SulPanaro Expo SulPanaro Expo

L’11 giugno 1714 l’esplosione del Castello dei Pico che semidistrusse Mirandola

torrione

La tragedia accadde trecento anni or sono esatti, l’11 giugno 1714. E rappresentò la fine di Mirandola per come la si era sempre conosciuta. Allo stesso tempo, fu l’eclisse di un’epoca gloriosa, la definitiva pietra tombale sulla memoria di una città che per ben quattro secoli aveva indossato le mostrine di capitale d’Europa. Un evento, per la storia della località natale dell’umanista Giovanni Pico, ben più distruttivo e mortale della Prima e Seconda Guerra Mondiale e del disastroso terremoto del maggio e giugno 2012.

 

Quel giorno di tre secoli fa un fulmine si abbatté sul torrione del castello, alto ben 48 metri. L’enorme complesso fortificato conteneva la polveriera, che si incendiò ed esplose in una poderosa deflagrazione, tanto che oggi c’è ancora chi accredita l’ipotesi di un attentato di matrice estense e modenese anziché quella di una calamità naturale. Nell’esplosione venne distrutta una porzione importante del complesso fortificato e, con essa, il prezioso archivio di Stato, conservato all’interno del poderoso maschio. Leggenda vuole che, per mesi, i pizzicagnoli mirandolesi abbiano incartato formaggi e salumi con le bolle della famiglia Pico o con gli scritti appartenuti alla “Fenice degli Ingegni”.

 

Che cosa era successo? E che cosa alimentava e tuttora alimenta le voci di una congiura antimirandolese? Il 6 marzo 1714 la Francia e il Sacro Romano Impero avevano firmato la Pace di Rastadt, un atto di diritto internazionale con il quale ponevano fine alle ostilità conseguenti alla Guerra di Successione Spagnola, costituendo una sorta di “appendice” del Trattato di Utrecht dell’anno precedente (che ancora oggi normano situazioni molto particolari come quella della rocca di Gibilterra, giocata tra Inghilterra e Spagna sull’ambiguità fra “sovranità” e “proprietà” del linguaggio giuridico dell’epoca). I due documenti contenevano un principio importante: erano infatti da “perdonarsi”, da parte cesarea, quegli Stati, sovrani e vassalli che si fossero schierati nel conflitto dalla parte delle “Due Corone”, cioè Francia e Spagna, contro l’Impero.

torrione2Nel 1708 Francesco Maria Pico si era alleato con i francesi, consegnando loro la città, nell’ambito della guerra per il trono vacante di Spagna. A causa di questo grave errore di inesperienza politica, il giovane duca perse definitivamente lo Stato, feudo imperiale dal 1311, che ritornò nelle mani di Carlo VI d’Asburgo nonostante per quattro secoli fosse “sopravvissuto” con l’aura del principato indipendente. Malgrado le suppliche dei cittadini, il 15 luglio 1710 il Ducato della Mirandola venne venduto al Duca di Modena, Rinaldo d’Este, per la somma di 175.000 doppie d’oro, due volte e mezzo la cifra che l’Impero avrebbe richiesto ai Pico a mo’ di sanzione per il “tradimento”. Con l’avvento degli Estensi, per la città emiliana cominciò un periodo di lunga e inesorabile decadenza, ma la Pace di Rastadt e la promessa del perdono imperiale per chi si fosse macchiato di “fellonia” avevano lasciato sperare Francesco Maria di poter riavere gli Stati e lasciare l’esilio presso la corte di Madrid per tornare a Mirandola e Concordia. Non fu così, e per i mirandolesi si chiuse l’età la lunga età sovrana.
Ma che cos’altro persero i mirandolesi? Il castello costituiva un complesso molto imponente, composto da diversi edifici costruiti in epoche differenti. In tutta Europa, a partire dal XVI secolo, acquistò fama di roccaforte leggendaria e inespugnabile, soprattutto dopo l’assedio del 1551-1552 in cui poche centinaia di soldati mirandolesi e francesi tennero testa a un numero di truppe pontificie di Giulio III Del Monte e di lanzichenecchi di Carlo V d’Asburgo dieci volte più elevato, e per ben dieci mesi: “imprenable comme une Mirandole”, si diceva sino a non molti decenni fa a Saint Cyr, celebre accademia militare francese.

Orgoglioso simbolo del potere militare della famiglia Pico, il castello di Mirandola era rappresentato dal poderoso e massiccio torrione fatto erigere da Giovan Francesco II Pico nel 1499-1500 su progetto di Giovan Marco di Lorenzo da Lendinara. L’edificio risultava solidissimo e isolato, in quanto non era possibile accedervi se non tramite un ponte levatoio che metteva in comunicazione la torre con il terzo piano di un vicino fabbricato del Castello. Questa costruzione rientrava peraltro nel progetto pichense di poter sempre più valorizzare città e signoria, emulando in grandezza e splendore i centri di Mantova e Ferrara, che potevano vantare magnifiche dimore signorili dei Gonzaga e degli Este. Ma tutto andò perduta con l’esplosione dell’11 giugno 1714…
Video:

Rubriche

Glocal
Sud Italia in profonda crisi: cresce il divario tra Nord e Sud
Nel rapporto Svimez sul Mezzogiorno italiano, si delinea un quadro socio-economico sconcertante, a causa soprattutto della ormai consolidata incapacità delle istituzioni locali di erogare servizi che vadano verso il benessere di imprese e cittadini, e con una sempre maggiore presenza delle varie mafie locali all’interno delle istituzioni stesse.leggi tutto
Consigli di salute
I denti e la loro funzione: qual è la differenza fra incisivi, canini, premolari e molari?
Ogni tipo ha una posizione ben precisa lungo l’arcata dentale e svolge una funzione specificaleggi tutto
Glocal
Settore ICT: 45mila posti di lavoro nel triennio 2019 - 2021
Secondo un’indagine realizzata da Confindustria, su dati raccolti da Istat e Unioncamere, nel triennio 2019 – 2021, nel settore ICT si stima una offerta di lavoro che supererà le 45.000 unità.leggi tutto
Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto
Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Prende una multa e paga dalle Hawaii con assegno
    Prende una multa e paga dalle Hawaii con assegno
    Problemi con il bonifico e scrive direttamente alla Pm[...]
    Parto da record per una cagnolona: 18 cuccioli nati con un cesareo a San Felice
    Parto da record per una cagnolona: 18 cuccioli nati con un cesareo a San Felice
    Nerissa, alano di un allevamento di Finale Emilia, ha partorito sei femmine e dodici maschi [...]
    Prende il sole tutto nudo: multa da 3 mila e 300 euro
    Prende il sole tutto nudo: multa da 3 mila e 300 euro
    Un giovane di 25 anni era sulle rive del fiume con la fidanzata[...]
    Un'ambulanza colorata per i bambini
    Un'ambulanza colorata per i bambini
    Donati dall’associazione Team Enjoy, i disegni sono stati applicati sul mezzo di soccorso[...]
    Incendio Notre Dame, salvo il dipinto di Ludovico Carracci
    Incendio Notre Dame, salvo il dipinto di Ludovico Carracci
    Raffigura San Bernardino che salva Carpi da un esercito nemico[...]
    Dall'Università all'Oceano Atlantico Equatoriale per una spedizione internazionale
    Dall'Università all'Oceano Atlantico Equatoriale per una spedizione internazionale
    Giovane ricercatrice Unimore si è immersa nell’Oceano Atlantico equatoriale fino a 3000 m. di profondità col sottomarino Nautile per campionare rocce[...]
    "Cogito ergo Suv",  da Concordia una guida semiseria alla filosofia del volante
    "Cogito ergo Suv", da Concordia una guida semiseria alla filosofia del volante
    E' il nuovo libro dello scrittore e giornalista Carlo Mantovani[...]
    Arrivano i libri a disposizione di pazienti e parenti all'ospedale di Mirandola
    Arrivano i libri a disposizione di pazienti e parenti all'ospedale di Mirandola
    E' una iniziatva de "Gli Amici della Biblioteca E.Garin di Mirandola"[...]
    Va a rapinare la farmacia vestito da cowboy
    Va a rapinare la farmacia vestito da cowboy
    Si tratta di un pregiudicato 50enne vecchia conoscenza dei Carabinieri[...]
    I successi dell'Emilia-Romagna raccontati dai francobolli del mondo
    I successi dell'Emilia-Romagna raccontati dai francobolli del mondo
    Presentata la nuova pubblicazione “Emilia-Romagna. Una Regione fra i dentelli europei”[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: