Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

L’11 giugno 1714 l’esplosione del Castello dei Pico che semidistrusse Mirandola

torrione

La tragedia accadde trecento anni or sono esatti, l’11 giugno 1714. E rappresentò la fine di Mirandola per come la si era sempre conosciuta. Allo stesso tempo, fu l’eclisse di un’epoca gloriosa, la definitiva pietra tombale sulla memoria di una città che per ben quattro secoli aveva indossato le mostrine di capitale d’Europa. Un evento, per la storia della località natale dell’umanista Giovanni Pico, ben più distruttivo e mortale della Prima e Seconda Guerra Mondiale e del disastroso terremoto del maggio e giugno 2012.

 

Quel giorno di tre secoli fa un fulmine si abbatté sul torrione del castello, alto ben 48 metri. L’enorme complesso fortificato conteneva la polveriera, che si incendiò ed esplose in una poderosa deflagrazione, tanto che oggi c’è ancora chi accredita l’ipotesi di un attentato di matrice estense e modenese anziché quella di una calamità naturale. Nell’esplosione venne distrutta una porzione importante del complesso fortificato e, con essa, il prezioso archivio di Stato, conservato all’interno del poderoso maschio. Leggenda vuole che, per mesi, i pizzicagnoli mirandolesi abbiano incartato formaggi e salumi con le bolle della famiglia Pico o con gli scritti appartenuti alla “Fenice degli Ingegni”.

 

Che cosa era successo? E che cosa alimentava e tuttora alimenta le voci di una congiura antimirandolese? Il 6 marzo 1714 la Francia e il Sacro Romano Impero avevano firmato la Pace di Rastadt, un atto di diritto internazionale con il quale ponevano fine alle ostilità conseguenti alla Guerra di Successione Spagnola, costituendo una sorta di “appendice” del Trattato di Utrecht dell’anno precedente (che ancora oggi normano situazioni molto particolari come quella della rocca di Gibilterra, giocata tra Inghilterra e Spagna sull’ambiguità fra “sovranità” e “proprietà” del linguaggio giuridico dell’epoca). I due documenti contenevano un principio importante: erano infatti da “perdonarsi”, da parte cesarea, quegli Stati, sovrani e vassalli che si fossero schierati nel conflitto dalla parte delle “Due Corone”, cioè Francia e Spagna, contro l’Impero.

torrione2Nel 1708 Francesco Maria Pico si era alleato con i francesi, consegnando loro la città, nell’ambito della guerra per il trono vacante di Spagna. A causa di questo grave errore di inesperienza politica, il giovane duca perse definitivamente lo Stato, feudo imperiale dal 1311, che ritornò nelle mani di Carlo VI d’Asburgo nonostante per quattro secoli fosse “sopravvissuto” con l’aura del principato indipendente. Malgrado le suppliche dei cittadini, il 15 luglio 1710 il Ducato della Mirandola venne venduto al Duca di Modena, Rinaldo d’Este, per la somma di 175.000 doppie d’oro, due volte e mezzo la cifra che l’Impero avrebbe richiesto ai Pico a mo’ di sanzione per il “tradimento”. Con l’avvento degli Estensi, per la città emiliana cominciò un periodo di lunga e inesorabile decadenza, ma la Pace di Rastadt e la promessa del perdono imperiale per chi si fosse macchiato di “fellonia” avevano lasciato sperare Francesco Maria di poter riavere gli Stati e lasciare l’esilio presso la corte di Madrid per tornare a Mirandola e Concordia. Non fu così, e per i mirandolesi si chiuse l’età la lunga età sovrana.
Ma che cos’altro persero i mirandolesi? Il castello costituiva un complesso molto imponente, composto da diversi edifici costruiti in epoche differenti. In tutta Europa, a partire dal XVI secolo, acquistò fama di roccaforte leggendaria e inespugnabile, soprattutto dopo l’assedio del 1551-1552 in cui poche centinaia di soldati mirandolesi e francesi tennero testa a un numero di truppe pontificie di Giulio III Del Monte e di lanzichenecchi di Carlo V d’Asburgo dieci volte più elevato, e per ben dieci mesi: “imprenable comme une Mirandole”, si diceva sino a non molti decenni fa a Saint Cyr, celebre accademia militare francese.

Orgoglioso simbolo del potere militare della famiglia Pico, il castello di Mirandola era rappresentato dal poderoso e massiccio torrione fatto erigere da Giovan Francesco II Pico nel 1499-1500 su progetto di Giovan Marco di Lorenzo da Lendinara. L’edificio risultava solidissimo e isolato, in quanto non era possibile accedervi se non tramite un ponte levatoio che metteva in comunicazione la torre con il terzo piano di un vicino fabbricato del Castello. Questa costruzione rientrava peraltro nel progetto pichense di poter sempre più valorizzare città e signoria, emulando in grandezza e splendore i centri di Mantova e Ferrara, che potevano vantare magnifiche dimore signorili dei Gonzaga e degli Este. Ma tutto andò perduta con l’esplosione dell’11 giugno 1714…
Video:

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Ecco le novità della legge di Bilancio 2020
Tra le nuove misure, c'è il bonus facciateleggi tutto
Consigli di salute
Piorrea o parodontite: cause, sintomi e rimedi
Se non adeguatamente trattata, porta alla progressiva perdita dei denti a causa del riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale da cui sono sostenuti.leggi tutto
Glocal
La mafia non può rubarci il futuro
"La mafia è una montagna di merda” scriveva Giuseppe Impastato, meglio conosciuto come Peppino, poco prima di essere assassinato per le sue intense e forti posizioni contro la mafia.leggi tutto
Consigli di salute
La Salute viaggia sul Web. Oltre il 75% degli Italiani s'informano su Google e sui Social
Le persone sono più autonome nella ricerca attiva di informazioni legate al benessere e alla saluteleggi tutto
Glocal
La responsabilità sociale fa bene ai conti aziendali
Il 74% degli italiani privilegia marchi aziendali che portano avanti azioni di valorizzazione delle diversità.leggi tutto
Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Curiosità

    Uno schermo led penetrabile dal corpo umano: è l'installazione artistica alla stazione di Bologna
    Uno schermo led penetrabile dal corpo umano: è l'installazione artistica alla stazione di Bologna
    Si intitola Morestalgia di Riccardo Benassi, a cura di Xing, è un ambiente composto da testo, suono e oggetti [...]
    La Ferrari è il brand più forte del mondo
    La Ferrari è il brand più forte del mondo
    Il valore del brand è pari a 9,1 miliardi di dollari, in crescita del 9% grazie al positivo andamento delle vendite e alla forza complessiva del marchio.[...]
    E a Bomporto c'è il cane più bello di tutta l'Esposizione canina
    E a Bomporto c'è il cane più bello di tutta l'Esposizione canina
    Si chiama Milo, il suo allenatore nonchè proprietario è il signor Fabrizio Ganzerli[...]
    Rapace ferito trovato a San Martino Carano
    Rapace ferito trovato a San Martino Carano
    E' stato notato da due assistenti civici, Giorgio e Gabriele Tellia di San Possidonio, che lo hanno salvato[...]
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Davide Poluzzi e Simone Solieri hanno sfidato pioggia e vento[...]
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Da Bruschi (1981) a Calciolari, tutti sotto al Gonfalone[...]
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Venerdì 17 gennaio dal mattino al pomeriggio sarà possibile salire sulla torre di Levante di Palazzo Ducale a Modena[...]
    Rimane incastrata in una canna fumaria, piccola civetta salvata dai pompieri a Soliera
    Rimane incastrata in una canna fumaria, piccola civetta salvata dai pompieri a Soliera
    Provava a uscire dal solo ma non ce la faceva, e le ali sbattevano facendo diversi rumori che hanno insospettito i residenti.[...]
    L'avvocata di Mirandola Elisabetta Aldrovandi tra le 100 donne più influenti per la rivista F
    L'avvocata di Mirandola Elisabetta Aldrovandi tra le 100 donne più influenti per la rivista F
    Il settimanale ha premiato le donne che combattono in prima linee per avere un mondo migliore [...]