In ospedale a Mirandola i volontari accolgono i pazienti per… “Spezzare l’attesa”

volontariaOffrono accoglienza e ascolto alle persone che attendono le cure, sostengono i familiari che sono in attesa durante la visita del proprio parente. Questi i principali compiti dei volontari che prestano servizio nelle sale d’attesa del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Mirandola nell’ambito del progetto “Spezza l’attesa!” promosso da AVO Mirandola, Azienda USL e Associazione Servizi per il Volontariato di Modena.

 

Il progetto, il primo di questo genere nella nostra provincia, è operativo dall’inizio di gennaio e il primo bilancio è decisamente positivo. “L’umanizzazione della prima parte della prestazione in Pronto Soccorso garantisce il recupero della centralità del paziente, facendosi carico non solo degli aspetti fisici della malattia, ma anche di quelli psicologici, relazionali e sociali, conciliando politiche d’accoglienza, informazioni e comfort con percorsi assistenziali il più possibile condivisi e partecipati”spiega il

Luca Gelat

Luca Gelati

dottor Luca Gelati, coordinatore del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Mirandola. “Il tempo d’attesa è anche una preziosa opportunità per trasmettere al cittadino informazioni sui corretti stili di vita e sulla rete dei servizi socio-sanitari. Oltre a migliorare l’accoglienza dei pazienti, il progetto influisce positivamente sul lavoro degli operatori del Pronto Soccorso, contribuendo a creare un ambiente più sereno e accogliente”.

 

Trenta volontari, dopo aver frequentato un corso specifico, prestano servizio nelle sale d’attesa del Pronto Soccorso. Sono presenti tutti i giorni con turni di tre ore nella fascia oraria che va dalle 10.00 alle 22.00. Compito dei volontari è accogliere e informare i cittadini che arrivano in Pronto Soccorso, fornendo informazioni sull’organizzazione e sul funzionamento della struttura, ad esempio sul perché dell’attesa, sui ticket e sui codici colore.

 

Quali sono le reazioni delle persone a questa iniziativa? A spiegarlo sono due volontarie. Barbara 46 anni, nella vita di tutti i giorni impiegata, e Alessandra, 42 anni, esperta di comunicazione e grafica. “Svolgo un lavoro di front office che mi porta a essere a contatto con le persone e questo mi aiuta molto anche nella mia attività di volontariato. Siamo partiti in gennaio – spiega Barbara – dopo aver frequentato un corso che ci ha preparato ad affrontare, anche dal punto vista psicologico, questo impegno. All’inizio c’è un ‘muro’ perché chi arriva in pronto soccorso è una persona che evidentemente ha un problema, quindi prevale la preoccupazione e stress. A volte, basta una parola, un’indicazione o un gesto d’aiuto. Superato l’impatto iniziale, le persone apprezzano molto quello che facciamo e anche per noi è molto gratificante ottenere riconoscenza.”

“Cercavo un’occasione per fare qualcosa nel sociale – aggiunge Alessandra – e ho aderito perché è un tipo di volontariato diverso dal solito. Le persone che ci vedono in sala d’aspetto spesso hanno una reazione di sorpresa. Ovviamente c’è una componente emotiva che va gestita, è normale che ci sia tensione. Superate le difficoltà iniziali, le persone ci accolgono in maniera piacevole e c’è molta fiducia. Il nostro compito è fondamentalmente quello di dare un sostegno emotivo e poi c’è una componente informativa. Le domande riguardano il perché dell’attesa, il ruolo degli operatori, i ticket. Diamo una mano a pazienti e familiari e la reazione è sempre positiva. Spesso tornano a salutarci e ringraziarci, per questo siamo molto orgogliosi del nostro servizio.”

foto gruppo PS Mirnadola

POSITIVO IL PRIMO BILANCIO

Il progetto sta ottenendo ottimi riscontri a Mirandola e sarà esteso anche agli altri Pronto Soccorso della provincia. Al Santa Maria Bianca è inoltre in programma l’installazione nelle sale d’attesa di alcuni monitor che permetteranno di visualizzare in tempo reale informazioni sul numero complessivo d’utenti in carico al servizio, suddivisi per codici colore, in modo da tenere aggiornati i pazienti sul carico di lavoro complessivo del Pronto Soccorso.

 

Per aderire è sufficiente contattare Annamaria Ragazzi dell’associazione AVO di Mirandola al numero 339 6236795 oppure scrivere una mail a mirandola@volontariamo.it

 

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Fissate le prime dati dei concerti 2018 di Vasco Rossi
    Fissate le prime dati dei concerti 2018 di Vasco Rossi
    Si parte a giugno a Torino, Padova, Roma, Bari e Messina[...]
    Addio a Lando Fiorini, la voce di Roma dall'infanzia a Disvetro di Cavezzo e a Novi
    Addio a Lando Fiorini, la voce di Roma dall'infanzia a Disvetro di Cavezzo e a Novi
    Passò qui l'infanzia nei difficilissimi anni del Dopoguerra[...]
    Si innamora a prima vista e ora la cerca su Facebook
    Si innamora a prima vista e ora la cerca su Facebook
    Un govane di Quistello, dopo aver incrociato gli occhi con una coetanea di Carpi a una cena [...]
    Tuning al Motor Show, quando il sogno americano è made in... Crevalcore
    Tuning al Motor Show, quando il sogno americano è made in... Crevalcore
    Tra le curiosità del Motor Show, nel padiglione dedicato al tuning spiccava anche una Camaro anni '70 rivitalizzata da un'officina di Beni Comunali [...]
    Il vino rubato e sequestrato dato in dono alla Croce Rossa
    Il vino rubato e sequestrato dato in dono alla Croce Rossa
    Si tratta di oltre mille bottiglie che erano state trovate dalla Polizia in un furgone abbandonato sulla Canaletto[...]
    E nella piazza terremotata si addobba per le feste... la gru della ricostruzione
    E nella piazza terremotata si addobba per le feste... la gru della ricostruzione
    Accade a Mirandola con la gru del cantiere all'ombra del vecchio Municipio in piazza Costituente[...]
    Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito in Appennino
    Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito in Appennino
    Lo dicono le stime di Confesercenti Modena [...]
    Anas, Mit e Polizia di Stato: Al via la nuova campagna sulla sicurezza stradale con Francesco Gabbani
    Anas, Mit e Polizia di Stato: Al via la nuova campagna sulla sicurezza stradale con Francesco Gabbani
    In difesa degli utenti più vulnerabili: ciclisti, motociclisti, ciclomotoristi, pedoni. [...]
    Scuderia Imperiale ed Extrema Kart, la Bassa al Motor Show
    Scuderia Imperiale ed Extrema Kart, la Bassa al Motor Show
    Il reparto racing della carrozzeria mirandolese e il kartodromo di Massa Finalese sono i due brand della nostra area presenti alla kermesse bolognese - FOTO[...]
    Accademia per il Balsamico tradizionale, ultimo sabato di assaggi
    Accademia per il Balsamico tradizionale, ultimo sabato di assaggi
    Appuntamento sabato 2 dicembre per 40 maestri, 25 assaggiatori, 40 fra allievi e aspiranti allievi e una mezza dozzina di neofiti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: