Contributi sicurezza, è polemica a Mirandola. E il Comune pubblica le iniziali di chi lo ha ottenuto

E’ polemica a Mirandola per risultato del tanto atteso bando che offriva contributi economici ai cittadini per installare sistemi di protezione e sicurezza. Una misura nata sull’onda di una delle ultime serie di atti criminali avvenuti in città, che aveva portato i cittadini anche a scendere in piazza in una fiaccolata di protesta per chiedere più sicurezza. 

Il Comune di Mirandola aveva preso allora una serie di impegni, e quello del contributo per i sistemi di sicurezza è stata tra le prime misure a vedere la luce.

Ma vedere l’esito del bando ha fatto storcere il naso a tanti, Anzitutto perchè il numero di chi si vedrà arrivare il contributo è esiguo, appena 23 persone, mentre a fare domanda erano stati in 75. Quasi tutti insomma, sono rimasti fuori, e poi perchè, a differenza di quanto accade con altri contributi pubblici, i nomi dei vincitori non erano stati resi noti. Il che ha fatto partire una serie di ipotesi complottiste di vario tipo. 

Per scansare il campo dagli equivoci allora, il Comune puntualizza due cose. La prima, spiega il sindaco Maino Benatti,  che  “E’ stata stilata una graduatoria di domande (valide) e a tutte sarà concesso il contributo, appena possibile”. La seconda è che la graduatoria è visibile e consultabile, seppur è stata fatta la scelta di mostrare solo le iniziali dei nomi di chi ha vinto, e non i nomi completi, e sono stati pubblicati oggi sul sito del Comune.

Ecco l’elenco Graduatoria domande bando sicurezza 2017 per sito

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]