SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Fotogallery – San Felice inaugurata la microresidenza per anziani

È stata inaugurata questa mattina “Casainsieme”, la nuova residenza per anziani a San Felice sul Panaro, uno dei comuni più colpiti dal sisma del 2012.

Al taglio del nastro erano presenti Marco Arletti, vicepresidente del Gruppo Giovani di Confindustria Modena, Alberto Ribolla, coordinatore del Club dei 15 di Confindustria, Gian Carlo Muzzarelli, assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna, Alberto Silvestri, sindaco di San Felice, Paolo Negro, presidente di Asp, Michele di Bari, prefetto di Modena, e monsignor Antonio Lanfranchi, vescovo di Modena.

Ascolta il discorso del sindaco di San Felice sul Panaro, Alberto Silvestri:

“Un progetto di solidarietà fortemente voluto da Confindustria Modena, e reso possibile grazie al sostegno del Gruppo Giovani e all’impegno economico di tutte le associazioni territoriali appartenenti al Club dei 15 (le associazioni confindustriali delle province italiane a maggiore rilevanza manifatturiera), di numerose aziende e di tanti privati cittadini.  In meno di due anni si legge in una nota dell’associazione -si è passati dalla condivisione del progetto, promosso dall’Asp, (Azienda pubblica di servizi alla persona dei comuni modenesi Area Nord) alla struttura finita.

Un motivo di grande orgoglio per Confindustria Modena. «Sei mesi fa eravamo qui per la posa della prima pietra della residenza, oggi siamo qui per inaugurarla. Non è stato perso un solo giorno rispetto ai tempi che ci eravamo dati», ha dichiarato Marco Arletti, vicepresidente del Gruppo Giovani di Confindustria Modena. «E per questo dobbiamo dire grazie a molti. Al generoso contributo di numerose associazioni territoriali di Confindustria e in particolare di quelle che fanno parte del Club dei 15, alle numerose imprese del territorio e ai tantissimi privati che hanno voluto manifestare concretamente il loro sostegno aderendo al nostro progetto, senza dimenticare il sindaco di San Felice che si è adoperato con ogni mezzo per semplificare procedure e pratiche. E il merito va anche al bel gioco di squadra che si è creato tra il progettista, l’architetto Mauro Frate, e l’azienda costruttrice, la Pi.Ca Holding, che ha eseguito i lavoro a regola d’arte e non ha voluto far mancare il proprio sostegno diretto accollandosi i costi di tutti gli infissi».

 

Alberto Ribolla, coordinatore del Club dei 15 di Confindustria, ha puntato l’accento sul valore che l’impresa ha nella società. «L’impresa manifatturiera ha un ruolo che non è solo economico ma anche sociale e che si estrinseca facendo crescere l’economia e generando posti di lavoro. Ma oggi qui abbiamo fatto di più: abbiamo alleviato le sofferenze delle persone, cosa che ci rende molto orgogliosi. L’impegno a fare bene e la generosità verso la comunità sono valori essenziali del sistema confindustriale. Per questo abbiamo partecipato a questo progetto, perché crediamo che far bene l’impresa fa bene a tutti i cittadini, fa bene al territorio, fa bene alla società».

«È importante questo ulteriore tassello alla ricostruzione», ha ricordato Gian Carlo Muzzarelli, assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna. «Le nostre comunità sono riuscite a stare unite e a rispondere nel modo giusto al disastro che le ha colpite due anni fa. La prima risposta, esempio di un territorio altamente produttivo qual è questa provincia, è stata far ripartire le imprese e difendere il lavoro, e subito dopo tutte le funzioni che danno senso alla società, le scuole, gli ospedali, le strutture collettive. Le imprese hanno saputo usare i danni del terremoto per ridare slancio alle loro attività puntando sull’innovazione e sugli investimenti. E anche questo progetto è un esempio, perché dà corpo a un’idea innovativa di welfare».

Per Paolo Negro, presidente di Asp, questo traguardo va oltre la semplice ricostruzione post terremoto. «Abbiamo innovato profondamente il concetto di welfare locale. Il progetto di housing sociale che stiamo realizzando, struttura dopo struttura, è ai più alti livelli europei, in termini progettuali, architettonici e sociali. Siamo stati capaci di dare una risposta ai bisogni degli anziani offrendo un contesto comunitario protetto che argina la condizione di isolamento e offre una risposta collettiva».

«Questa giornata ci consente di vedere realizzato un sogno», afferma Alberto Silvestri, sindaco di San Felice. «Questa struttura è il segno tangibile della forza di reazione di questa terra. Il terremoto ha messo in evidenza esigenze nuove alle quali bisognava rispondere in modo diverso e noi con questa struttura l’abbiamo fatto. È una soluzione che offre una risposta sociale e concreta alle persone anziane. Ma di più, questo progetto mostra che quando c’è lo spirito di collaborazione tra le varie parti (sociali, economiche e collettività) si possono attivare sinergie importanti e vincenti».

Per la realizzazione di Casainsieme a San Felice sono stati raccolti oltre 700mila euro. E la solidarietà è arrivata anche dall’Estremo Oriente: Tetsuya Kato, editore della più venduta rivista automobilistica del Giappone (“Car Graphic”), si è fatto promotore di un evento benefico in favore delle imprese e delle popolazioni terremotate, riuscendo a raccogliere una cifra considerevole.

In tempi record, appena sei mesi, sono state costruite le piccole unità abitative completamente antisismiche ed ecosostenibili.

Si tratta di sei appartamenti da 50 metri quadri, ognuno pensato per accogliere un massimo di due persone, con servizi in comune, contigui a un’area residenziale del Comune di San Felice, affiancati da un ulteriore alloggio per l’operatore che deve dare assistenza, in costante contatto con la rete dei servizi di sostegno dell’ente locale.

Questa soluzione permette alle persone anziane di rimanere in un contesto domiciliare controllato e protetto che assicura sia interventi assistenziali programmati (anche nelle 24 ore) sia di pronto intervento. Si garantisce loro una domiciliarità che rispetta il bisogno di privacy e il mantenimento dell’autonomia, migliorando la qualità di vita, prevenendo isolamento ed emarginazione e favorendo rapporti e relazioni interpersonali.

L’Asp ha in progetto di realizzare nell’Area Nord nove residenze di questo tipo, una per Comune. La prossima a essere inaugurata sarà quella di Mirandola.

Guarda anche il video con il viaggio virtuale nella nuova struttura: clicca qui

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: