SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Sanità: cosa resta degli ospedali della Bassa? Una cronistoria per aiutare a capire

ingresso_PS_ospedale_ramazzini_carpiE’ uno dei temi “caldi” soprattutto ora che siamo in campagna elettorale: la sanità, le scelte sugli ospedali, sulle strutture, sulla gestione. I sindaci in carica sono accusati di aver svenduto il patrimonio sanitario, chi governa invece rassicura che nulla cambia e il servizio è sempre ottimo, le associazioni esprimono preoccupazioni e lanciano allarmi.
Ecco allora che pubblichiamo un contributo che può essere utile a tutti i cittadini per farsi un’idea della situazione, una cronistoria che ripercorre a tappe quello che è accaduto nel corso degli anni. Lo ha redatto Ubaldo Chiarotti, uno dei rappresentanti storici dei comitati di cittadini che seguono i problemi sanitari nella Bassa.

Il contributo non ha nessuna velleità storiografica, e lo stesso Chiarotti dice che “chiunque può aiutarmi a correggere eventuali inesattezze o ad aggiungere informazioni documentandole, è pregato cortesemente di farlo; correggerò ben volentieri il testo”.

RE-MO-BO prossimità

Ecco cosa scrive Chiarotti.

Anni ’80: nel nostro territorio esistono 4 ospedali che rispondono in modo ottimale alle esigenze del territorio e non solo; Mirandola essendo il comune più grande ha l’ospedale più importante, ma non si possono scordare Concordia con la sua eccellenza di ortopedia che richiama gente da tutta l’Italia; S. Felice con i suoi medici di cardiologia e medicina non può essere scordata  e tantomeno Finale Emilia……

Anni ’90: dal governo vengono emanate direttive di tagli alla spesa pubblica (spending review attuale) e all’Ausl 15, quella che comprendeva i comuni dell’attuale Area Nord diretta dal dott. Pinelli, si prevede di chiudere 3 ospedali su 4, per poter concentrare gli sforzi su un unico ospedale di zona, quello di Mirandola, che  – ricordo- la Regione tramite il suo assessore alla sanità aveva promesso che sarebbe diventato il Policlinico della Bassa.
Così chiudono gli ospedali di Concordia e S.Felice, si tenta di chiudere da subito anche quello di Finale, ma la resistenza tenace dei finalesi e la posizione geografica oltremodo sfavorevole (un passaggio a livello che spesso bloccava le ambulanze anche 20 minuti tra Cividale e Mortizuolo), ottiene di conservare un presidio ospedaliero ridotto sì all’essenziale ma funzionante.

 Il dott. Pinelli Marino, direttore dell’Usl15 prevede anche tagli di bilancio, di personale e sugli appalti, con risparmi in pochi anni di 4 miliardi di lire, con i quali costruisce i primi due piani dei 5 previsti dell’ospedale di Mirandola.Così a Mirandola cresce l’ospedale, si vedono i primi due piani.
Nel 1994 comincia a prendere corpo il progetto del terzo piano nel quale si prevedeva di sistemare il reparto di nefrologia e dialisi, per i quali il dott. Veronesi  – ricordo – si era impegnato a donare tutta l’attrezzatura medico scientifica necessaria,  e si diceva che anche la Cassa di risparmio fosse pronta a sborsare ingenti finanziamenti. Il dott. Pinelli presenta quindi la richiesta di finanziamento alla Regione per l’allargamento del nostro ospedale al terzo piano.

Intanto, però, nuovo riordino della sanità con cancellando le USL e facendo nascere le AUSL provinciali. Il dott. Pinelli viene mandato a Bologna e poi a Parma,  l’USL 15 chiude e viene inserita nella nuova AUSL provinciale.
Del terzo piano dell’ospedale di Mirandola non si parla più.

Ma a Modena si comincia a progettare l’ospedale di Baggiovara e si prevedono le chiusure di ancora altri ospedali: Estense,  S.Agostino, Formigine, Sassuolo.

Solo Sassuolo, nonostante sia a pochi chilometri di distanza da Baggiovara, riesce a evitare la chiusura, e successivamente viene ceduto ai privati.

Arriva il terremoto

Il sisma del 2012 ha messo in piena evidenza il sovradimensionamento di Baggiovara rispetto al territorio, infatti i due ospedali di Mirandola e Carpi trasferiti quasi in toto, medici e pazienti a Baggiovara non hanno creato lì disagi tali da finire sui giornali .

Nel frattempo nuovo riassetto all’Ausl  di Modena, con la chiusura dell’ospedale di Finale e la riduzione dell’ospedale di Mirandola ad “ospedale di prossimità” con la concentrazione delle specialistiche tra Policlinico, Baggiovara, Sassuolo e Carpi.

Ma guardiamo geografia e viabilità della provincia: gli abitanti delle valli basse di S.Martino Spino e quelli dell’alta montagna di S.Anna Pelago sono costretti a percorrere 80-90 km prima di raggiungere un ospedale che non sia solo di prossimità.

E qui sorge spontanea la domanda: Perché anziché concentrare tutte le specialistiche nel raggio di 10-15 km tutte a ridosso della via Emilia già servita anche dalle strutture sanitarie di Bologna e Reggio, non si è pensato di distribuirle equamente sul territorio magari investendo a Pavullo ed a Mirandola per dare risposte eque sia agli abitanti dell’alta montagna che a quelli della bassa pianura?   A chi ha giovato l’investimento di denaro pubblico a Sassuolo per poi cederlo a privati?

Ora si apprende dai giornali che si stanno investendo 72 milioni di  euro al policlinico di Modena; 30 per abbattere la parte più obsoleta, 42 per ricostruirla…….  

La domanda sorge ancora una volta spontanea: perché prima di spendere tanto denaro pubblico non si prova ad ottimizzare al meglio le strutture di Baggiovara, magari spostandovi qualche reparto del policlinico e risparmiare, così da poter redistribuire i risparmi tra Pavullo e Mirandola trasformandoli di nuovo in ospedali di zona e non più di prossimità?”

 

 

 

Per le eventuali richieste di rettifica potete contattare la redazione alla mail: sul.panaro@gmail.com

 

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: