Mafia, il giudice Di Matteo cittadino onorario di Modena

Nei giorni scorsi nella Bassa ci sono state diverse polemiche politiche legate al fatto che in un paio di Comuni fosse stata respinta la richiesta di conferire la cittadinanza onoraria al giudice anti mafia Antonino Di Matteo. Una scelta che le amministrazioni legavano al fatto che il conferimento sarebbe avvenuto a Modena, con una cerimonia a carattere corale che dal capoluogo avrebbe coinvolto idealmente tutto il territorio.

Oggi è stato il giorno della cerimonia a Modena, e le polemiche sono state tutte sopite.

“Oggi il giudice Antonino Di Matteo, uno dei più forti simboli della lotta contro le criminalità organizzate e per la legalità, diventa ‘uno di noi’. Non solo la comunità e la città di Modena, ma tutta la provincia, si stringono simbolicamente attorno a lui”. Con queste parole il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha salutato il giudice antimafia Antonino Di Matteo nella seduta del Consiglio comunale del 2 marzo, ringraziandolo per aver accettato la cittadinanza onoraria di Modena anche a nome degli altri Comuni che avrebbero voluto conferirgli lo stesso riconoscimento. Alla seduta hanno partecipato il prefetto Di Bari, il questore Capocasa, il procuratore aggiunto Musti, il senatore Vaccari (componente della commissione Antimafia), l’assessore regionale alle Politiche per la legalità Mezzetti, Enza Rando della presidenza di Libera, autorità civili e militari, sindaci e assessori dei Comuni di Castelfranco, San Cesario, Soliera, Bastiglia, Riolunato, Fiorano, Formigine, Bomporto, Nonantola, Prignano, Maranello, Ravarino e molte persone che hanno affollato le sale messe a disposizione in Municipio.

Dopo aver ricordato la conferma giunta dall’indagine Aemilia della fondatezza dell’allarme da tempo lanciato dalle istituzioni democratiche circa le infiltrazioni della criminalità organizzata sul nostro territorio, il sindaco ha sottolineato l’impegno a far fronte comune – istituzioni, associazioni, imprese e cittadini – per assicurare legalità e trasparenza attraverso impegni concreti e diffondendo la cultura e l’educazione per la legalità. “Dobbiamo essere noi ad accendere i riflettori e a vigilare. Modena è città Medaglia d’oro al valor militare per la resistenza e i valori di libertà, democrazia e legalità, che sono parte essenziale del carattere della nostra città si vedono e si vedranno anche in questa sfida. La legalità – ha continuato Muzzarelli – non è solo il rispetto delle leggi, è di più: è quel patto di lealtà tra un individuo e la comunità a cui si sente legato. Quando vincono le mafie non solo vince la violenza e l’oppressione ma un intero territorio perde aria, perde speranza, mancano libertà di lavoro e libertà economiche. Da sempre la forza della mafia è quella del silenzio, dell’omertà, della solitudine in cui viene lasciato chi la combatte. Noi non commetteremo questo errore, e la cittadinanza onoraria di oggi è un altro riflettore acceso”.

Ad aprire la seduta è stata la presidentessa del Consiglio comunale Francesca Maletti che, dopo aver letto un brano della toccante lettera scritta da Di Matteo al giudice Paolo Borsellino e letta il 19 luglio 2011 in via D’Amelio, sul luogo della strage in cui il giudice ha perso la vita, ha insistito: “Oggi per noi il conferimento della cittadinanza onoraria significa dire, ad alta voce, che siamo quegli italiani che non si vogliono rassegnare, che vogliono stare accanto alle donne e agli uomini servitori dello Stato che fanno pienamente il loro dovere e hanno il coraggio di combattere le mafie. E diciamo a tutti i mafiosi che il giudice Di Matteo è un nostro cittadino che accudiremo e al quale consegniamo le chiavi della città e che non sarà mai ospite ma pienamente cittadino modenese”.

La presidentessa si è quindi rivolta “all’uomo e al magistrato Di Matteo che ha scelto di vivere il suo lavoro con il vizio di scavare in profondità per cercare la verità e affermare la giustizia, un servitore dello Stato che ci siamo abituati a conoscere dalle sue azioni – ha continuato ricordando le parole di Giovanni Falcone (“Credo che ognuno di noi debba essere giudicato per ciò che ha fatto. Contano le azioni, non le parole), dalla sua condotta sempre chiara e trasparente, dalla sua grande professionalità”.

La presidentessa si è quindi unita al sindaco nel ringraziare don Luigi Ciotti, presidente di Libera e presente alla seduta, “per tutto quello che fa, per averci insegnato di cosa ha paura la mafia”, e la Procura Distrettuale Antimafia di Bologna per le importanti indagini condotte sul nostro territorio, sottolineando però che “le istituzioni devono agire con l’etica della responsabilità perché devono essere credibili e hanno l’altrettanto importante compito di darsi strumenti di trasparenza che dimostrino che lo Stato è più potente delle mafie”.

“C’è bisogno del coraggio della verità e del risveglio delle nostre coscienze. Perché la democrazia si fonda su giustizia e dignità umana, ma non sta in piedi senza un terzo elemento che è la responsabilità. La prima riforma da fare, un’auto-riforma, è quella delle coscienze”, ha detto don Luigi Ciotti, presidente di Libera Associazioni nomi e numeri contro tutte le mafie, nel corso della seduta del Consiglio comunale di Modena di lunedì 2 marzo nella quale è stata conferita la cittadinanza onoraria al giudice Di Matteo.

“Per me è un momento di grande gioia ed emozione”, ha proseguito. “Quello che Modena fa oggi è un atto di democrazia e sono contento che consenta a Di Matteo di essere cittadino modenese, anche come segno per dire ai cittadini che non si può essere cittadini a intermittenza, a seconda delle circostanze. Non dobbiamo dimenticare – ha continuato – che c’è una mafiosità diffusa: le mafie non sono un mondo a parte ma una parte del nostro mondo. Vivono tra noi e oggi, con la crisi, più che mai sono forti, perché hanno tanto denaro e lo investono. In questi anni c’è chi ha fatto leggi che andavano nella direzione opposta alla legalità. Il problema non sono solo i poteri legali ma anche i poteri illegali che si muovono legalmente. Bisogna illuminare anche quelle zone apparentemente sane, perché la mafia è capace di arrivare dove c’è bellezza”.

Don Ciotti ha poi ricordato che “le prime esperienze dell’associazione Libera sono state fatte proprio a Modena. Qui, prima che altrove, abbiamo trovato disponibilità a sostenere le cooperative che lavorano i terreni sequestrati ai boss”.

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Grande emozione per il rocker: "Alla fine di tutto o all’inizio di tutto ringrazio comunque sempre il cielo e la chitarra“[...]
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    "Matrimonio di convenienza" nasce dalle lunghe file sulla Canaletto e dai giri in più fatti quando ponte Motta era chiuso. [...]
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    I due cantanti - molto amati dai giovani - hanno cantato in reparto al Policlinico[...]
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Lo strumento aveva certificato che c'era troppo alcol nel sangue (un tasso di 1,77, quando il limite è 0,5 grammi per litro)[...]
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Al via un nuovo piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima[...]
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Giocherà contro la Francia, la partita è in programma il 20 gennaio allo stadio Orange Vélodrome di Marsiglia. [...]
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    La geografia dice una cosa, ma le mappe cognitive che abbiamo in testa possono trarre in inganno[...]
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    L'ordinanza del Tribunale di Roma crea un precedente unico in Italia[...]
    Nel film di Natale con Massimo Boldi spunta... il Lambrusco di Sorbara
    Nel film di Natale con Massimo Boldi spunta... il Lambrusco di Sorbara
    Il cinepanettone del 2017 omaggia il nostro celebre vino[...]
    Oltre un milione di visitatori nei musei dell'Emilia-Romagna
    Oltre un milione di visitatori nei musei dell'Emilia-Romagna
    Nessun museo fa però parte della classifica dei primi trenta[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: