SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Foto – Quarant’anni fa, nasceva la A22

Esattamente quarant’anni fa, per la prima volta, un’auto poteva percorre l’intero tratto Brennero – Modena in autostrada. Era l’11 aprile 1974 e il quotidiano Alto Adige titolava: “Finalmente ci siamo. L’Autostrada del Brennero è aperta in tutti i suoi trecento tredici chilometri”.

Erano, infatti, terminati i lavori di costruzione dell’A22 anche nel suo tratto più impegnativo, quello tra Chiusa e Bolzano, caratterizzato da ponti e viadotti. Era il weekend pasquale e la nuova autostrada si apprestava ad accogliere migliaia di automobili.

Sedici aree di servizio erano già operative e in grado di garantire carburanti, assistenza automobilistica e ristoro agli utenti. Così come le piste di esazione che – con apparati di codificazione magnetica – registravano il pedaggio, in funzione della distanza percorsa e della classe tariffaria del veicolo (passeggeri o merci).

Un’autostrada costata 243 miliardi di lire, pari a 780 milioni al chilometro, cifra sulla quale incideva in modo particolare il tratto Chiusa-Bolzano, con un costo di 2.300 milioni al chilometro, vale a dire quasi il triplo del costo medio a chilometro complessivo. Proprio per questo motivo le tariffe di allora, tenevano conto, oltre che della categoria del veicolo, anche del tratto che veniva percorso: quello in pianura “tratta A/Bolzano-Modena” (4,98L/km/auto), o quello in montagna “tratta B/Brennero – Bolzano” (6,03 L/km/auto). Il pedaggio, per le merci, arrivava fino a 10,12 L/Km per la tratta A e a 12,07 L/Km per la tratta B.

Il 1974 si chiudeva, per l’Autostrada del Brennero, con il passaggio di 16.762.803 di veicoli – di cui quasi 5 milioni derivante da quello che oggi definiamo “traffico pesante”, ossia trasporto merci – per un incasso di 11 miliardi di lire. I dipendenti erano 365, dei quali 162 esattori, 98 operai e 105 addetti alle costruzioni.

 

Senza tediare i lettori con un excursus storico di Autostrada del Brennero – più di 50 anni di storia (festeggiati nel 2009) – si ricordano altre date significative. Era il lontano 193quando in un piano contenuto nel volume “Strassen der Welt” di un professore austriaco, Karl Bürger, si ipotizzava per la prima volta un’autostrada del Brennero fino a Trento. Trent’anni più tardi, nel 1964, la Società Autostrada del Brennero consegnava i lavori alle Imprese aggiudicatarie che, con l’organizzazione del cantiere, diedero inizio ai lavori. Fino ad arrivare all’11 aprile 1974 con l’apertura al traffico dell’ultimo tronco Chiusa-Bolzano. Allora, l’A22 si trova a dover affrontare – tra l’altro – una difficile crisi economico-finanziara dovuta all’inflazione, all’aumento del costo del denaro, alla crisi energetica, oltre che all’assetto strutturale finanziario aziendale. La Società era alle prese con un Bilancio in passivo e ci vollero altri 12 anni prima che riuscisse a realizzare un utile di esercizio. Infine, la data di inaugurazione della sede di Autostrada del Brennero, in via Berlino 10 a Trento: il 14 settembre 1984. Tutto questo – quanto a scaramanzia – per dire che la storia insegna che gli anni che finiscono con “4” portano bene all’A22 non sia che la buona sorte l’abbandoni proprio quest’anno.

La Bassa sfiorata – L’Autobrennero, per chi vive nella Bassa, è croce e delizia. Perché allevia il tedio di lunghi percorsi per arrivare alle Alpi – la Canaletto, la Ss12, è detta “dell’Abetone e del Brennero” – ma, per arrivare al primo ingresso fruibile, bisogna farne, di chilometri: la scelta cade inevitabilmente, a seconda del punto di partenza, su Carpi o Reggiolo-Rolo. E’ proprio su questo anello mancante che si basano le richieste di chi vuole la Cispadana. Ma questo è tutto un altro discorso…

 

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: