SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Regione-No Triv, il duello arriva in diretta tv su Uno Mattina

uno mattinaIl terremoto con le sue possibili correlazioni con le trivellazioni arriva anche sulle rete ammiraglia della tv pubblica, in particolare a Uno Mattina in Famiglia, nella puntata andata in onda nella mattinata di domenica su Rai 1. Ospiti  Raffaele Pignone, direttore servizio Geologico della Regione Emilia-Romagna  e Irene Gigante, rappresentante dei No Triv ferraresi.

Di seguito vi riportiamo la trascrizione integrale del botta e risposta.

La prima domanda della conduttrice, Francesca Fialdini, riguarda le conclusioni della Commissione Ichese. Chiede se non siano state forse conclusioni “cerchiobottiste”.

pignonePignone spiega che “La Commissione ha preso in esame un’area molto vasta, di 4 mila km quadrati, oltre il cratere del sisma, e in quell’area ci sono 3 grandi pozzi da cui si estrae gas e olio, un deposito sotterraneo di gas – c’è un serbatoio a Minerbio – e la geotermia a Ferrara. I tre grandi pozzi sono Spilamberto, Mirandola e Castelfranco Emilia. Per quanto riguarda la geotermia (la Commissione) esclude per il deposito di Minerbio, esclude, per Spilamberto e Castelfranco, essendo depositi dentro a delle argille… (la conduttrice chiede sintesi, ndr) Su 5 trivellazioni in tutto il territorio 4 vengono escluse; solo a Cavone-Mirandola la Commissione ha detto che non si può escludere né confermare con i dati oggi disponibili.

Domanda dallo studio: Che vuol dire ‘Non si può escludere nè confermare?’ A metà del guado… Perché tecnicamente le trivellazioni potrebbero causare un terremoto?

Pignone risponde che “E’ molto complesso, non è così semplice. Allora: non esiste una trivellazione fatta naturalmente…. Alcune ricerche, alcune estrazioni di gas vengono fatte in altissima pressione, il cosiddetto fracking, che da noi non esiste. In questi casi si può avere della sismicità indotta, cioè l’altra pressione può creare… Da noi invece quasi in tutta Italia i giacimenti sotterranei sono in strutture naturali per cui difficilmente si possono verificare dei terremoti…

uno mattina irene dueLa giornalista interrompe Pignone e presenta Irene Gigante del Comitato No Triv: “Io sostengo che il nesso trivellazioni-terremoti esiste perché  – ma prima voglio ricordare che l’esito degli studi della Commissione ci è stato reso noto dalla rivista Science, altrimenti noi non saremmo a conoscenza del rapporto Ichese – lo dico in parole semplici: il risultato dice che potrebbe esserci concomitanza, quindi relazione fra terremoti e trivellazioni, causa-effetto. Quindi a questo punto penso che il discorso sia molto semplice anche per tutti gli italiani: come si fa a rischiare? Come si fa continuare a fare queste operazioni sapendo che potrebbe esserci il rischio di causare il terremoto?”
Timperi chiede a Pignone: “Come risponde?”
Pignone: “Rispondo molto semplicemente: potrebbe e non potrebbe. La Commissione dice inizialmente che non ci sono elementi di conoscenza attuali per né smentire né confermare e che bisogna avere un modello geodinamico del sottosuolo  (intanto dallo studio Gigante ricorda che “un rischio c’è”) della zona, fare una serie di studi che oggi non ci sono e che noi come Regione Emilia-Romagna stiamo già iniziando a fare, così anche il Ministero e che presto verranno fatti nella zona Cavone”.

“Mettendo a rischio però la vita della gente”, incalza Gigante

“No, nessun rischio della vita – è perentorio Pignone –  A Cavone siamo già in un periodo di esaurimento del pozzo, la grande produzione è stata negli anni Ottanta, non oggi”.

uno mattina_gigante_pignoneGiornalista: “Parliamo proprio delle trivellazioni, perché le attività estrattive sono così intense in Emilia-Romagna, c’è così bisogno? Siamo diventati il Texas e non ce ne siamo accorti?”

Gigante: “Per noi non c’è nessun vantaggio”.

Pignone: “Sì in Emilia-Romagna ci sono molte trivellazioni, ma la Commissione ha escluso che le trivellazioni che vengono fatte in certi tipi di rocce, il 99% dei serbatoi sono dentro rocce plioceniche e massi miocenici cioè rocce molto recenti. E’ solo a Cavone che sono in rocce molto vecchie di 200 milioni di anni e in tutta l’Emilia-Romagna abbiamo solo quel serbatoio. Ma un attimo di attenzione: la Commissione ha fatto uno studio statistico, cioè ha visto che in un’area di 4 mila km quadrati c’è stato un aumento della sismicità nell’anno precedente e nell’anno precedente è aumentato il prelievo in quella zona. Ma è un prelievo che passa da 18 a 22 mila barili al mese… Negli anni Ottanta c’erano 100 mila barili al mese, per cui è una piccola differenza. La Commissione ha fatto un paragone con altre situazioni a livello internazionale, perchèéha fatto un’analisi di tutta la letteratura scientifica mondiale e ha visto che una correlazione c’è stata tra aumento di prelievo e sismicità…”

“Appunto”, nota Gigante.

“…in due serbatoi in Cina, però dice chiaramente la Commissione che sono serbatoi dieci volte più grandi di quelli del Cavone. L’altro è in Oklahoma, dove la sismicità è stata vicino ai pozzi, qui da noi è stata a 20 chilometri di distanza. La Commissione fa giustamente una serie ci raccomandazioni, dice che per esser sicuri bisogna continuare…”

(Sospiro di impazienza da studio)

“…a studiare per avere molti più elementi di conoscenza”

uno mattina_timperiGigante si rivolge a Timperi: “Ha sentito che cosa ha detto? Rischiamo! Noi rischiamo! Io vorrei che il dottor Pignone mi spiegasse quali sono i vantaggi di queste operazioni. Noi ci stiamo muovendo da diverso tempo perché le trivellazioni non potrebbero essere solo causa di terremoto, ma ci sono anche altri effetti collaterali. L’Emilia-Romagna è territorio fragilissimo, ci sono rischi di subsidenza, c’è un forte rischio idrogeologico, il terreno tende a cedere. Ci sono tantissime motivazioni per dire che queste operazioni non sono necessarie”

Timperi: “Ma parliamo del terremoto”.

Gigante: “Ancora di più, quindi: perché rischiare? Finora hanno bloccato solo le richieste per l e nuove trivellazioni, ce ne sono tantissime, solo a Ferrara 8 nuovi pozzi. E non solo in Emilia-Romagna, anche in Basilicata, e in Salento adesso. Tutta l’Italia è zona interessata da queste società petrolifere che vogliono investire, ma per lo Stato Italiano non c’è alcun vantaggio, sono società private. Pagano royalties ma sono molto basse“.

Pignone spiega come funziona la concessione dei permessi di trivellazione. E Gigante gli ricorda “ne abbiamo parlato in Regione, lo stato finanzia questi interventi di ricerca… noi paghiamo anche!  – Pignone conferma – E ci sono anche pochissimi posti di lavoro!”

 

Guarda la registrazione della puntata, il passaggio sul terremoto va dal minuto 7.27 al minuto 19.42.

 

 

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: