C’era una volta l’OECE spa… – LETTERE AL DIRETTORE

Di Antonio Turco (*)

C’era una volta l’OECE spa, semplicemente.

Nata ufficialmente come azienda nel 1962 quando avviene la registrazione del marchio “O.E.C.E.”, acronimo di Organizzazione Economica Commercio Emiliano.

Doris Nardi di Cavezzo aveva avuto l’intuizione di farsi in casa le colle viniliche e la tempera per muri, ma soprattutto la vernice, quella semplice per colorare e proteggere il legno, in un modesto garage con i bidoni di latta custoditi nel sottoscala. La “bottega” è poi cresciuta negli anni, ampliando il raggio delle proprie attività grazie ad un socio e venditore di prima grandezza: il parmigiano Giorgio G. Vernizzi che rileverà tutta l’azienda fin dall’inizio.

La svolta storica avviene all’inizio degli anni settanta, quando la produzione industriale rende le vernici “ecologiche” a basso impatto ambientale un’idea rivoluzionaria alla portata del mercato italiano, favorendone così la diffusione. Nei primi anni ottanta, poi, l’azienda inizia ad affiancare o addirittura a sostituire talune linee di vernici per legno con quelle ancora più attente alla salute degli operatori. E verso la fine di quel decennio il vulcanico e lungimirante patron di OECE, sig. Vernizzi, lancia le prime vernici per legno a base di acqua e s’impone tra le aziende più importanti del settore nella realtà italiana e non solo.

Ho conosciuto personalmente il Sig. Vernizzi, ne ho apprezzato la fine intelligenza, la grande forza e l’eccezionale umanità, il coraggio e la visione imprenditoriale. Ho sempre visto l’OECE come punto di eccellenza industriale del nostro territorio che pure vanta primati nel settore biomedicale e della meccanica. L’OECE -oggi possiamo dirlo ad alta voce- si è rivelata significativa soprattutto per tante generazioni di concittadini. Ha dato lavoro a tante famiglie dei comuni vicini, ma soprattutto a quelle cavezzesi. Posti di lavoro sicuri. Stabili. Di quelli su cui si può contare per fare programmi a lunga scadenza, umili ma onesti: una famiglia, una casa, pur con qualche sacrificio, magari un piccolo appartamento al mare o in montagna. Aspirazioni concrete, non destinate a rimanere soltanto sogni e a tramutarsi, nel tempo, in illusioni.

Nel corso degli anni lo stabilimento ha accresciuto la sua capacità produttiva, sempre con standard di qualità al top del mercato e ad elevato valore aggiunto, frutto di un centro ricerche ricco di professionalità di prim’ordine. E a questo sviluppo è corrisposto anche un incremento delle assunzioni. Negli anni d’oro, l’OECE è arrivata a contare più di 120-130 dipendenti diretti. Ecco perché è stata non soltanto una “fabbrica di vernici”, ma anche una “fabbrica di futuro”, gettando il seme di quelli che sarebbero divenuti i nuclei familiari di domani. La storia di molti di noi è legata a quell’azienda.

Tutto il resto, dallo sport con le sue “Piovre”, la grande squadra femminile di basket, alla successiva cessione dell’azienda negli anni novanta passata alla svedese AB Alfort & Croholm del gruppo Klintes, non mi interessa parlarne. La storia di cui oggi voglio riavvolgere il nastro è solo quella dell’OECE spa.

Una storia che ha vissuto un inaspettato e triste declino proprio in questi giorni.

Non del celebre marchio OECE, ma dello stabilimento prodiuttivo di Cavezzo.

Era il 2010 quando la multinazionale americana Sherwin Williams, avendo incorporato il grande gruppo industriale preesistente, acquisisce il controllo di OECE spa e vara un piano di ottimizzazione degli impianti produttivi con l’altra grande e prestigiosa azienda bolognese operante nello stesso settore, la consorella Sayerlack spa di Pianoro.

Poi è arrivato il terremoto del 20 – 29 maggio 2012 con i suoi drammi e i suoi lutti che hanno colpito direttamente anche le maestranze di OECE. E i piani sono cambiati.

Oggi a Cavezzo, al posto di quella che era l’OECE, c’è solo -e ancora per poco- un desolante gruppo di capannoni e palazzine uffici, circondato dal rispettoso silenzio di abitazioni e villette, che a breve rimarrà orfano dell’andirivieni dei lavoratori che andranno a lavorare a Pianoro. Ma mi piace pensare che, da qualche parte, all’ombra dei pochi alberi che circondano la fabbrica o del piccolo parco che lo fronteggia, siano custodite le storie che ognuna di quelle persone portava con sé. Tante piccole storie quotidiane che insieme, mattone dopo mattone, ne hanno costruita una tra le più importanti del nostro territorio.

Una storia che, personalmente, non seppellirei sotto tonnellate di nuovo cemento, chiasso e gas di scarico di orde di turisti dello shopping, come (forse) vorrebbero taluni fautori di outlet o centri commerciali e direzionali. Sarebbe troppo difficile, allora, chiudere gli occhi e provare a sentire ancora quell’odore pungente di vernice, talvolta pure un po’ fastidioso, avvolgere il paese di Cavezzo. Come una volta.

C’era una volta l’OECE, semplicemente. Una storia che merita di essere mantenuta viva, almeno nel ricordo. L’unica cosa che nessuna multinazionale né ruspa potrà mai demolire.

(*) Antonio Turco, residente a Cavezzo, Revisore Legale dei Conti, già giornalista pubblicista, lavora a Bologna dove è Tesoriere del Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo s. c. (Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue)

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Nel bel mezzo dei caos dei lavori, è stato scoperto poco dopo mezzogiorno[...]
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    L'ennesima contraffazione per un prodotto della storica azienda modenese in album peruviano. Sulle bustine compare il logo con il nome... taroccato[...]