San Felice, approvato il progetto per il nuovo centro disabili – Foto

Procede l’iter che porterà alla realizzazione, a San felice sul Panaro, di un nuovo centro diurno per disabili. La struttura sorgerà a ridosso della piscina, alla periferia del paese. Nell’ultimo Consiglio Comunale è stata approvata all’unanimità la delibera di accertamento di conformità in deroga alle previsioni degli strumenti di pianificazione urbanistica. Il nuovo centro diurno per disabili sorgerà dunque nell’area esterna della Polisportiva in via Garibaldi. Su una superficie di 380 metri quadrati verranno ospitati fino a venti utenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“In Consiglio – riporta una nota del Comune – erano presenti Paolo Negro, presidente di Asp, Loreta Gigante, direttrice di Asp, l’Architetto Mauro Frate, progettista dell’intervento, l’ing. Daniele Castellazzi, responsabile dell’Ufficio Tecnico comunale, Giliana Galeotti, responsabile del Centro Ancora.

Paolo Negro ha parlato dei passi che hanno portato al progetto della nuova struttura: “La sfida di Asp, l’azienda dei servizi alla persona dell’Area Nord della nostra provincia, è stata quella di innovare e qualificare i servizi per le persone con disabilità del nostro territorio, e al tempo stesso potenziare l’offerta rispetto al crescere del bisogno. Nel post terremoto, abbiamo cercato con tutte le energie di coniugare tutto questo: non solo ricostruire ciò che è stato colpito del terremoto, ma innovare profondamente l’offerta mentre si ricostruisce. Questo progetto di nuovo centro diurno per disabili ne è una caso esemplare: è di fatto un nuovo servizio, rispetterà le norme regionali relative all’accreditamento, potrà ospitare fino a venti persone con disabilità. Questo progetto sarà realtà grazie alle donazioni (693.000 €) che finanziano interamente l’opera, le donazioni della cooperativa sociale KCS, della Fondazione Marino Golinelli e Alfawassermann s.p.a, le Assemblee regionali dell’Umbria, delle Marche e della Valle d’Aosta e i proventi della Festa sulla Neve Democratica ad Andalo”

L’architetto Mauro Frate ha poi illustrato i dettagli tecnici del progetto: “Asp ci ha chiesto di progettare il nuovo centro diurno con l’ambizioso obiettivo di rendere funzionale e confortevole l’ambiente dove potranno trascorrere tante ore i ragazzi disabili di questo territorio. Uno spazio pieno di luce e aperto verso l’esterno, ma allo stesso tempo riservato ed accogliente. La struttura in legno a vista della copertura ed il cortile interno sono pensati per fare sentire l’affetto della nostra comunità per i ragazzi e le ragazze e determinare per gli ambienti un carattere di domesticità. L’edificio, che dal punto di vista architettonico vuole inserirsi armonicamente nel contesto pubblico circostante, all’origine un ex ammasso canapa, in termini energetici, date le sue caratteristiche costruttive (strutture in legno stratificate a secco) consumerà la metà di un edificio costruito in modo convenzionale ed è studiato per sfruttare al massimo l’energia del sole conformandosi, di volta in volta, a cercare il massimo irraggiamento o a la protezione a seconda delle necessità.”

Il Sindaco di San Felice Alberto Silvestri ha infine ribadito –  chiude la nota – alcune delle linee guida seguite dall’amministrazione comunale nella fase della ricostruzione: “Le priorità delle donazioni hanno visto al primo posto le scuole, al secondo le strutture per disabili. Una sfida che grazie al grande impegno dell’amministrazione e di Asp, verrà vinta. A breve verrà presentato anche il progetto del nuovo centro residenziale per disabili gravi e possiamo oggi dire che riusciremo a realizzare più di quanto immaginato nei primi mesi successivi al tragico terremoto del maggio 2012. Grazie alle donazioni stiamo realizzando un futuro migliore per le parti più deboli della società del nostro territorio. Deve essere un grande orgoglio per tutta la nostra comunità.”

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Il comico che interpretava Oriano Ferrari ora vive in auto dopo il dissesto economico causato dalla separazione dalla moglie[...]
    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]