In memoria di Luciano Pavarotti, una grande festa e un messaggio di pace

Luciano_PavarottiDalla piazza Grande nel cuore della “sua” Modena, in occasione dell’evento organizzato in memoria di Luciano Pavarotti nel settimo anniversario della scomparsa, i cittadini e gli artisti, affermati e giovani, lanciano un messaggio di pace. È questo il significato che Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione intitolata al Maestro, e il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, organizzatori dell’appuntamento con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, hanno inteso dare alla serata intitolata “Luciano, Messaggero di Pace”, che si svolgerà sabato 6 settembre alle 21, a ingresso gratuito (accesso ai posti a sedere dalle ore 19.30). Sul palco, che ospiterà i 50 elementi dell’Orchestra dell’Opera Italiana diretta per l’occasione dal maestro Aldo Sisillo, sarà Milly Carlucci a condurre la serata nella quale si esibirà Raphael Gualazzi (anche in duetto con giovani tenori) e si alterneranno nella lettura di testi e poesie sulla pace attori di teatro, cinema e tv: Isabella Ferrari, Daniele Pecci, Giulio Scarpati. Porteranno una testimonianza sul palco anche l’amica di lunga data del Maestro Pvarotti Anna Castaldi – giornalista e scrittrice nonché ex Messaggero di Pace delle Nazioni Unite – e Alfonso Signorini, giornalista e grande appassionato di opera.

“In un momento in cui il mondo è funestato da conflitti, tanto che Papa Francesco ha parlato di ‘terza guerra mondiale a pezzi’ – spiega Nicoletta Mantovani – ci è sembrato giusto e doveroso parlare di pace ricordando Luciano anche per il suo impegno solidale e i progetti di beneficenza sostenuti in tutto il mondo”.

“Luciano Pavarotti, oltre che un grande modenese, è stato Messaggero di Pace delle Nazioni Unite – sottolinea il sindaco Gian Carlo Muzzarelli – e sabato così lo ricorderemo. La musica è un veicolo straordinario per i valori profondi della società, e parla una lingua universale, così come è universale la fama di Luciano, che ha portato e porta nel mondo il nome di Modena”. I modenesi e i visitatori di Modena potranno partecipare e lanciare un loro messaggio di pace, una speranza, una preghiera, scrivendola su appositi pannelli che saranno predisposti dalla mattina di giovedì 4 settembre fino a mezzogiorno di sabato 6 al piano terra del Palazzo Comunale in piazza Grande e al Mef. I pannelli saranno quindi esposti nei pressi del palco la sera dell’evento e conservati per essere ospitati nella futura Casa Museo del Maestro. Alcuni dei messaggi saranno letti pubblicamente da Milly Carlucci nel corso della serata.

Partner dell’iniziativa “Luciano, Messaggero di Pace” sono il Gruppo Cremonini e Maserati.

 

TRA MUSICA, VIDEO, LETTURE E TESTIMONIANZE

Filmati con protagonista “Big Luciano”, poesie e testi affidati ad attori, arie d’opera cantate da giovani tenori e duetti tra lirica e pop. Sul palco un’orchestra di 50 elementi

Un’orchestra di 50 elementi e sette giovani tenori. Milly Carlucci, Raphael Gualazzi, Giulio Scarpati, Isabella Ferrari, Daniele Pecci. Cinque filmati che riproporranno momenti della vita di Luciano Pavarotti legati al suo impegno filantropico si alterneranno a letture di poesie e testi letterari sulla pace e a testimonianze. Le arie d’opera care al “Tenorissimo” si intrecceranno agli altri momenti, così come duetti tra lirica e pop. Toccherà a Milly Carlucci, padrona di casa di quasi tutte le edizioni del “Pavarotti & Friends”, cucire insieme i fili e i talenti per tessere la tela di “Luciano, Messaggero di Pace”, l’evento organizzato in memoria del Maestro in piazza Grande a Modena, sabato 6 settembre alle 21, nel settimo anniversario della scomparsa.

L’evento, a ingresso gratuito con accesso ai posti a sedere a partire dalle 19.30, si realizza grazie all’impegno congiunto del Comune di Modena e della Fondazione Luciano Pavarotti con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. In duetto con giovani tenori, sarà Rafael Gualazzi a ricreare in un paio di famose canzoni l’atmosfera che Pavarotti sapeva creare accostandosi alla musica pop. Lo stesso Gualazzi, attualmente in tour in Europa, interpreterà poi alcuni brani da solista dedicati alla pace. Il tema della pace, della solidarietà e della difesa dei diritti umani sarà declinato nei testi e nei versi affidati alle letture di attori di grande sensibilità come Giulio Scarpati, Isabella Ferrari e Daniele Pecci. Sette i giovani tenori (preparatore e consulente musicale il Maestro Paolo Andreoli) che saliranno sul palco: Alessandro Fantoni, Matteo Desole, Lorenzo Caltagirone, Giuseppe Gambi, Marco Miglietta, Davide Carbone e Jenish Ysmanov dal Kirghizistan. Ad accompagnarli saranno i 50 elementi dell’Orchestra dell’Opera Italiana diretta per l’occasione dal Maestro Aldo Sisillo, direttore del Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena. Sul palco porterà la sua testimonianza Anna Cataldi, giornalista scrittrice e già messaggero di pace delle Nazioni Unite, titolo conferito anche a Luciano Pavarotti nel 1988 dall’allora Segretario generale dell’Onu, Kofi Annan. Tra gli ospiti interverrà anche il giornalista Alfonso Signorini, appassionato di opera. Nel finale, un “medley” e un ultimo video con protagonista il Maestro.

LA VOCE DEL MAESTRO NEL CUORE DI MODENA

Da mercoledì 3 settembre, a cura di Modenamoremio, in filodiffusione arie interpretate dal tenore sotto i portici del centro storico. Sabato 6 la Ghirlandina sarà aperta fino alle 24

Modenamoremio, la società di promozione del centro storico di Modena, anche quest’anno porterà la voce di Luciano Pavarotti a risuonare nel cuore cittadino nei giorni precedenti lo spettacolo “Luciano, Messaggero di Pace”, omaggio al Maestro in programma sabato 6 settembre in piazza Grande alle 21 a ingresso libero.

Le arie più celebri e le canzoni interpretate da Pavarotti e rese famose in tutto il mondo dalla sua voce saranno trasmesse da mercoledì 3 settembre con un impianto di filodiffusione. La voce di Pavarotti sarà trasmessa dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30 sotto i portici del centro storico di Modena in via Farini, corso Duomo e via Emilia centro nel tratto di fronte alla Ghirlandina, che sabato 6 settembre, in occasione dell’evento, sarà aperta fino alle 24 (orari di apertura: dalle 9.30 alle 12.30 con ultimo ingresso alle 12 e nel pomeriggio dalle 15 alle 24 a orario continuato con ultimo ingresso alle 23.30. Il biglietto per la visita costa 2 euro).

Nel mese di settembre la Torre Civica è aperta tutti i giorni tranne il lunedì. Si può entrare a visitarla e salire a vedere la città dall’alto dalle 9.30 alle 12.30, con ultimo ingresso alle 12, e dalle 15 alle 19 con ultimo ingresso alle 18.30, sempre al costo di 2 euro.

Sempre a cura di Modenamoremio è in corso la distribuzione, alle attività commerciali e agli esercizi pubblici del centro, delle locandine dell’evento da esporre in vetrina.

 

INFORMAZIONI PER ASSISTERE ALL’EVENTO

Dalle 19.30 in piazza Grande ingresso ai posti liberi a sedere fino a esaurimento. Il palco è sul lato dell’Arcivescovado. L’entrata per disabili e invitati è da corso Canalchiaro

“Luciano, Messaggero di Pace”, lo spettacolo omaggio a Luciano Pavarotti, si svolge sabato 6 settembre alle 21 a ingresso gratuito in piazza Grande a Modena grazie all’impegno congiunto della Fondazione Luciano Pavarotti e del Comune di Modena, con il sostegno fondamentale della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena (e con il supporto di Maserati e Gruppo Cremonini).

Di fronte al palco, allestito in piazza Grande sul lato dell’Arcivescovado, è collocata una platea di oltre mille posti a sedere non numerati, che saranno accessibili al pubblico a partire dalle 19.30 fino a esaurimento e comunque entro le 20.45.

Non sarà necessario munirsi di biglietti o tagliandi, l’accesso alla platea nella parte non riservata sarà consentito agli spettatori in ordine di arrivo.

Gli spettatori con disabilità, per i quali è predisposta un’area riservata, entrano dall’ingresso di via Canalchiaro. Lo stesso ingresso è destinato agli invitati e alla stampa. I cittadini potranno accedere ai posti a sedere liberi dagli ingressi su piazza Grande nei varchi dei nastri che separano l’area delle sedute. Il servizio di accompagnamento ai posti è garantito da hostess agli accessi.

Funzioneranno i nuovi bagni pubblici di piazza XX settembre.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]