SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Comune unico, sulla Canaletto insieme tra opportunità e tanti dubbi

  • di Antonio Turco (*)

Il progetto delle aggregazioni dei comuni è ormai maturo e non può essere affrontato al di fuori di un vero percorso di riassetto istituzionale generale iniziato con la riforma delle Province. Il tema, a mio avviso, non è solo fondere i comuni per spendere meno. Ma al limite fondere i comuni perchè siano realmente capaci di amministrare il territorio e promuovere sviluppo sia economico che sociale. A che servono dei comuni che riducono le spese, le consulenze, i progetti, il personale ma poi sono residuali e inefficaci nel creare occasioni di sviluppo e di crescita soprattutto per i giovani, le famiglie e le imprese? Si può spendere poco ma spendere molto male semplicemente perchè non si raggiungono risultati importanti per il territorio che si vorrebbe amministrare.

L'area del comune "fuso" all'interno della mappa provinciale

L’area del comune “fuso” all’interno della mappa provinciale

Certamente è fondamentale non sprecare, ma ancora più importante è avere idee, progetti, metterli in campo, attivare su di essi tutte le risorse disponibili su un territorio, per giunta come il nostro che si avvia tenacemente alla ricostruzione, e in questo modo dare un supporto decisivo alla capacità di competere in questo mondo sempre più complesso e difficile in cui persone e aziende devono comunque cimentarsi. Allora è importante capire se la fusione dei nostri tre comuni consente di contare di più, raggiungere risultati migliori, sviluppare progetti più innovativi, essere più autonomi e capaci di determinare il futuro della nostra comunità.

Per farmi capire meglio, il comune di Mirandola, che ha un territorio e una popolazione abbastanza paragonabile a quella dei comuni di Cavezzo, Medolla e San Prospero messi insieme, non pare abbia servizi più efficienti dei nostri, sono per quantità in linea con i nostri e non costano meno. Anche le spese generali non si discostano significativamente da quelle dei nostri servizi. Unica differenza dal punto di vista dei costi: hanno un solo consiglio comunale e un solo sindaco invece di tre consigli e tre sindaci. Ma i comuni governano risorse (dirette e indirette) che superano tranquillamente le decine di milioni di euro. Producono direttamente e indirettamente decine di posti di lavoro. Possono fare risparmiare o guadagnare ad un impresa del territorio migliaia di euro con una sola decisione.

Spero quindi che non si stia parlando solo di questo; le storie dei costi della politica (almeno a livello locale) e degli sprechi per consulenze, progetti, servizi lasciamole per ora ad altri come specchietto per le allodole o come propaganda politica.

Se invece ragioniamo concretamente, Mirandola conta davvero molto di più dei nostri tre comuni che intendono avviare le procedure di fusione, quando si parla di ricostruzione post terremoto, di ospedale e sanità, di infrastrutture, di trasporto pubblico e investimenti, di scuola e formazione. Mirandola, con il biomedicale e la meccanica, ma non solo, sta superando con minori difficoltà le diverse crisi economiche e finanziarie degli ultimi anni, terremoto compreso. Mirandola pianifica e governa il territorio in modo omogeneo e uniforme. Quando il sindaco di Mirandola si confronta con le altre istituzioni o con la sua realtà economica ha un peso specifico molto superiore ai tre comuni. Mirandola ha uffici che per dimensioni e pluralità di competenze possono sviluppare progetti ambiziosi e innovativi. Mirandola può pagare i propri dirigenti di più e spendere paradossalmente di più per questo tipo di personale, ma può anche portare via ai comuni più piccoli i collaboratori migliori.

Ma comunque tutto questo non sarebbe ancora sufficiente se non si considerasse un progetto di fusione all’interno di una riforma più ampia. Uso sempre l’esempio di Mirandola: a un comune di queste dimensioni e organizzazione possono essere trasferite una parte delle competenze gestionali che oggi sono in capo alla Provincia, seppur in via residuale, con la tranquillità che saprà gestirle da una posizione più vicina al cittadino e con un controllo da parte di quest’ultimo assai più efficace e puntuale.

Più in generale: la Germania ha fuso i comuni nell’immediato dopoguerra, la Francia ha scelto la via delle Unioni di Comuni. La Francia ha la miglior amministrazione pubblica del mondo, la Germania ce l’ha di ottimo livello ma tornasse indietro non seguirebbe la strada della fusione, ma quella delle unioni, come è stato d’altra parte documentato da alcuni studi della comunità europea al riguardo. La Spagna ha scelto una via intermedia: le province trasferiscono le loro competenze ai comuni tutte le volte che i comuni si associano in unione e raggiungono una soglia minima. Tutti, proprio tutti, hanno scelto di accompagnare i processi di aggregazione con autonomia finanziaria (perchè senza risorse economiche si può fare forse della poesia ma non sviluppo di un territorio), ma soprattutto con competenze e poteri aggiuntivi (e questo non costerebbe niente anzi sarebbe il vero risparmio).

Dopo le Province, cominciamo a smantellare buona parte delle ciclopiche strutture regionali che invece di pianificare e legiferare in realtà gestiscono servizi e inducono vincoli e costi rilevanti su questi ultimi (altrochè battaglie formali sul vitalizio dei consiglieri regionali). Alle stesse Province lasciamo solo quelle funzioni degli organismi statali decentrati (Prefetture, Questure, servizi idrografici, consorzi, agenzie varie) e poi eliminiamole tutte in modo definitivo.

A parità di spesa trasferiamo risorse e personale e faremo così una “rivoluzione” in questo paese liberando tante di quelle possibilità che nemmeno ce l’aspettiamo.

fusione_sanprospero_medolla_cavezzo

Gli attuali stemmi comunali

Il tutto per una semplice ragione: che quando ci si avvicina molto ai cittadini e si deve rispondere a loro direttamente e quotidianamente l’amministrazione ha “performance” tante volte superiori a quelle degli stessi privati, come del resto testimoniato dal fatto che gli stessi cittadini tra un servizio pubblico comunale (asilo, casa protetta…) e uno privato, o non fanno differenza o prediligono quello pubblico.

D’altra parte da una cultura che pensa che la riforma dell’amministrazione pubblica siano le auto blu che i comuni come i nostri non hanno mai avuto, o il taglio del 10% dei gettoni dei consiglieri comunali, avremo un’amministrazione pubblica che costerà un pò meno ma che o funzionerà poco o, peggio, non servirà a quasi niente e quindi si avrà ragione a smantellarla un pezzettino alla volta.

In ultima analisi, l’avvio del progetto di fusione dei comuni di Cavezzo, Medolla e San Prospero sulla carta è positivo, ma il tema centrale, lo possiamo rimandare fin che si vuole, sarà sempre quello: per fare cosa? con quali risorse? E per quali risultati? Quindi va bene che si inizi a palarne con i cittadini, che si inizi questo percorso anche con coraggio e tenacia politica.

E’ oggi il tempo di riforme, ambiziose, controcorrente e profonde non di lifting superficiali. Altrimenti anche di un comune più grande ce ne faremo ben poco se non sarà lo strumento per portare nuovi poteri il più vicino possibile ai cittadini, per valorizzare i migliori, per sviluppare progetti lungimiranti, per recuperare risorse straordinarie, per promuovere territorio e persone nel migliore dei modi.
Banalmente per amministrare il “Bene Comune” e farsi valutare senza alibi dai cittadini.

Ma questo, mi viene il dubbio, un pò spaventa tutti. Senza distinzione politica.

(*) Antonio Turco, residente a Cavezzo, Revisore Legale dei Conti e giornalista pubblicista, lavora a Bologna dove è Tesoriere del Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo s. c. (Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue)

LEGGI ANCHE: Cavezzo, Medolla, San Prospero, prove di fusione: referendum fra 3 anni

LEGGI ANCHE: Comune unico, le opposizioni: “Non sia la brutta copia dell’Ucman”

LEGGI ANCHE: Fusione Comuni, in Appennino un referendum per unire Granaglione e Porretta

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: