Nel metalmeccanico persi 1000 posti di lavoro all’anno

lavoroTra il 2008 e 2013 l’industria metalmeccanica modenese ha perso 440 aziende; cinque anni fa erano 6.048, a giugno 2013 erano ridotte a 5.605 (-7,3 per cento). Nello stesso periodo gli addetti sono passati da quasi 46 mila a 41.200, con un calo di 4.700 addetti, pari al 10,3 per cento: il ritmo è stato di quasi mille posti di lavoro all’anno in meno, ogni anno dal 2008 a oggi.

Le ore di cassa integrazione autorizzate nel 2008 furono 143.666; l’anno scorso sono state 5,3 milioni. I dati sono diffusi dal sindacato Fim-Cisl di Modena alla vigilia dell’assemblea nazionale dei delegati metalmeccanici della Cisl, in programma domani – martedì 8 aprile – al Teatro Valli di Reggio Emilia; intervengono il segretario nazionale Fim Giuseppe Farina e quello Cisl Raffaele Bonanni.

«Ci incontriamo con le persone che rappresentano la Fim nelle fabbriche di tutta Italia per cercare insieme soluzioni in grado di farci superare questa crisi drammatica che dura da cinque anni – afferma il segretario provinciale della Fim-Cisl Claudio Mattiello – Nella nostra provincia il terremoto e le esondazioni dei fiumi hanno causato ulteriori difficoltà alle imprese e ai lavoratori, ma non ci siamo arresi e forse possiamo cominciare a guardare al futuro con un po’ di fiducia e ottimismo in più rispetto a ieri. Infatti il ricorso alla cassa integrazione, sia pure ancora alto, è in calo rispetto al periodo 2009-2012». Per Mattiello le aziende devono investire in ricerca, sviluppo e innovazione, ma anche il sindacato deve uscire da una logica di contrattazione puramente rivendicativa e proporre piattaforme innovative che possano favorire la ripresa economica e dell’occupazione.

Il segretario dei metalmeccanici cislini sottolinea che nella nostra provincia le persone in cerca di lavoro sono oltre 20 mila (contro le 17 mila del 2009), con un tasso di disoccupazione che sfiora il 6 per cento, cioè quasi il doppio del dato storico (3-3,5) che ha sempre caratterizzato il nostro territorio. «Ricordo anche – aggiunge Mattiello – che i lavoratori modenesi ultra 50 enni iscritti nelle liste di mobilità sono passati dai 3.800 del 2009 agli 8.560 del 2013. È una platea debole per la quale bisogna mettere in campo politiche attive del lavoro che comprendano la riconversione e riqualificazione professionale.

Noi della Cisl chiediamo da tempo un patto di comunità che coinvolga istituzioni, imprese, banche e sindacati per ricreare condizioni di benessere e sviluppo. Siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità, come già dimostrato facendo accordi con le aziende a livello locale e nazionale. È giunto il momento che lo facciano anche altri, a partire dalla Fiom, alla quale – conclude il segretario provinciale della Fim-Cisl – chiediamo di tornare a fare sindacato nell’interesse dei lavoratori che rappresentiamo».

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]