SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Economia, produzione stabile per le imprese modenesi

Le imprese manifatturiere della provincia di Modena hanno chiuso l’anno 2014 con una produzione pressoché stazionaria sui livelli dell’anno precedente: la variazione percentuale registrata infatti è stata del -0,1%; il fatturato è apparso invece in leggero aumento: +3%; gli ordini dal mercato interno sono diminuiti solo del -0,7% mentre quelli dall’estero sono cresciuti del +2,6%; la quota di vendite realizzate sui mercati internazionali è risultata in media del 37,3%. Questo in estrema sintesi il bilancio annuale delle rilevazioni congiunturali trimestrali effettuate dalla Camera di Commercio intervistando un campione di imprese della provincia di Modena.

L’indagine, svolta in collaborazione con Cna e Confindustria provinciali, ha evidenziato nell’ultimo trimestre 2014 il permanere di una situazione di incertezza con tendenze contrastanti: mentre la produzione e il fatturato tornano in territorio positivo con variazioni del +1,4% e +1,6% rispetto al quarto trimestre del 2013, gli ordini appaiono in flessione del -3,2% nel mercato domestico e del -0,6% in quello estero. Pare quindi subire una momentanea battuta d’arresto l’attività esportativa che ha consentito fino ad ora di mantenere soddisfacenti livelli di produzione. Questo segnale è confermato anche dalla progressiva erosione della quota di fatturato proveniente dall’export, che dal 39,8% di inizio 2014 è arrivata al 34,3% a fine anno.

L’indagine prevede anche quesiti sulle previsioni a breve. Nel quarto trimestre del 2014 è nettamente peggiorata la quota percentuale di imprese che si attende un incremento di produzione: soltanto il 4,7%. La stragrande maggioranza (89%) prospetta una situazione di stabilità, mentre solo il 6,3% indica un calo dei livelli produttivi.

Un dato preoccupante è l’improvviso aumento della quota di imprese che prevede di ridurre l’occupazione, che si attesta nel quarto trimestre sul 32,2%, mentre il 65,1% indica stazionarietà e soltanto il 2,7% intende ingrandire la base occupazionale.

 

L’andamento settoriale

 

L’industria alimentare ha chiuso un 2014 sostanzialmente positivo: la produzione è aumentata del +4,8% e gli ordini sono cresciuti sia dall’interno (+2,2%) che dall’estero (+3,2%).

La maglieria ha vissuto un anno di lieve calo per la produzione (-1,5%) sostenuta tuttavia da ordinativi in aumento in particolare dal mercato italiano (+15%) ma anche da Paesi stranieri (+5,5%).

Il settore delle confezioni di abbigliamento ha mostrato un andamento altalenante chiudendo l’anno con una variazione media complessiva del -1,2% per la produzione, e un decremento del -7,5% nella raccolta ordinativi interni e -3,5% per quelli esteri.

Il 2014 ha visto un ridimensionamento degli indicatori anche nel settore ceramico che è apparso in difficoltà: -9,2% la produzione, -8,4% gli ordini interni e -8,3% gli ordini esteri.

Produzione stazionaria (+0,8%) e ordini in aumento nel 2014 per il settore prodotti in metallo, dove si registra una variazione positiva attorno al 4% sia nella domanda dal mercato interno sia dall’estero.

Più incerta invece la situazione del settore macchine e apparecchi meccanici dove la produzione è rimasta ferma sui livelli dell’anno precedente e gli ordini interni sono calati del -3,8%. Uno spiraglio si coglie sull’estero dove la raccolta ordini è aumentata del +1,3%, sempre nel 2014 rispetto al 2013.

I mercati internazionali sono apparsi particolarmente ricettivi (+19,8%) per il settore macchine e apparecchiature elettriche e elettroniche; la produzione è aumentata del +6,4% anche grazie all’incremento del +3,8% di ordini dall’Italia.

Il comparto che produce mezzi di trasporto e relativi componenti ha incrementato i volumi prodotti del +3,2% ma sono rimasti negativi gli ordini dall’interno (-14,5%) e stabili quelli dall’estero (-0,1%).

Il biomedicale, infine, ha mostrato una contrazione della produzione di 4,3 punti percentuali. La raccolta ordini tuttavia è rimasta positiva, con aumenti del +6,6% per il mercato domestico, e del +2,8% sui mercati internazionali.

 

Rubriche

Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto
Sanità, l'opinione di Fabrizio Locatelli
Editoriale del capogruppo FI a San Possidonio e consigliere FI Ucmanleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: