SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Alluvione e trombe d’aria: contributi per le abitazioni non principali, spese riconosciute al 50%

Arriva il riconoscimento dei contributi per le abitazioni non principali e per i beni mobili in esse contenuti, danneggiate dall’alluvione del 2014 e dalla tromba d’aria del 2013 (quella che colpì le zone di San Martino Spino e Gaggio, vicino Castelfranco) che colpirono numerosi comuni delle province di Modena e Bologna. Sarà riconosciuto il 50% delle spese ammissibili. Per far fronte alla copertura dei costi è stato destinato 1 milione e 760 mila euro. Contemporaneamente, oltre 4 milioni di euro sono destinati ad interventi urgenti di riduzione del rischio idraulico e messa in sicurezza dei fiumi Secchia e Panaro. Lo stabiliscono le ordinanze n. 3 e n. 4, firmate dal presidente della Regione e Commissario delegato alla Ricostruzione Stefano Bonaccini e pubblicate sul Bollettino Ufficiale telematico della Regione Emilia-Romagna n. 53 del 13 marzo 2015.

L’ordinanza n. 3
Il provvedimento disciplina i criteri, l’entità e le modalità per il riconoscimento dei contributi ai privati che abbiano presentato – entro il termine dell’8 agosto 2014 stabilito dalle ordinanze precedenti – le domande per: abitazioni non principali del proprietario o di un terzo alla data degli eventi calamitosi; eccedenze del massimale di 85.000 euro per beni immobili o parti comuni di beni immobili danneggiati; abitazioni inagibili dal sisma del 2012 e successivamente colpite dalla tromba d’aria o dall’alluvione.
Per i danni alle abitazioni non principali e ai beni mobili in esse ubicati sarà riconosciuto il 50% delle spese ammissibili a contributo; per i danni alle abitazioni principali e alle parti comuni di un immobile eccedenti il massimale di 85.000 euro il contributo è riconosciuto applicando un’aliquota progressiva sulla parte eccedente; infine, per i danni alle abitazioni inagibili per gli effetti del sisma 2012, che siano stati successivamente colpiti dalla tromba d’aria o dall’alluvione, il contributo è riconosciuto al 100% se l’abitazione era prima casa alla data del sisma (non potendolo essere alla data dei successivi eventi in quanto inagibile).
I Comuni entro 30 giorni provvederanno a completare l’istruttoria delle domande. In totale, alle Amministrazioni comunali sono giunte: 121 richieste di contributi per abitazioni non principali; 7 richieste relative ad eccedenze il massimale di 85.000 euro per danni ai beni immobili o alle parti comuni di beni immobili; 23 richieste per abitazioni inagibili dal sisma del 2012, successivamente colpite dalla tromba d’aria o dall’alluvione.
Gli interventi di ripristino delle abitazioni distrutte o danneggiate e delle parti comuni dell’immobile danneggiato, la riparazione o il riacquisto dei beni mobili dovranno essere eseguiti e comprovati con la documentazione di spesa entro il 30 aprile 2016. Il termine potrà essere prorogato dal Comune, in ragione della specificità della situazione, per un periodo comunque non superiore a 6 mesi. La documentazione di spesa da presentare dovrà seguire le norme e i criteri già stabiliti dalle ordinanze commissariali n. 2 e n. 8 dello scorso anno, che fissavano anche il termine dell’8 agosto 2014 per la presentazione delle domande.

L’ordinanza n. 4
L’ordinanza n. 4 riguarda il proseguimento e la conclusione dei lavori di ripristino delle opere pubbliche danneggiate durante l’alluvione del 19 e 20 gennaio 2014 (a cui vengono destinati 180 mila euro) e l’autorizzazione di un ulteriore stralcio di opere per la messa in sicurezza idraulica del territorio modenese; a questo scopo sono stanziati 4 milioni 80 mila euro. In totale, si tratta di 4 milioni 260 mila euro.
Sono previsti e finanziati interventi sui principali affluenti di Secchia e Panaro immediatamente a sud della città di Modena. In particolare: Torrente Fossa, Gherbella, Nizzola e Guerro con la finalità di adeguare strutturalmente e funzionalmente il sistema difensivo esistente e di adeguare nodi e tratti particolarmente critici, per ridurre la pericolosità soprattutto in caso di eventi di piena; interventi su Secchia e Panaro in corrispondenza di segnalazioni di criticità trasmesse dai Comuni, contenute all’interno dei piani comunali di emergenza di Protezione civile e nel programma provinciale di previsione e prevenzione con la finalità di aumentare, per i tratti particolarmente critici, il livello di sicurezza e ridurre la pericolosità e il rischio per gli elementi esposti. Altri lavori riguardano il proseguimento degli interventi su Secchia e Panaro per ripristinare le arginature in corrispondenza dei tratti danneggiati dalle tane di animali e mantenere la sezione di deflusso attraverso l’asportazione del materiale flottante.
Le risorse stanziate permettono di far fronte alle criticità evidenziate durante le campagne di monitoraggio messe a punto dal sistema di Protezione civile provinciale con il supporto di Aipo, Comuni, Organizzazioni di volontariato di Protezione civile e Ambiti territoriali di caccia.
Le ordinanze sono consultabili on line su E-R nell’apposito sito dedicato a “I provvedimenti per alluvione e trombe d’aria”. Per l’ordinanza n. 4 sono pubblicati anche gli allegati, con l’elenco degli interventi autorizzati, l’indicazione degli enti attuatori e le risorse stanziate (quando l’importo è pari a zero si tratta di lavori a costo zero, perché in concessione)

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Fiocco azzurro in redazione: benvenuto Orlando
    Fiocco azzurro in redazione: benvenuto Orlando
    E' nato il figlio della nostra direttrice[...]
    Carpi e quella scritta "stazione" da bocciatura elementare
    Carpi e quella scritta "stazione" da bocciatura elementare
    Lettere capovolte nella nuova scritta sulla facciata della stazione ferroviaria. Un grande capolavoro di approssimazione[...]
    Anni: 6. Idee: chiare. "Da grande voglio entrare nell'Arma dei Carabinieri"
    Anni: 6. Idee: chiare. "Da grande voglio entrare nell'Arma dei Carabinieri"
    La piccola Avery si è presentata alla caserma di Carpi per conoscere i suoi eroi[...]
    Alessia Vescovini, 18 anni da Mirandola: è tra le più brave d'Italia con l'inglese
    Alessia Vescovini, 18 anni da Mirandola: è tra le più brave d'Italia con l'inglese
    La studentessa del Liceo Pico va a Urbino per disputare le semifinali del Campionato nazonale delle Lingue[...]
    La Bassa? E' anche... una birra. Ma di un'altra Bassa
    La Bassa? E' anche... una birra. Ma di un'altra Bassa
    Etichetta rosa e un nome a noi caro per una birra lager che riporta al ciclismo e a Pantani. Ma si tratta di una Bassa... diversa[...]
    Da Correggio a Guercino, in mostra i capolavori della collezione dei Duchi d'Este
    Da Correggio a Guercino, in mostra i capolavori della collezione dei Duchi d'Este
    Dal 17 febbraio al 13 maggio alla Galleria Estense di Modena [...]
    Valentina Bianchini da Mirandola nel consiglio direttivo di Assofranching
    Valentina Bianchini da Mirandola nel consiglio direttivo di Assofranching
    Nuovo importante incarico per l'imprenditrice di 37 anni[...]
    Con Vasco Rossi il Comune di Modena ha violato la par condicio, sanzionato dal Garante
    Con Vasco Rossi il Comune di Modena ha violato la par condicio, sanzionato dal Garante
    A finire nei guai con l'Autorità per le comunicazioni fu anche il Comune di Mirandola, richiamato per l'uso non corretto de L'Indicatore Mirandolese.[...]
    Loris Tromba da Cavezzo sul podio dei mondiali di karate
    Loris Tromba da Cavezzo sul podio dei mondiali di karate
    Un successo importante che valorizza tutto lo sport della scuola della Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: