La “grande fuga” dei mirandolesi dalla sanità della Bassa. Preferiscono la Lombardia

«In soli quattro anni i mirandolesi che hanno scelto di rivolgersi a una struttura sanitaria di un’altra regione sono aumentati del 32%, passando dai 46.255 del 2011 ai 61mila del 2015. È la percentuale di gran lunga più alta di tutta la provincia, a dimostrazione che dal terremoto in poi la strategia di Ausl e Regione è stata di abbandonare i servizi sanitari nella Bassa». È la denuncia di Giulia Gibertoni, contenuta in una interrogazione in Regione sulla cosiddetta mobilità sanitaria passiva della provincia di Modena, ovvero i quei cittadini che hanno scelto di curarsi (per una visita specialistica ambulatoriale o per un ricovero in ospedale) in una struttura sanitaria diversa da quella di residenza, anche fuori regione.

Gibertoni, rievioca una nota del movimento, ha basato la sua interrogazione sui dati dell’Assistenza Specialistica Ambulatoriale dell’Ausl, dal 2002 in avanti: «Nel 2015, ultimo dato disponibile, i modenesi che sono andati fuori regione sono stati quasi 192mila, contro i 164mila del 2011. Di questi oltre il 30% risiede nel distretto sanitario di Mirandola (60.957). Spiegano i consiglieri comunali Giorgio Cavazza e Nunzio Tinchelli: «La maggior parte dei cittadini “emigranti” dell’Area Nord si è recata in Lombardia (46.838) e poi in Veneto (6.129) e in Toscana (1.775). Numeri impressionanti e che sono, purtroppo, in continua crescita: dimostrano come la mancanza di un’adeguata risposta sanitaria dopo il terremoto abbia spinto i cittadini della Bassa a spingersi fuori regione».

Per Giulia Gibertoni le cause della “grande fuga” risiedono nelle scelte fatte dai vertici della sanità regionale dal terremoto in poi, in particolare dalla mancata attuazione del Pal 2011 che avrebbe dovuto dotare dell’Area Nord di 198 posti letto e che invece, dal 2012 in poi, sono diventati 130, ovvero 68 in meno: «Va aggiunto che i fondi per la ricostruzione per i servizi sanitari nell’area del cratere alla fine sono stati spalmati su tutta l’area provinciale, relegando la Bassa a un ruolo a dir poco marginale nella gestione della sanità. In questi anni però c’è un’unica cosa rimasta invariata e cioè i premi incassati dai dirigenti della nostra sanità. Dal 2012 in poi viaggiano costantemente attorno ai 4,2 milioni l’anno. Evidentemente queste persone sono state giustamente ricompensate per aver costretto i mirandolesi a fuggire dal sistema sanitario regionale. Un lavoro davvero ben fatto…», ironizza Gibertoni. Di qui la richiesta di cosa si stia facendo per cercare di mettere un freno alla mobilità sanitaria passiva a Modena e la proposta «di ridurre o azzerare i fondi incentivanti destinati ai vertici della sanità modenese destinandoli più correttamente al potenziamento dei servizi sanitari sul territorio del cratere sismico del 2012».

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]