiettivo di informare gli over 65enni modenesi sui rischi connessi al consumo di sostanze alcoliche, a partire dalla raccomandazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che individua in una singola unità di alcol al giorno (equivalente a un bicchiere) la soglia di sicurezza per la salute delle persone anziane” sottolinea il Direttore Socio-Sanitario dell’Azienda Usl di Modena,Massimo Marcon. Per questo motivo è stato scelto lo slogan “Un bicchiere in meno, un momento in più” per caratterizzare la campagna di prevenzione alcologica del 2014.

I materiali della campagna, realizzati insieme ai volontari dell’associazione Auser di Modena, contengono informazioni sulla maggior vulnerabilità degli anziani agli effetti delle sostanze alcoliche. Sono stati realizzati locandinepieghevoli e sottobicchieri con il messaggio “I rischi dell’alcol aumentano con l’età”. I materiali, oltre che presso i servizi delle aziende sanitarie, saranno distribuiti in molti contesti sociali della provincia di Modena, come circoli aggregativi per anziani, orti urbani, sedi di associazioni.

I dati

A livello europeo il 27% degli over 55enni, negli ultimi 12 mesi, ha avuto almeno un episodio settimanale di “binge-drinking” (ovvero l’assunzione smodata di alcolici, con più di 5 unità assunte in un’unica occasione). Nel 2012, a livello regionale, le percentuali più elevate di consumatori “a rischio” sono state rilevate proprio tra le persone con più di 65 anni d’età. In particolare tra  gli uomini  eccedono nei consumi di alcol, non attenendosi alle indicazioni di sanità pubblica,  il 42,9%  della classe di età 65-74 anni  e il 37,7%, di quella degli ultra 75enni   

Quali rischi si corrono

Il consumo di alcol costituisce uno dei tre problemi prioritari di salute del mondo, come recentemente confermato da importanti documenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità tra cui il Rapporto “L’alcol nell’Unione Europea” del 2012. Benché solo la metà della popolazione mondiale assuma alcol, esso è la terza causa mondiale di malattia e morte prematura, preceduto dal basso peso alla nascita e dal sesso non protetto, con un impatto superiore a quello del tabacco. Secondo gli ultimi studi scientifici, per l’uomo un “consumo moderato” di alcol è pari a due o tre unità alcoliche al giorno, mentre per la donna e per gli anziani la giusta quantità è di una sola unità alcolica. Il consumo di alcol può alterare l’effetto dei farmaci, ad aggravare i sintomi di ansia e depressione. L’abuso di sostanze alcoliche, inoltre, può provocare un certo grado di atrofia cerebrale con deficit della percezione visiva, dell’apprendimento e della memoria.

I partner della campagna

L’iniziativa, organizzata nell’ambito del programma territoriale “Comunicazione e Promozione della Salute” e sostenuta dalla CTSS(Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria), è realizzata insieme alle associazioni Alcolisti Anonimi, Al-Anon – Familiari di Alcolisti, Club Alcologici Territoriali, Auser Modena. Collaborano alla campagna anche l’Associazione Italiana Ospedalità Privata dell’Emilia-Romagna, l’Ordine Provinciale dei Medici, l’Ordine Provinciale dei Farmacisti, Federfarma Modena e Farmacie Comunali di Modena.  

Le iniziative in provincia di Modena

Tante iniziative, diverse tra loro, ma con l’obiettivo comune di far riflettere sul tema dei rischi del consumo di bevande alcoliche.  Tra gli eventi più significativi organizzati in provincia di Modena, da segnalare il convegno “Alcol: effetti sulla salute dell’anziano” in programma mercoledì 16 aprile a Baggiovara, rivolto agli operatori -sanitari e l’evento formativo diretto ai servizi socio-sanitari  territoriali in calendario il 7 maggio prossimo a Modena.

 

Per conoscere il calendario completo delle iniziative, è possibile visitare la sezione web sul sito www.ppsmodena.it/alcol.

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: