La storia di Sabina Berretta

GLOCAL

di Andrea Lodi

L’altra sera, impegnato nel tradizionale quarto d’ora di zapping compulsivo, sono incappato in un servizio giornalistico delle “IENE”, nel quale si descriveva l’ennesimo spreco dell’ormai preoccupante, paradossale, direi quasi allegorica, regione Sicilia.

Pare che da quelle parti, alcuni, troppi, musei locali che non vedono un visitatore da anni, sommano la considerevole presenza di decine e decine di custodi. Che cosa custodiscano non si sa, molto probabilmente sono “custodi” dell’ormai irrefrenabile clientelismo che ha invaso l’isola da tempo immemore.

La direttrice di una di queste perle del mezzogiorno, ovvero il museo “ Archeologico Regionale Paolo Orsi” di Siracusa, intervistata sui motivi della chiusura di alcune aree del museo che dirige, avrebbe risposto che mancano i fondi per le manutenzioni. Stiamo parlando di un museo con quaranta custodi, quando ne basterebbero due, forse tre, per un costo annuo (spreco) che vale più di un milione di euro. Poi ci dicono che mancano i fondi … Più che altro è stato raggiunto il fondo.

Sempre nella paradossale, e preoccupante, regione Sicilia, la catanese Sabina Berretta, laureata in neurologia, mente eccelsa nella ricerca in campo neurologico, non è riuscita ad ottenere un posto da bidella all’Università degli Studi di Catania. Perché un posto da bidella, verrebbe da chiedersi? Non dovrebbe ambire ad un posto da ricercatrice in qualche prestigioso Centro di ricerca?

Sabina Berretta, fresca di laurea, prestava servizio nei laboratori universitari da volontaria, senza percepire alcun compenso. Non avendo la possibilità di ambire ad una occupazione retribuita nell’ambito della ricerca, cosa possibile in Italia, a maggiore ragione nella regione Sicilia, se non con l’appoggio del politico di turno, Sabina aveva deciso di partecipare al concorso da bidella all’Università catanese.

Impresa che non le riuscì. Per fortuna, verrebbe da dire, perché successivamente le si aprirono le porte del CNR, più precisamente una borsa di ricerca che la portò a Boston, al prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT), dove rimase. Oggi, Sabina Berretta, a cinquantasei anni, è direttrice dell’Harvard Brain Tissue Resource Center, un centro altamente specializzato nella ricerca sul funzionamento del sistema nervoso.

Un’altra eccellenza italiana che per poter lavorare, è dovuta fuggire all’estero.

Ho fatto un calcolo approssimativo. Con quello che risparmierebbe la Regione Sicilia lasciando a casa i custodi in esubero su molti musei siciliani, che oltre tutto non lavorano, riusciremmo a dare da lavorare a centinaia di ricercatori, che potrebbero realizzare importanti scoperte per il prestigio e lo sviluppo del nostro Paese. Proprio come è accaduto a Sabina Berretta, con le sue ricerche sugli effetti della schizofrenia nel cervello, che le hanno aperto le porte di Harvard.

Schizofrenia che pare abbia colpito in modo pesante i politici, e non solo, della sua amata regione.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana
  • Curiosità

    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Nel bel mezzo dei caos dei lavori, è stato scoperto poco dopo mezzogiorno[...]
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    L'ennesima contraffazione per un prodotto della storica azienda modenese in album peruviano. Sulle bustine compare il logo con il nome... taroccato[...]