SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Mafia, il pm di Aemilia ai ragazzi mirandolesi: “Ecco come combattere le infiltrazioni”

Da una parte “coltivare la bellezza, puntare sempre a costruire cose grandi nella propria vita”, dall’altra “dire no ad ogni sopruso e a ogni forma di illegalità, anche la più piccola, fosse anche uno scontrino non emesso”: sono questi i due “antidoti” migliori all’infiltrazione e al radicamento delle mafie in Emilia-Romagna.

Parola di Marco Mescolini, sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Bologna e magistrato che ha condotto l’inchiesta Aemilia, questa mattina ospite dell’Assemblea legislativa regionale per un dialogo con gli studenti nell’ambito di ‘conCittadini’, il percorso di cittadinanza attiva dell’Assemblea legislativa, insieme alla presidente dell’Assemblea, Simonetta Saliera, a Elia Minari diCortocircuito, associazione studentesca antimafia di Reggio Emilia, e a Stefano Versari, direttoredell’Ufficio scolastico regionale. Tra le scuole presenti, gli istituti Rosa Luxemburg di Bologna, John Maynard Keynes di Castel Maggiore (Bo), Gaetano Salvemini di Casalecchio di Reno (Bo), Galileo Galilei di Mirandola (Mo), l’Istituto superiore di Maranello (Mo), Primo Levi di Vignola (Mo), Enrico Fermi di Modena, Silvio D’Arzo di Montecchio (Re) e Matilde di Canossa di Reggio Emilia.

NoMafie1

“È importante ragionare sulle contraddizioni che il nostro mondo vive, le mafie sono cambiate ed è fondamentale che ragazzi giovani, come quelli di conCittadini, abbiano gli strumenti per ragionare oltre i luoghi comuni- spiega in apertura la presidente dell’Assemblea legislativa, Saliera-. Sono sempre stata convinta che il nostro tessuto fosse capace di resistere alle infiltrazioni, invece le mafie hanno dimostrato per l’ennesima volta di sapersi adattare ovunque”. Per questo motivo, ribadisce, “vorremmo che i ragazzi capissero che la realtà che vediamo nasconde altro, che per contrastare le mafie serve una curiosità sana per l’ambiente che ci circonda, servono cittadini attivi, interessati a ciò che succede nei luoghi dove vivono”. D’altronde, sottolinea Saliera, “alle mafie basta poco per infiltrarsi nella società e nella politica, soprattutto nelle realtà locali più piccole dove l’elezione di un consigliere comunale è questione di decine o poche centinaia di voti”. Ecco perché “riutilizzare i beni confiscati, e l’Emilia-Romagna è la regione del nord Italia dove più le mafie sono state colpite sotto questo punto di vista- conclude la presidente- è il modo più chiaro per dire alle mafie: ‘Qui non si passa’”.

Al procuratore Mescolini gli studenti hanno rivolto numerose domande. A Sara, dell’istituto Levi di Vignola, che chiede come è avvenuto il radicamento delle mafie al Nord, e a Micol,dell’istituto Keynes di Bologna, che vuole capire il perché di così poche denunce, il magistrato ha risposto senza giri di parole: “Più la mafia è potente, meno se ne parla, è fisiologico quindi non accorgersi di infiltrazioni, e la maggiore difficoltà per contrastarle è l’idea diffusa, a volte anche in buona fede, che la mafia non ci riguardi, e la tendenza, di conseguenza, a sottovalutare tanti segnali. Viceversa- avverte Mescolini- una fattura non emessa o gonfiata può essere ed è mafia anche se non lo sembra, abbiamo avuto un caso di recente a Sassuolo”. D’altra parte, ribadisce il sostituto procuratore, “le mafie si adattano al tipo di criminalità del luogo dove si insediano, e qui in Emilia-Romagna prevale il riciclaggio, oggettivamente facile in un territorio dove la vivacità economica è grandissima e difficilmente qualcuno nota una pizzeria in più o in meno”.

A Giulia dell’Itc Rosa Luxemburg di Bologna, curiosa di sapere se il magistrato “abbia mai perso la fiducia nella possibilità di svolgere il suo lavoro”, Mescolini non ha voluto lasciare dubbi: “C’è bisogno di positività e di allargarla a quante più persone possibile intorno a sé; non mi viene in mente una attività antimafia migliore, e poi questa terra- rivendica- ha in sé una tradizione più forte di qualsiasi male possa essere emerso da indagini, la nostra società non è omertosa, e lo dico non da magistrato ma da cittadino emiliano-romagnolo”. A tale proposito, il magistrato ha raccontato un aneddoto: “L’operazione Aemilia all’inizio si chiamava ‘Abisso’, ma mi sono personalmente opposto a questa scelta, perché al contrario dell’immagine che si voleva richiamare, e che evoca qualcosa tanto senza fine quanto capace di attrarre e trascinare a sé, l’indagine da subito ha mostrato evidenti elementi di resistenza sana”.

NoMafieUn pericolo molto grave, ha concluso il magistrato sollecitato da più ragazzi sul tema, è la retorica: in ugual misura, sottolinea, “quella narrazione ‘fantasy’ della mafia, sullo stile del Padrino, che crea un immaginario collettivo sbagliato” e “quella retorica antimafia troppo semplicistica, che si basa sulla posizione umanamente facile di schierarsi contro chi spara e uccide, mi infastidiscono perché non rappresentano affatto la realtà”.

A colpire i giovani di conCittadini anche l’esperienza di un loro quasi coetaneo come Elia Minari e dell’associazione Cortocircuito: “Siamo nati per poter fare le domande a cui da soli non sapevamo darci risposta- ha spiegato Minari- e sinceramente non avremmo mai pensato di trovarci di fronte alla situazione che poi abbiamo scoperto, ed è stato indubbiamente doloroso”. Il primo embrione di Cortocircuito è nato “chiedendomi perché le feste di istituto del mio liceo avvenissero in una discoteca dove secondo la Prefettura venivano ospitate riunioni di una cosca: non ho potuto accettare la risposta che la scelta fosse dovuta semplicemente al fatto che fosse il locale più famoso della zona, e poco importava chi ne fossero i proprietari”.

A Salvatore, del D’Arzo di Montecchio, a Lorenzo del Salvemini di Bologna, a Federico del Fermi di Modena, dubbiosi su come un ragazzo del liceo possa attivamente contrastare la criminalità organizzata, Minari ha assicurato: “Ogni giorno con le nostre scelte possiamo impegnarci per la legalità, scegliendo di evitare qualunque attività criminale, anche quella che riteniamo più innocua”.

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: