Ecco gli hacker che bloccano i computer, preso un 42enne che ricattava qui nella Bassa

L’allarme lo aveva lanciato poco tempo fa la Polizia Postale, e qui nella Bassa si registra uno dei primi ricatti messi in atto, per fortuna disinnescato appena in tempo dai Carabinieri di Carpi

Stiamo parlando del Cryptolocker: è il nuovo virus che ruba i dati dal pc.

Ieri i Carabinieri della stazione di Carpi hanno denunciato un uomo di 42 anni ritenuto responsabile di estorsione informatica in danno di un esercente del luogo. Al commerciante aveva richiesto ed ottenuto, tramite virus informatico, la somma 500 euro minacciando blocco di tutto il sistema informativo azienda.

La vittima non ha ceduto al ricatto, e ha subito avvisato le forze dell’ordine che sono arrivate all’estorsore seguendo le tracce del conto Poste Pay su cui aveva chiesto venisse accreditato il denaro.

Infatti chi manda il virus che blocca i computer è la stessa realtà che poi promette di risolvere il problema, con offerte che sembrano di aiuto e pagamento ma invece sono tutte parte della stessa estorsione.

Cryptovirus.  Ecco come funziona e come evitarlo

Le truffe, le estorsioni e i raggiri passano ormai anche e soprattutto dal web.

La nuova ondata di attacchi avviene attraverso l’invio di mail contenenti il già noto virus Cryptolocker.
Purtroppo, nonostante gli sforzi investigativi abbiano già consentito di individuare diversi individui e gruppi organizzati, sia italiani che stranieri, impegnati nella organizzazione e realizzazione di simili azioni, la diffusione del fenomeno é costante per cui l’attacco si rivela possibile, sempre e comunque grazie ad un comportamento disattento dell’utente.
Lo scenario è il seguente: l’ignaro utente riceve sulla propria casella di posta elettronica un messaggio che fornisce indicazioni ingannevoli su presunte spedizioni a suo favore oppure contenente un link o un allegato a nome di Istituti di credito, Aziende, Enti, gestori e fornitori di servizi noti al pubblico.
Cliccando sul link oppure aprendo l’allegato (solitamente un documento in formato pdf o zip), viene iniettato il virus che immediatamente cripta il contenuto delle memorie dei computer, anche di quelli eventualmente collegati in rete.
A questo punto si realizza il ricatto dei criminali informatici che richiedono agli utenti, per riaprire i file e rientrare in possesso dei propri documenti, il pagamento di una somma di alcune centinaia di euro in bitcoin a fronte del quale ricevere via e-mail un programma per la decriptazione.
E’ importante non cedere al ricatto, anche perché non è certo che dopo il pagamento vengano restituiti i file criptati!

Tenere sempre aggiornato il software del proprio computer, munirsi di un buon antivirus, fare sempre un backup, ovvero una copia dei propri file, ma soprattutto fare attenzione alle mail che ci arrivano, specialmente se non attese, evitando di cliccare sui link o di aprire gli allegati, sono i consigli più importanti da seguire per impedire l’infezione del Cryptolocker.

Per maggiori informazioni e assicurare un contatto diretto e continuativo con il cittadino, si può fare riferimento anche al Commissariato di P.S. on line, per tutti coloro che frequentano la rete, caratterizzato da innovativi sistemi di interattività con l’utente, reperibile all’url: www.commissariatodips.it.

(Tratto dalla pagina social della Polizia Postale)

 

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]
    Nuovo ponte di Bomporto, due aree pedonali per assistere al varo
    Nuovo ponte di Bomporto, due aree pedonali per assistere al varo
    La spettacolare operazione prende il via alle ore 9 per proseguire tutta la giornata [...]
    Giovani vengono stipendiati per stare in vacanza e divertirsi. E' "Il lavoro più bello del mondo"
    Giovani vengono stipendiati per stare in vacanza e divertirsi. E' "Il lavoro più bello del mondo"
    L'offerta di lavoro è proposta dal Silb di Rimini (l'associazione delle discoteche e delle sale da ballo), in collaborazione con Apt, Black marketing Guru e Confcommercio di Rimini[...]