SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Caos prenotazioni, i farmacisti: “E ora basta subire le decisioni altrui”

“Nei giorni più critici il sistema per le prenotazioni di esami e visite non è collassato grazie ai farmacisti che hanno comunque garantito la continuità del servizio. Ora però costruiamo percorsi nuovi per evitare che la rete possa essere messa in difficoltà a seguito di scelte che penalizzano soprattutto le farmacie presenti nei piccoli centri” . I farmacisti rivendicano più attenzione e potere decisionale dopo i giorni difficili del caos prenotazioni, quando, con l’avvio del nuovo sistema informatico, si sono stati disagi, code, malumori e risse sfiorate per le lunghe attese.  

SilvanaCasale“Senza il nostro supporto – scrivono oggi i farmacisti -il sistema sarebbe collassato, con il risultato che migliaia di cittadini, almeno per qualche settimana, avrebbero avuto serie difficoltà a prenotare visite ed esami specialistici. Lo sottolineiamo oggi, non per riaprire una polemica, quanto piuttosto per riproporre all’Azienda Usl un tema per noi centrale, vale a dire un maggiore coinvolgimento delle farmacie allorquando maturano le scelte che vanno ad incidere sulla organizzazione dei servizi sanitari territoriali dei quali siamo parte integrante.” A parlare è il presidente di Federfarma Modena, l’Associazione che riunisce la totalità delle farmacie private della provincia, Silvana Casale (in foto a sinistra) che coglie l’occasione anche per ringraziare nuovamente pubblicamente i colleghi che pur tra mille difficoltà hanno assicurato la continuità del servizio CUP.

“Superata, almeno in buona parte, la fase più complessa legata al cambiamento del programma utilizzato per le prenotazioni, Federfarma intende ora mantenere alta l’attenzione sulla centralità della rete delle farmacie, senza la quale non sarebbe possibile fornire un servizio così capillarmente diffuso sul territorio. Non di rado – si legge in una nota di Federfarma – i farmacisti si sono trovati a dover ratificare, se non a subire, delle decisioni già assunte. Il lodevole rafforzamento dei servizi territoriali, necessita di una progettualità che tenga conto di tutti gli attori presenti in modo che le scelte che si fanno, che rischiano di scardinare equilibri fondamentali, non facciano saltare quel modello di distribuzione dei farmaci che il mondo ci invidia.

“L’argomento, ne siamo consapevoli, è molto delicato perché riguarda la salute di tutti i cittadini e va quindi affrontato nei modi e nei tempi giusti attraverso un confronto costruttivo, ma non può essere eluso. La distribuzione diretta dei farmaci, effettuata cioè attraverso le farmacie ospedaliere o altri punti di consegna come le Case della Salute, continua ad essere un tema caldo rispetto al quale la preoccupazione è molto alta perché davvero sta minando l’esistenza stessa della rete”  prosegue Silvana Casale.

“Si continua a dare per scontato che la farmacia ci sia sempre e comunque, anche dove il numero di abitanti è ridotto. Ma non è più così scontato, perché l’equilibrio economico è sempre più precario a causa di scelte che troppo spesso portano a distribuire una serie di tipologie di medicinali escludendo le farmacie territoriali – aggiunge il neo consigliere di Federfarma Modena, Leonardo Manicardi (in foto, qui sotto), da quattro anni titolare della farmacia di Polinago, piccolo comune dell’appennino con circa 1.700 abitanti distribuiti in un territorio montano più grande di un comune come quello di Formigine.

“Le farmacie, non dimentichiamolo, svolgono un’importante funzione sociale e sono in grado di assicurare il servizio farmaceutico, 24 ore al giorno, 365 giorni, grazie ad una capillare distribuzione che consente di essere presenti anche nelle zone più disagiate. È poi evidente che nei paesi più piccoli, dove spesso sono assenti altre strutture sanitarie pubbliche, il cittadino trova nel farmacista la figura professionale che assicura, senza ritardo, non solo la consegna di tutti i medicinali di cui ha necessità, ma anche una serie di servizi essenziali che altrimenti sarebbero più difficilmente accessibili come la possibilità di effettuare prenotazioni di esami e visite, evitando spostamenti inutili, o di ricevere indicazioni qualificate sull’utilizzo più appropriato di farmaci che magari sono stati consegnati in occasione della dimissione dall’ospedale.

Leonardo_ManicardiAggiungo che molti dei farmacisti che operano in località più disagiate, ma non solo, consapevoli di fornire un servizio dalla forte valenza socio-sanitaria, quando ci sono persone che non riescono a venire in farmacia, provvedono alla consegna gratuita a domicilio. Sappiamo che questo appartiene al ruolo che svolgiamo e anzi siamo pronti a sviluppare ancora di più la farmacia dei servizi. Con la stessa franchezza però non nascondiamo che oggi la sopravvivenza di alcune piccole farmacie è seriamente a rischio. E questo a nostro parere non può essere vissuto come un problema della singola farmacia o del Comune interessato. Ciò che si deve tutelare è la rete nel suo complesso, perché altrimenti i principi di equità e di accessibilità ai servizi dedicati alla salute escono indeboliti e peggiora quindi la qualità del servizio.” conclude Leonardo Manicardi.

 

LE FARMACIE PRESENTI IN PROVINCIA DI MODENA

A oggi le farmacie attive sono 175, delle quali 150 private (86% del totale) e 25 di proprietà dei comuni. Sul totale, le farmacie rurali, quelle cioè attive in Comuni con non più di 5000 abitanti sono 68.

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: