SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Italiani e banche: un rapporto difficile

GLOCAL

di Andrea Lodi

La sfiducia degli italiani verso le istituzioni viene da molto lontano. Qualcuno avrebbe anche avuto l’ardire di scomodare gli antichi romani.
Sono quelli del partito del “siamo fatti così”, quelli che non hanno alcun interesse a vivere in un paese efficiente e performante, perché altrimenti “dovrebbero cominciare a dimostrare di avere delle competenze”, direbbe qualcuno.
Polemiche a parte, un italiano su tre, per essere ottimisti, non ha più fiducia nelle Istituzioni, siano esse politiche, economiche o finanziarie. E’ tutta colpa della politica, ovviamente. E’ colpa di quella tendenza a “puntare verso il basso” della quale la politica ha fatto il proprio baluardo, l’essenza della propria sopravvivenza.
Ne sono un esempio le banche. Unicredit e Intesa San Paolo, amministrate da dirigenti competenti, sono state in grado di affrontare la crisi attuando politiche strategiche in grado di riportarle già nel 2017, secondo le previsioni, a performance di assoluto rispetto.
Unicredit nel 2016 ha affrontato il “grosso” delle pesanti eredità del passato, assorbendo di fatto da sola quasi la metà delle rettifiche ed una percentuale ben più significativa delle perdite dell’intero sistema bancario. I traguardi contenuti nel piano industriale prevedono un ritorno all’utile e al dividendo sull’esercizio 2017 grazie soprattutto alla riduzione del costo del rischio.
La stessa cosa non si può dire delle cosiddette “bad four”: MPS, Popolare di Vicenza, Veneto Banca e Banca Etruria. Le quattro banche che hanno creato un consistente dissesto finanziario nel sistema bancario italiano. Nuova Banca Etruria si salverà grazie all’acquisizione da parte di Ubi Banca, che ha intenzione di portarsi a casa le competenze di Banca Etruria, riconosciute a livello internazionale, nella contrattazione dell’oro. Mentre le prime tre hanno visto, nel lungo periodo della loro drammatica crisi, una fuga di clientela per un controvalore di 65 miliardi di euro, venti dei quali confluiti negli ultimi tre anni in Intesa San Paolo.
La fuga della clientela, in gergo tecnico “banking run”, è un indicatore empirico dello stato di salute di una banca. Se il cliente non è contento, se ne va.
Sarà una pura coincidenza ma le “bad bank” italiane, guarda a caso, sono quelle che hanno visto una forte ingerenza dei politici nella loro gestione. In MPS, che rappresenta il caso più eclatante, il volume delle sofferenze e dei crediti malati è andato crescendo senza sosta fino ad oltre il trenta per cento del portafoglio. Un valore che le ha assegnato il triste primato di banca più rischiosa del Paese. L’unica cosa che sono stati “capaci” di fare, questi manager incompetenti, è stata di occultare per qualche anno le sofferenze, (in)consapevoli che prima o poi dovevano essere gestite.
“La politica, non soltanto locale, ha deciso le sorti della Fondazione e della Banca in riunioni che avvenivano fuori dalle istituzioni. Io stesso sono stato oggetto continuo di pressioni da parte del partito cui appartenevo, perché facessi certe operazioni e non altre. È uno dei motivi per cui ne sono stato espulso nel 2004. La mia visione dello sviluppo del Monte dei Paschi era diametralmente opposta a quella che girava non solo nel mio partito, ma anche negli organi di controllo”. Lo ha dichiarato Pierluigi Piccini, sindaco di Siena dal 1990 al 2001, eletto con l’allora Pds.
Ma qual è il problema? Per il partito del “siamo fatti così” non c’è alcun problema. Qualcuno ci penserà a sistemare le cose. E’ sufficiente occultare le prove, scaricare le colpe, dichiarare che c’è un complotto ed assoldare un team di buoni avvocati, che con le lungaggini della giustizia italiana, il presunto reato andrà senz’altro in prescrizione. Se si ha poi la fortuna che il Presidente del Consiglio appartiene al tuo stesso partito politico, allora non c’è da dubitare che un qualche decreto “salva banche” verrà senz’altro tirato fuori.
La situazione non è delle più allegre. Le piccole banche, che un tempo erano considerate l’orgoglio del nostro sistema finanziario, sono quelle più a rischio. Il problema maggiore non è tanto nello status-quo, che ha visto l’intero sistema bancario dover gestire forti sofferenze, ma nella capacità di guardare al futuro, nella capacità di approntare piani industriali, come nel caso di Intesa San Paolo e Unicredit, in grado di dare fiducia al mercato. Perché con una situazione di “fuga strutturale dei clienti” non c’è piano industriale che tenga.

Rubriche

Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Alle Tatoo va in televisione su Rai 1
    Alle Tatoo va in televisione su Rai 1
    E' stato ospite della trasmissione "I soliti Ignoti". E nel fine settimana a a Mediaset[...]
    All'Università apre un nuovo Centro di ricerca... sulle Metafore
    All'Università apre un nuovo Centro di ricerca... sulle Metafore
    Forte la portata interdisciplinare: riguardano linguistica, stilistica, la traduzione, la critica letteraria, la filosofia, le scienze cognitive [...]
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Il 93% sceglie l'espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro[...]
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    L'uomo simulava inseguimenti incurante dei limiti di velocità[...]
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Ci sono anche 40.000 pezzi in deposito tra vetture storiche, modelli attuali e ricambi del reparto Motorsport, Squadra Corse[...]
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Soprattutto in ospedale, dove è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un’infezione correlata all’assistenza[...]
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Abbina camere di albergo, minimo sette, con unità abitative dotate di cucina autonoma che possono essere frazionate e vendute ai privati o affittate [...]
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    E' la sintesi tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: