Femminicidio a Massa, “Denunciare sempre la violenza, non è un caso che si scateni”, ricorda da Italia Vera l’avvocata Aldrovandi

manifesto_vergogna_25181Elisabetta Aldrovandi, referente per Modena e provincia dell’associazione L’Italia Vera, che si occupa di tutelare le vittime da ogni forma di violenza, interviene sull’omicidio di Massa Finalese: “I casi di violenza e assassinii tra le mura domestiche sono in preoccupante aumento: nel solo 2013 sono state circa 120 le donne uccise da mariti o ex compagni. Nel caso di Massa Finalese, non sembrava, all’apparenza, sussistere alcuna situazione di disagio familiare o di conflitto particolarmente grave, anche se l’omicidio è avvenuto al culmine di un violento litigio all’interno della coppia, ed è stato particolarmente efferato per le modalità, avendo l’omicida fracassato il cranio della vittima a suon di botte.

Il litigio, peraltro, era stato percepito dai vicini di casa, pur senza comprendere la gravità della situazione. Come associazione, viviamo quotidianamente casi di violenza in ambito familiare, e possiamo certamente affermare che difficilmente episodi di tale efferatezza avvengono all’improvviso, in assenza di qualsiasi segnale rivelatore di forte conflittualità all’interno della coppia, unita all’incapacità di risolvere le incomprensioni.

Personalmente, sono da tempo assai attenta a questo tragici fenomeni, che, nonostante i tentativi di instillare la cultura del rispetto nei confronti dell’altro, soprattutto del soggetto più debole all’interno dei rapporti sentimentali e affettivi, sono in costante aumento.
Ho partecipato alla stesura di un disegno di legge sull’omicidio di genere, nel quale si cerca di dare una particolare connotazione di aggravante agli episodi di violenza perpetrati non solo in ambito familiare, ma nei quali l’elemento della differenza di genere sessuale è spesso scatenante della violenza. È evidente che l’attuale sistema non è di per sè sufficiente né a reprimere queste condotte, né a rieducare adeguatamene il colpevole di questi delitti, nei quali l’elemento emotivo e psicologico giocano un ruolo fondamentale. È poi ovvio che i continui provvedimenti di condono delle pene, i cosiddetti svuotacarceri, che si continuano a promulgare, e che condonano cinque mesi di pena per ogni anno di condanna, oltre al ricorso a misure alternative al carcere, possono certamente fomentare animi violenti e propensi alla risoluzione dei conflitto attraverso il ricorso alla violenza.

Ricordo, infatti, che quasi tutti i delitti spesso prodromici agli omicidi in ambito familiare (per esempio percosse, minacce, ingiurie, maltrattamenti) sono puniti con misure alternative al carcere, che nella maggior parte dei casi non inficiano minimamente la libertà persona nel del condannato, il quale, di fatto, non porta su di sé alcuna conseguenza per l’illiceità della condotta tenuta.
Ciò comporta, poi, che le vittime rinuncino a denunciare, poiché spesso patiscono sulla propria pelle la “vendetta” del reo, che, anziché comprendere il disvalore del fatto commesso, si abbatte furiosamente contro la propria vittima. È fondamentale non solo una politica culturale di prevenzione a questi tipi di delitti, ma soprattutto reprimere in modo più severo tutti quei delitti che rappresentano l’anticamera di reati assai più gravi e, purtroppo, irreparabili”.

Numero di pubblica utilità 1522 e Rete Nazionale Antiviolenza

E’ il numero di telefono attivo 24 ore su 24 per tutti i giorni dell’anno, gratuito, sia da rete fissa che mobile, con un’accoglienza disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo, russo e arabo. Le operatrici telefoniche dedicate al servizio forniscono una prima risposta ai bisogni delle vittime di violenza di genere e stalking, offrendo informazioni utili e un orientamento verso i servizi socio-sanitari pubblici e privati attivi a livello locale.Il

Per richiedere chiarimenti e informazioni si può inviare un’email a: violenza.po@governo.it

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    Negli uffici postali della provincia di Modena meno pensioni cash allo sportello e sempre più accrediti su libretto o conto Bancoposta[...]
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]