Rapporto annuale GdF: irregolare un appalto su tre

Dal Rapporto annuale della Guardia di finanza emerge in maniera alquanto evidente un fenomeno di illegalità che farebbe invidia ad uno dei tanti Paesi a regime dittatoriale che ancora oggi infestano il pianeta.

Se infatti togliessimo qualunque riferimento al bel Paese, verrebbe subito da pensare ad un qualche miserabile (permettetemi il termine) staterello del continente africano.

In totale, tra frodi e sprechi nella pubblica amministrazione, appalti irregolari e beni sotto sequestro per reati tributari gli uomini della Guardia di finanza hanno scoperto un malaffare che si aggira attorno a 13,3 miliardi di euro. Stiamo parlando dello 0,6% del PIL.

Frodi ai finanziamenti pubblici e sprechi nella pubblica amministrazione

Secondo il Rapporto, infatti, pare che la Guardia di finanza, tra frodi ai finanziamenti pubblici e sprechi nella pubblica amministrazione, abbia individuato un danno allo Stato stimabile attorno ai 4 miliardi di euro, con oltre 3.700 persone denunciate per tali reati (di cui soltanto il 6% arrestate). Ovviamente il dato è da considerarsi in difetto, perché riguarda quanto è stato scoperto dalle indagini effettuate nel corso degli anni. Il dato complessivo è ben più allarmante. Le frodi ai finanziamenti pubblici riguardano più del 30% del totale mentre il restante 70% riguarda gli sprechi nella pubblica amministrazione.

Su un danno di oltre 4 miliardi di euro, purtroppo, a seguito delle indagini svolte, la Guardia di finanza è riuscita a recuperare poco più del 10%.

Appalti irregolari

Dalle verifiche effettuate su appalti pubblici, per un valore complessivo pari a 4,6 miliardi di euro, più di un terzo, vale a dire 1,8 miliardi di euro, nel 2014, sono stati assegnati illecitamente. Praticamente un appalto su tre. Complessivamente sono state denunciate 933 persone, di cui 44 arrestate (4,7%).

Il fenomeno degli “evasori totali”

Fenomeno da ascriversi al tanto lodato Made in Italy, è quello denominato “degli evasori totali”. Dalle indagini svolte dalla Guardia di finanza, il numero degli evasori fiscali “totali”, scoperti, è di circa 8.000 per un danno erariale difficilmente stimabile, ma che può essere valutato circa sui 4,6 miliardi di euro, se prendiamo come riferimento il valore dei “beni patrimoniali sequestrati per reati tributari” (di cui solo il 26% effettivi). Complessivamente, sono 17.802 i reati tributari scoperti e 13.062 i soggetti denunciati, di cui 146 arrestati (1,1%)

Conclusione

Le indagini svolte dalla Guardia di finanza hanno evidenziato un malaffare che colpisce lo Stato per un valore, stimato ovviamente in difetto, di circa 13,3 miliardi di euro, di cui solo il 12% recuperato. A fronte di tale attività investigativa sono state denunciate 17.695 persone, delle quali soltanto il 2,3% sono state arrestate.

C’è da farci un pensierino. Tutto sommato il rischio d’impresa è molto basso. D’altronde se l’evasione fiscale in Italia supera l’8% del PIL (circa 180 miliardi di euro) ci sarà una ragione. Insomma, la Malaffare Spa in Italia conviene.

Andrea Lodi

Link utili:

Rapporto annuale della Guardia di finanza

Lettera43 – Evasione fiscale: confronto tra l’Italia e gli altri Paesi

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]