SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Femminicidio a Massa, “Denunciare sempre la violenza, non è un caso che si scateni”, ricorda da Italia Vera l’avvocata Aldrovandi

manifesto_vergogna_25181Elisabetta Aldrovandi, referente per Modena e provincia dell’associazione L’Italia Vera, che si occupa di tutelare le vittime da ogni forma di violenza, interviene sull’omicidio di Massa Finalese: “I casi di violenza e assassinii tra le mura domestiche sono in preoccupante aumento: nel solo 2013 sono state circa 120 le donne uccise da mariti o ex compagni. Nel caso di Massa Finalese, non sembrava, all’apparenza, sussistere alcuna situazione di disagio familiare o di conflitto particolarmente grave, anche se l’omicidio è avvenuto al culmine di un violento litigio all’interno della coppia, ed è stato particolarmente efferato per le modalità, avendo l’omicida fracassato il cranio della vittima a suon di botte.

Il litigio, peraltro, era stato percepito dai vicini di casa, pur senza comprendere la gravità della situazione. Come associazione, viviamo quotidianamente casi di violenza in ambito familiare, e possiamo certamente affermare che difficilmente episodi di tale efferatezza avvengono all’improvviso, in assenza di qualsiasi segnale rivelatore di forte conflittualità all’interno della coppia, unita all’incapacità di risolvere le incomprensioni.

Personalmente, sono da tempo assai attenta a questo tragici fenomeni, che, nonostante i tentativi di instillare la cultura del rispetto nei confronti dell’altro, soprattutto del soggetto più debole all’interno dei rapporti sentimentali e affettivi, sono in costante aumento.
Ho partecipato alla stesura di un disegno di legge sull’omicidio di genere, nel quale si cerca di dare una particolare connotazione di aggravante agli episodi di violenza perpetrati non solo in ambito familiare, ma nei quali l’elemento della differenza di genere sessuale è spesso scatenante della violenza. È evidente che l’attuale sistema non è di per sè sufficiente né a reprimere queste condotte, né a rieducare adeguatamene il colpevole di questi delitti, nei quali l’elemento emotivo e psicologico giocano un ruolo fondamentale. È poi ovvio che i continui provvedimenti di condono delle pene, i cosiddetti svuotacarceri, che si continuano a promulgare, e che condonano cinque mesi di pena per ogni anno di condanna, oltre al ricorso a misure alternative al carcere, possono certamente fomentare animi violenti e propensi alla risoluzione dei conflitto attraverso il ricorso alla violenza.

Ricordo, infatti, che quasi tutti i delitti spesso prodromici agli omicidi in ambito familiare (per esempio percosse, minacce, ingiurie, maltrattamenti) sono puniti con misure alternative al carcere, che nella maggior parte dei casi non inficiano minimamente la libertà persona nel del condannato, il quale, di fatto, non porta su di sé alcuna conseguenza per l’illiceità della condotta tenuta.
Ciò comporta, poi, che le vittime rinuncino a denunciare, poiché spesso patiscono sulla propria pelle la “vendetta” del reo, che, anziché comprendere il disvalore del fatto commesso, si abbatte furiosamente contro la propria vittima. È fondamentale non solo una politica culturale di prevenzione a questi tipi di delitti, ma soprattutto reprimere in modo più severo tutti quei delitti che rappresentano l’anticamera di reati assai più gravi e, purtroppo, irreparabili”.

Numero di pubblica utilità 1522 e Rete Nazionale Antiviolenza

E’ il numero di telefono attivo 24 ore su 24 per tutti i giorni dell’anno, gratuito, sia da rete fissa che mobile, con un’accoglienza disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo, russo e arabo. Le operatrici telefoniche dedicate al servizio forniscono una prima risposta ai bisogni delle vittime di violenza di genere e stalking, offrendo informazioni utili e un orientamento verso i servizi socio-sanitari pubblici e privati attivi a livello locale.Il

Per richiedere chiarimenti e informazioni si può inviare un’email a: violenza.po@governo.it

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: