Risparmio e dintorni – Guida alla finanza: il vocabolario economico (5^ parte)

RISPARMIO E DINTORNI

di Paolo Campedelli

Il vocabolario economico raggiunge oggi la puntata numero cinque, ultima di una serie nella quale ci siamo occupati di termini spesso noti, almeno perché usati da tv e giornali, ma poco conosciuti nella realtà, da “bail in” a “spread”, da “bond” a “rating”. Ecco gli ultimi due.

Valore reale e nominale – La distinzione può apparire banale. Tuttavia occorre sempre ricordarla perchè il risparmiatore, spesso, prende degli abbagli. I suoi calcoli, infatti, sono quasi sempre con valori nominali. Ebbene, in generale, il valore nominale di un bene è il suo «valore facciale» contrapposto a quello reale, da una parte, determinato al momento in cui si effettua l’operazione dal mercato stesso; e, dall’altro, dall’impatto degli aspetti cosiddetti monetari (inflazione, tassi di cambio). Così, ad esempio, il tasso reale di rendimento è il valore del tasso nominale cui viene sottratto il tasso d’inflazione (se ovviamente quest’ultima è presente). Di recente, in Europa, l’inflazione è assente tanto che si parla di effetti della deflazione, ossia di una diminuzione del livello generale dei prezzi. La deflazione non va confusa con la disinflazione, che descrive semplicemente un rallentamento del tasso di inflazione.

Vix – Il Vix (CboeVolatilityindex) è l’indice che misura la volatilità (variazione percentuale del prezzo di uno strumento finanziario nel corso del tempo. In senso più lato ci si riferisce alla tendenza dei mercati finanziari a oscillare con maggiore violenza del solito) implicita (futura nei 30 giorni successivi) delle variazioni di prezzo delle principali 500 azioni quotate alla Borsa di New York, quelle dell’indice S&P 500. Il Vix è un paniere ponderato di opzioni, sia call (acquisto) sia put (vendita). Se il mercato è stabile, il premio delle opzioni rimane basso. Se la volatilità implicita aumenta, allora anche i premi crescono, facendo così salire l’indice. Di norma quando l’S&P500 scende il Vix dovrebbe salire, mentre, quando l’indice azionario sale, il Vix dovrebbe scendere.

Il vocabolario economico, dopo cinque puntate, termina qui, ma non termina la nostra rubrica. Alla prossima puntata!

L’ARCHIVIO DI “RISPARMIO E DINTORNI”

Sul Panaro on air

    • WatchMorbillo, il medico dell'Ausl di Modena chiarisce i dubbi
    • WatchSimone di Masterchef
    • WatchDue colpi in due giorni per questo rapinatore di banche