SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Perchè il pozzo Cavone non si fermerà mai, la valutazione del M5S

“L’estrazione di idrocarburi dal pozzo “Cavone” della concessione Mirandola è solo momentaneamente sospesa. Padana energia spa, la proprietà, non ha alcuna intenzione di  rinunciarvi; nè la Regione può impedirlo, nè il Governo pare ne abbia alcuna intenzione”.
Esordisce così la disamina del Movimento 5 Stelle Area Nord che spiega che “il giacimento Cavone per il gruppo Gas Plus è un vero e proprio investimento.  A confermarlo è il documento societario di “Resoconto intermedio sulla gestione al 31 marzo  2012″, nel quale analizzando le attività svolte dalla primavera del 2011 alla primavera del 2012 (quasi il periodo oggetto di approfondimento da parte della Commissione Internazionale Ichese) viene fatto presente agli azionisti che “nonostante il negativo contesto generale i risultati  dimostrano l’andamento positivo del proprio piano industriale, che ha fatto segnare un +18%,  dovuto al positivo andamento della concessione Mirandola”
“Sono 90 i giorni decisi per sviluppare un’attività di monitoraggio e di ricerca così come indicato nel  rapporto Ichese, per capire se e come possa aver influito l’attività del pozzo sui terremoti di  maggio 2012.
La Commissione Ichese ha fatto uno studio statistico, sul nostro territorio, ed ha visto che in un’area  di 4 mila km quadrati c’è stato un aumento della sismicità nell’anno precedente il sisma e nell’anno  precedente è aumentato il prelievo di idrocarburi nella zona.
Padana energia informa inoltre che nel primo trimestre 2012 è stato rimesso in produzione  uno dei pozzi della concessione Mirandola: “Le attività hanno riguardato […] la registrazione di profili statici e dinamici di pressione al fondo ed attività di remedial job (lavaggio di fondo pozzo)  per ripristinare le capacità erogative dei pozzi interessati”.
Nell’attesa dei risultati del monitoraggio non può sfuggire l’importanza non solo nazionale che  questo studio comporterà. In Italia l’estrazione di idrocarburi porta nelle casse degli enti  pubblici pochi euro, a Mirandola soli 2411€ secondo gli ultimi dati ufficiali,  – rivelati da SulPanaro.net – le royalties sono  estremamente basse, fino al 2013 lo Stato finanziava con soldi pubblici le ricerche delle
compagnie private, questo proprio al fine di sviluppare la produzione nazionale.

Possiamo immaginare – prosegue la nota – che questa scelta di politica strategica nazionale possa essere in qualche modo condizionata dalle ricerche che si faranno al Cavone?
Errani ha già anticipato i risultati, lo ha fatto nel suo intervento in Assemblea Regionale : i  provvedimenti consisteranno in una più specifica rete di monitoraggio della sismicità indotta dai pozzi, impensabile chiudere le concessioni.  Abbiamo pagato una commissione internazionale, la Ichese, per sentirci dire che non si può  escludere che le sollecitazioni dovute alle tecniche di estrazione possano avere influenza nello scatenarsi di terremoti; noi lo diciamo da anni.
Per questo chiediamo che in presenza di faglie attive, come nel nostro caso, le concessioni debbano essere revocate, non basta sospendere “momentaneamente” il rilascio di nuove autorizzazioni; lo abbiamo chiesto con una precisa interrogazione parlamentare.
Chiediamo anche che tutte le scelte in merito devono venir prese a livello locale, dalle comunità  interessate, e quindi diciamo no alla revisione del titolo V della Costituzione che mira a rendere  di esclusiva competenza statale tutta la materia delle autorizzazioni all’estrazione di  idrocarburi anche sulla terra ferma.
Non si tratta solo  -chiude la nota – di amministrare applicando il principio di precauzione, in presenza di rischi certi  va applicato il principio di prevenzione mettendo davanti a tutto la sicurezza dei cittadini, questo è il buon governo. Al fianco dei Comitati auto organizzati dei cittadini faremo tutto il possibile per ottenere questo risultato”.

Rubriche

Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Il 93% sceglie l'espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro[...]
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    L'uomo simulava inseguimenti incurante dei limiti di velocità[...]
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Ci sono anche 40.000 pezzi in deposito tra vetture storiche, modelli attuali e ricambi del reparto Motorsport, Squadra Corse[...]
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Soprattutto in ospedale, dove è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un’infezione correlata all’assistenza[...]
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Abbina camere di albergo, minimo sette, con unità abitative dotate di cucina autonoma che possono essere frazionate e vendute ai privati o affittate [...]
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    E' la sintesi tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. [...]
    Terrorismo, Emilia-Romagna tra le regioni più a rischio
    Terrorismo, Emilia-Romagna tra le regioni più a rischio
    È quanto emerge dal report “Italian Terrorism Infiltration Index 2018” dell’Istituto Demoskopika[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: