SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Il Comitato Sagra e i fuochi emigrano. “Peccato: Rivara perde un’opportunità”

I fuochi di Rivara e, sullo sfondo, il castello Carrobbio di Massa. Strano, ma sarà così: il Comitato Sagra di Rivara e il suo ristorante “La Tradizione” di specialità equine – è cosa nota – emigrano a Massa, e con essi anche lo spettacolo pirotecnico più famoso della provincia (e non solo) e gli spettacoli collaterali organizzati appunto dal Comitato. Il quale, pur essendo formato da rivaresi (i soci sono attualmente una sessantina), si sposta nella frazione vicina – ma in un altro comune –  e l’oggetto del contendere, il casus belli, è il centro polivalente “Prosolidar 5.9”, la struttura per la quale il Comitato Sagra di Rivara si è speso sino ad ottenere la possibilità che la fondazione onlus dei bancari Prosolidar finanziasse il progetto della struttura che, perso da Rivara, si farà appunto a Massa. “Abbiamo sperato che si potesse fare a Rivara e abbiamo anche atteso – è la versione del Comitato, nelle parole di Domenico Rossi – ma non c’è stata la possibilità e, pur di non perdere il progetto, l’unica possibilità era andare a Massa. Con le iniziative del Comitato Sagra lo faremo da settembre: monteremo la tensostruttura del ristorante nell’area che in futuro sarà destinata al centro, ma sarà più piccola rispetto agli anni scorsi. Però i fuochi li faremo lì“. Quello sarà, per i prossimi anni, il luogo della Sagra di Rivara del Comitato. Una situazione che ha fatto e farà ancora molto discutere, “ma in questi giorni ne abbiamo lette e sentite di tutti i colori, sembriamo quasi dei disgraziati. Quando si parla di ristorante stabile da 500 coperti mi viene da sorridere, perché se davvero fosse così e fosse sempre pieno tutto l’anno, penso che tutti cambieremmo lavoro, altro che Comitato”.

Resta l’imbarazzo per il nome, però, perché la Sagra di Rivara a Massa suona quantomeno un po’ strana. “Il Comitato Sagra di Rivara – spiega Rossi – dal 2004 ha un atto costitutivo, uno statuto e già da prima una partita Iva: in tutti i documenti compare con questo nome. Con quell’intestazione sui documenti e sulle relative autorizzazioni Prosolidar scelse il nostro progetto. Per non dover rifare tutto daccapo, non era possibile cambiare, ma non è detto che con il tempo non lo faremo”. In effetti, non ci fossero state le frizioni che hanno portato poi allo spostamento delle iniziative del Comitato a Massa, probabilmente nell’area di fronte al cimitero di Rivara oggi ci sarebbe la struttura: “Fosse stato per Prosolidar, a loro sarebbe piaciuto inaugurare il tutto nella ricorrenza dei tre anni del sisma. Ovviamente non sarà così, siamo già in super ritardo e, dal momento che c’erano dei limiti temporali per ottenere il finanziamento per la polivalente, pur di non perderla abbiamo scelto Massa. E, mentre a Rivara se ne è discusso a lungo e anche un incontro voluto dal Comune per presentare il bilancio di previsione si parlò solo di quello che venne chiamato ‘Palamagnamagna’ senza trovare una soluzione, a Massa sono bastate tre riunioni per mettersi d’accordo, preparare i documenti e presentarli al Comune di Finale che aveva convocato in merito anche un Consiglio. E in nessun caso ci sono stati problemi con le istituzioni”.

Di fronte alla possibilità, a Massa più che sottilizzare hanno deciso di coglierla: “Sarà comunque la si voglia vedere un centro di aggregazione, perché ospiterà sagre, appuntamenti, associazioni. Da rivarese credo che Rivara abbia perso un’occasione per non rischiare di essere una frazione-dormitorio, in cui mancano le attività”. Ed è così che la sagra del Comitato lascia la sua area doc, dopo anni in cui non sono mancati fraintendimenti – quando non dispetti – tra le anime delle sagre, a partire da quando, alcuni anni fa, il Comitato considerò seriamente (senza poi accettarla) l’ipotesi di sponsorizzazione proposta da parte di Erg Rivara Storage, quelli dello staccaggio. “Solo che da allora, per ogni cosa che proponiamo, si tira in ballo il gas. Ma aver considerato allora quell’ipotesi non significava necessariamente essere favorevoli al deposito”. Un discorso, questo, che a Rivara inevitabilmente resterà per sempre un nervo scoperto, ma che in fondo con la Sagra emigrante oggi non c’entra.

Poi è vero che a Rivara la sagra ci sarà ugualmente, verrà organizzata e portata avanti da coloro che, già negli anni scorsi, hanno allestito la versione parrocchiale della manifestazione  – perché il nome originale è “Sagra della Natività di Maria Santissima”, alla quale è sempre stata dedicata ed è il motivo per il quale si svolge da sempre nella settimana dell’8 settembre – con tanto di ristorante e spettacoli: i “Bagaet” del bar che serve birra nel piazzale del campanile hanno già detto di voler continuare il loro progetto in loco, e dal Consiglio pastorale nasceranno le attività della versione rivarese. Detto ciò, la questione relativa al nome è tutta da considerare perché la sagra che ci sarà a Rivara, di fatto, sarà la sagra di Rivara, ma la possibilità che il comitato tenti di tutelare quello che a tutti gli effetti è diventato un marchio non è remota. “Ma di sicuro, andando a Massa, noi del Comitato non ci guadagneremo, perché se a Rivara verrà fatta una sagra nello stesso periodo è scontato che le persone si divideranno fra le due manifestazioni. Non c’è nessuno sgarbo, ma era l’unico modo per non perdere il progetto”, chiude Rossi.

 

LEGGI ANCHE: E la Sagra di Rivara si sposta… a Massa

LEGGI ANCHE: Il Comitato Sagra va a Massa? “Ma la sagra vera è con noi”, dicono i bagaet del bar

LEGGI ANCHE: “Polivalente Prosolidar 5.9” a Massa: obiettivo inaugurazione a maggio 2016

 

Rubriche

Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    Un drago barbuto, un’iguana e cinque cuccioli di volpe scambiati per cagnolini. Tutti i salvataggi de Il Pettirosso
    Un drago barbuto, un’iguana e cinque cuccioli di volpe scambiati per cagnolini. Tutti i salvataggi de Il Pettirosso
    L'associazone si occupa degli animali in difficoltà e in un anno ne ha curato un migliaio[...]
    Per Alex Guagliumi di Medolla il titolo di Mister Fitness
    Per Alex Guagliumi di Medolla il titolo di Mister Fitness
    La premiazione è avvenuta a Rosolino, in provincia di Rovigo[...]
    Pomodori da record, a Cavezzo un esemplare di oltre 1 chilo e 600 grammi
    Pomodori da record, a Cavezzo un esemplare di oltre 1 chilo e 600 grammi
    Lo ha coltivato Laura, una studentessa di giurisprudenza con la passione per l'orto[...]
    Asfaltato per errore il pozzo della Secchia rapita
    Asfaltato per errore il pozzo della Secchia rapita
    È successo a Bologna durante lavori stradali[...]
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    I componenti dei team Alboreto is nothing e Wanderlost si sono ritrovati a cena prima di entrare in Mongolia[...]
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Gli equipaggi Alboreto is nothing e Wanderlost hanno attraversato nei giorni scorsi la Pamir Road. LE IMMAGINI[...]
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    Nella puntata di mercoledì 25 luglio si parlerà anche di tardigradi[...]
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: