La “grande fuga” dei mirandolesi dalla sanità della Bassa. Preferiscono la Lombardia

«In soli quattro anni i mirandolesi che hanno scelto di rivolgersi a una struttura sanitaria di un’altra regione sono aumentati del 32%, passando dai 46.255 del 2011 ai 61mila del 2015. È la percentuale di gran lunga più alta di tutta la provincia, a dimostrazione che dal terremoto in poi la strategia di Ausl e Regione è stata di abbandonare i servizi sanitari nella Bassa». È la denuncia di Giulia Gibertoni, contenuta in una interrogazione in Regione sulla cosiddetta mobilità sanitaria passiva della provincia di Modena, ovvero i quei cittadini che hanno scelto di curarsi (per una visita specialistica ambulatoriale o per un ricovero in ospedale) in una struttura sanitaria diversa da quella di residenza, anche fuori regione.

Gibertoni, rievioca una nota del movimento, ha basato la sua interrogazione sui dati dell’Assistenza Specialistica Ambulatoriale dell’Ausl, dal 2002 in avanti: «Nel 2015, ultimo dato disponibile, i modenesi che sono andati fuori regione sono stati quasi 192mila, contro i 164mila del 2011. Di questi oltre il 30% risiede nel distretto sanitario di Mirandola (60.957). Spiegano i consiglieri comunali Giorgio Cavazza e Nunzio Tinchelli: «La maggior parte dei cittadini “emigranti” dell’Area Nord si è recata in Lombardia (46.838) e poi in Veneto (6.129) e in Toscana (1.775). Numeri impressionanti e che sono, purtroppo, in continua crescita: dimostrano come la mancanza di un’adeguata risposta sanitaria dopo il terremoto abbia spinto i cittadini della Bassa a spingersi fuori regione».

Per Giulia Gibertoni le cause della “grande fuga” risiedono nelle scelte fatte dai vertici della sanità regionale dal terremoto in poi, in particolare dalla mancata attuazione del Pal 2011 che avrebbe dovuto dotare dell’Area Nord di 198 posti letto e che invece, dal 2012 in poi, sono diventati 130, ovvero 68 in meno: «Va aggiunto che i fondi per la ricostruzione per i servizi sanitari nell’area del cratere alla fine sono stati spalmati su tutta l’area provinciale, relegando la Bassa a un ruolo a dir poco marginale nella gestione della sanità. In questi anni però c’è un’unica cosa rimasta invariata e cioè i premi incassati dai dirigenti della nostra sanità. Dal 2012 in poi viaggiano costantemente attorno ai 4,2 milioni l’anno. Evidentemente queste persone sono state giustamente ricompensate per aver costretto i mirandolesi a fuggire dal sistema sanitario regionale. Un lavoro davvero ben fatto…», ironizza Gibertoni. Di qui la richiesta di cosa si stia facendo per cercare di mettere un freno alla mobilità sanitaria passiva a Modena e la proposta «di ridurre o azzerare i fondi incentivanti destinati ai vertici della sanità modenese destinandoli più correttamente al potenziamento dei servizi sanitari sul territorio del cratere sismico del 2012».

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]