La storia di Sabina Berretta

GLOCAL

di Andrea Lodi

L’altra sera, impegnato nel tradizionale quarto d’ora di zapping compulsivo, sono incappato in un servizio giornalistico delle “IENE”, nel quale si descriveva l’ennesimo spreco dell’ormai preoccupante, paradossale, direi quasi allegorica, regione Sicilia.

Pare che da quelle parti, alcuni, troppi, musei locali che non vedono un visitatore da anni, sommano la considerevole presenza di decine e decine di custodi. Che cosa custodiscano non si sa, molto probabilmente sono “custodi” dell’ormai irrefrenabile clientelismo che ha invaso l’isola da tempo immemore.

La direttrice di una di queste perle del mezzogiorno, ovvero il museo “ Archeologico Regionale Paolo Orsi” di Siracusa, intervistata sui motivi della chiusura di alcune aree del museo che dirige, avrebbe risposto che mancano i fondi per le manutenzioni. Stiamo parlando di un museo con quaranta custodi, quando ne basterebbero due, forse tre, per un costo annuo (spreco) che vale più di un milione di euro. Poi ci dicono che mancano i fondi … Più che altro è stato raggiunto il fondo.

Sempre nella paradossale, e preoccupante, regione Sicilia, la catanese Sabina Berretta, laureata in neurologia, mente eccelsa nella ricerca in campo neurologico, non è riuscita ad ottenere un posto da bidella all’Università degli Studi di Catania. Perché un posto da bidella, verrebbe da chiedersi? Non dovrebbe ambire ad un posto da ricercatrice in qualche prestigioso Centro di ricerca?

Sabina Berretta, fresca di laurea, prestava servizio nei laboratori universitari da volontaria, senza percepire alcun compenso. Non avendo la possibilità di ambire ad una occupazione retribuita nell’ambito della ricerca, cosa possibile in Italia, a maggiore ragione nella regione Sicilia, se non con l’appoggio del politico di turno, Sabina aveva deciso di partecipare al concorso da bidella all’Università catanese.

Impresa che non le riuscì. Per fortuna, verrebbe da dire, perché successivamente le si aprirono le porte del CNR, più precisamente una borsa di ricerca che la portò a Boston, al prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT), dove rimase. Oggi, Sabina Berretta, a cinquantasei anni, è direttrice dell’Harvard Brain Tissue Resource Center, un centro altamente specializzato nella ricerca sul funzionamento del sistema nervoso.

Un’altra eccellenza italiana che per poter lavorare, è dovuta fuggire all’estero.

Ho fatto un calcolo approssimativo. Con quello che risparmierebbe la Regione Sicilia lasciando a casa i custodi in esubero su molti musei siciliani, che oltre tutto non lavorano, riusciremmo a dare da lavorare a centinaia di ricercatori, che potrebbero realizzare importanti scoperte per il prestigio e lo sviluppo del nostro Paese. Proprio come è accaduto a Sabina Berretta, con le sue ricerche sugli effetti della schizofrenia nel cervello, che le hanno aperto le porte di Harvard.

Schizofrenia che pare abbia colpito in modo pesante i politici, e non solo, della sua amata regione.

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie
  • Curiosità

    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]
    Nuovo ponte di Bomporto, due aree pedonali per assistere al varo
    Nuovo ponte di Bomporto, due aree pedonali per assistere al varo
    La spettacolare operazione prende il via alle ore 9 per proseguire tutta la giornata [...]
    Giovani vengono stipendiati per stare in vacanza e divertirsi. E' "Il lavoro più bello del mondo"
    Giovani vengono stipendiati per stare in vacanza e divertirsi. E' "Il lavoro più bello del mondo"
    L'offerta di lavoro è proposta dal Silb di Rimini (l'associazione delle discoteche e delle sale da ballo), in collaborazione con Apt, Black marketing Guru e Confcommercio di Rimini[...]