SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

La “grande fuga” dei mirandolesi dalla sanità della Bassa. Preferiscono la Lombardia

«In soli quattro anni i mirandolesi che hanno scelto di rivolgersi a una struttura sanitaria di un’altra regione sono aumentati del 32%, passando dai 46.255 del 2011 ai 61mila del 2015. È la percentuale di gran lunga più alta di tutta la provincia, a dimostrazione che dal terremoto in poi la strategia di Ausl e Regione è stata di abbandonare i servizi sanitari nella Bassa». È la denuncia di Giulia Gibertoni, contenuta in una interrogazione in Regione sulla cosiddetta mobilità sanitaria passiva della provincia di Modena, ovvero i quei cittadini che hanno scelto di curarsi (per una visita specialistica ambulatoriale o per un ricovero in ospedale) in una struttura sanitaria diversa da quella di residenza, anche fuori regione.

Gibertoni, rievioca una nota del movimento, ha basato la sua interrogazione sui dati dell’Assistenza Specialistica Ambulatoriale dell’Ausl, dal 2002 in avanti: «Nel 2015, ultimo dato disponibile, i modenesi che sono andati fuori regione sono stati quasi 192mila, contro i 164mila del 2011. Di questi oltre il 30% risiede nel distretto sanitario di Mirandola (60.957). Spiegano i consiglieri comunali Giorgio Cavazza e Nunzio Tinchelli: «La maggior parte dei cittadini “emigranti” dell’Area Nord si è recata in Lombardia (46.838) e poi in Veneto (6.129) e in Toscana (1.775). Numeri impressionanti e che sono, purtroppo, in continua crescita: dimostrano come la mancanza di un’adeguata risposta sanitaria dopo il terremoto abbia spinto i cittadini della Bassa a spingersi fuori regione».

Per Giulia Gibertoni le cause della “grande fuga” risiedono nelle scelte fatte dai vertici della sanità regionale dal terremoto in poi, in particolare dalla mancata attuazione del Pal 2011 che avrebbe dovuto dotare dell’Area Nord di 198 posti letto e che invece, dal 2012 in poi, sono diventati 130, ovvero 68 in meno: «Va aggiunto che i fondi per la ricostruzione per i servizi sanitari nell’area del cratere alla fine sono stati spalmati su tutta l’area provinciale, relegando la Bassa a un ruolo a dir poco marginale nella gestione della sanità. In questi anni però c’è un’unica cosa rimasta invariata e cioè i premi incassati dai dirigenti della nostra sanità. Dal 2012 in poi viaggiano costantemente attorno ai 4,2 milioni l’anno. Evidentemente queste persone sono state giustamente ricompensate per aver costretto i mirandolesi a fuggire dal sistema sanitario regionale. Un lavoro davvero ben fatto…», ironizza Gibertoni. Di qui la richiesta di cosa si stia facendo per cercare di mettere un freno alla mobilità sanitaria passiva a Modena e la proposta «di ridurre o azzerare i fondi incentivanti destinati ai vertici della sanità modenese destinandoli più correttamente al potenziamento dei servizi sanitari sul territorio del cratere sismico del 2012».

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Fiocco azzurro in redazione: benvenuto Orlando
    Fiocco azzurro in redazione: benvenuto Orlando
    E' nato il figlio della nostra direttrice[...]
    Carpi e quella scritta "stazione" da bocciatura elementare
    Carpi e quella scritta "stazione" da bocciatura elementare
    Lettere capovolte nella nuova scritta sulla facciata della stazione ferroviaria. Un grande capolavoro di approssimazione[...]
    Anni: 6. Idee: chiare. "Da grande voglio entrare nell'Arma dei Carabinieri"
    Anni: 6. Idee: chiare. "Da grande voglio entrare nell'Arma dei Carabinieri"
    La piccola Avery si è presentata alla caserma di Carpi per conoscere i suoi eroi[...]
    Alessia Vescovini, 18 anni da Mirandola: è tra le più brave d'Italia con l'inglese
    Alessia Vescovini, 18 anni da Mirandola: è tra le più brave d'Italia con l'inglese
    La studentessa del Liceo Pico va a Urbino per disputare le semifinali del Campionato nazonale delle Lingue[...]
    La Bassa? E' anche... una birra. Ma di un'altra Bassa
    La Bassa? E' anche... una birra. Ma di un'altra Bassa
    Etichetta rosa e un nome a noi caro per una birra lager che riporta al ciclismo e a Pantani. Ma si tratta di una Bassa... diversa[...]
    Da Correggio a Guercino, in mostra i capolavori della collezione dei Duchi d'Este
    Da Correggio a Guercino, in mostra i capolavori della collezione dei Duchi d'Este
    Dal 17 febbraio al 13 maggio alla Galleria Estense di Modena [...]
    Valentina Bianchini da Mirandola nel consiglio direttivo di Assofranching
    Valentina Bianchini da Mirandola nel consiglio direttivo di Assofranching
    Nuovo importante incarico per l'imprenditrice di 37 anni[...]
    Con Vasco Rossi il Comune di Modena ha violato la par condicio, sanzionato dal Garante
    Con Vasco Rossi il Comune di Modena ha violato la par condicio, sanzionato dal Garante
    A finire nei guai con l'Autorità per le comunicazioni fu anche il Comune di Mirandola, richiamato per l'uso non corretto de L'Indicatore Mirandolese.[...]
    Loris Tromba da Cavezzo sul podio dei mondiali di karate
    Loris Tromba da Cavezzo sul podio dei mondiali di karate
    Un successo importante che valorizza tutto lo sport della scuola della Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: