Volontariato, nasce la giornata del cittadino solidale

D’ora in poi in Emilia-Romagna verrà celebrata la “Giornata del cittadino solidale”. La prevede il progetto di legge d’iniziativa della giunta, approvato oggi, che semplifica la disciplina regionale in tema di volontariato, associazionismo di promozione sociale e servizio civile, istituendo al tempo stesso una giornata dedicata a chi, in forma singola o associata, agisce gratuitamente per la collettività.
“La ‘Giornata del cittadino solidale’ – spiega l’assessore alle Politiche sociali della Regione Teresa Marzocchi – vuole essere un’occasione per far conoscere le tante esperienze già in atto, ma soprattutto per incentivare una nuova stagione della gratuità, della partecipazione al servizio della collettività. Tutte occasioni di crescita civile per la nostra comunità regionale, a cui in futuro sarà possibile accedere ancora più agevolmente con le novità previste da questo progetto di legge”. In particolare, per quanto riguarda il servizio civile, “facilitare la partecipazione a quest’esperienza così preziosa – sottolinea l’assessore – significa anche intercettare i giovani che non portano a termine il diritto-dovere all’istruzione e formazione, e anche quelli che hanno più difficoltà ad accedere al servizio stesso. In quest’ottica si pone la possibilità di coinvolgere soggetti, pubblici e privati, nel finanziamento di un apposito Fondo regionale del servizio civile, in modo da aumentare il numero di giovani da avviare a quest’esperienza”.
Volontariato e promozione sociale: registri più “snelli” e moderni
La semplificazione della disciplina relativa al volontariato (legge regionale 12 del 2005) e all’associazionismo di promozione sociale (legge regionale 34 del 2002) passerà attraverso un ammodernamento della gestione dei registri, gli strumenti ufficiali di “riconoscimento” delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni. Si è ritenuto necessario infatti attivare procedimenti informatici per accelerare l’accesso ai registri dei soggetti interessati, la consultazione, l’espressione di pareri, l’adozione degli atti e la loro comunicazione ai richiedenti. Sempre nella logica della semplificazione, e dell’utilizzo dei registri come strumenti “certificativi” da parte degli enti locali, con il progetto di legge della giunta si crea il presupposto per istituire registri locali, disciplinati con propri regolamenti, utili per individuare i soggetti idonei a possibili collaborazioni per costruire esperienze di coesione sociale e reti di solidarietà. Il progetto di legge prevede inoltre che le funzioni trasferite alle Province (legge regionale 3 del 1999), relative alla gestione dei registri provinciali, siano revocate. Rimarranno dunque solo i registri regionali, lasciando alle stesse Province funzioni istruttorie fino al 30 giugno 2015, in coerenza con il percorso di riforma avviato a livello statale.
Le novità per il servizio civile
Anche le modifiche introdotte dal progetto di legge in tema di servizio civile seguono la logica della semplificazione, che si traduce con l’eliminazione dei vincoli temporali per i progetti, previsti sinora dalla normativa in vigore – e non adeguati a tutti gli ambiti d’attività: per esempio i progetti di servizio civile nelle scuole e nelle emergenze hanno durate differenti – , e con una diversa individuazione dei giovani partecipanti, non più basata sulle fasce d’età 15-18 e 18-28: l’obiettivo infatti è coinvolgere giovani che prima di fatto erano esclusi. Nella nuova prospettiva, anche i minorenni che hanno interrotto i propri percorsi di studio o formazione potranno prendere parte a esperienze di servizio civile insieme ai maggiorenni; per i minorenni che stanno ancora studiando, resta ferma la possibilità di fare un’esperienza adeguata per tempo, impegno, orario. Alla base del progetto di legge c’è la volontà di dare un segnale chiaro sia per quanto riguarda la garanzia di accesso al servizio civile regionale “a tutte le persone senza distinzione di sesso o di appartenenza culturale o religiosa, di ceto, di residenza o di cittadinanza”, sia rispetto al numero sempre più ridotto di giovani che possono partecipare al servizio civile nazionale, a causa di risorse statali in forte calo nonostante una richiesta in crescita di partecipazione. In questa direzione si pone la possibilità di un coinvolgimento di soggetti, pubblici e privati, nel finanziamento del Fondo regionale del servizio civile, per aumentare il numero di giovani da avviare a quest’esperienza, dando la possibilità di vincolare le risorse assegnate per specifici progetti di servizio civile regionale riguardanti un territorio o un ambito particolare. In questo modo si potrà rispondere positivamente alle richieste pervenute e responsabilizzare maggiormente il territorio regionale, allargando la partecipazione dei giovani, degli enti e delle comunità locali ai progetti.
“Giornata del cittadino solidale”
Il progetto di legge prevede, infine, l’istituzione della “Giornata del cittadino solidale”,  attuando così la Risoluzione dell’Assemblea Legislativa 2105 del 16/12/2011, approvata in occasione della chiusura dell’Anno europeo del volontariato: tra gli obiettivi principali, aumentare la visibilità e la conoscenza delle attività di volontariato, ponendo al centro la comunità e il territorio, ambiti in cui si accrescono relazioni solidali e partecipative.

 

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    Il gruppo di ragazze e ragazzi volerà a Cagliari e ha avuto l'onore di essere scelto a rappresentare l'intera regione[...]
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    La signora era in visita, è stata salvata dalla figlia che è riuscita ad avvisare col telefonino[...]
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]