Perchè Macron non è il Renzi francese (e viceversa) – di Nicolò Guicciardi

di Nicolò Guicciardi

Qualche anno fa, la pubblicità di un noto liquore italiano vedeva alcuni protagonisti che, alla guida di un aereo ultraleggero, narravano di “aver portato in salvo l’antico vaso”. Ebbene sì, potremmo di certo dire che mai come questa sera quel antico vaso è l’Unione Europea la quale, dopo la vittoria del golden boy d’Oltralpe alla corsa verso l’Eliseo, ha retto all’ennesimo contraccolpo, per alcuni inquadrato come l’approssimarsi della minaccia populista e xenofoba rappresentata dal Front National.

Emmanuel Macron porta con sé, assieme al suo movimento En Marche, alcuni aspetti di cui è senza dubbio opportuno esser soddisfatti. Finalmente l’Europa è tornata ad essere un tema importante nel dibattito politico; ci si sta con fatica ma per fortuna rendendo conto che senza questa istituzione, necessariamente da riformare sia chiaro, siamo niente più che 28 paeselli al più totale sbando davanti a problemi emersi prepotentemente negli ultimi anni come il terrorismo, nemico subdolo capace di colpirci “in casa” e di giocare una guerra asimmetrica logorante, o i nuovi assetti globali in cui potenze emergenti come Russia e Cina assieme al cambio di rotta da parte degli States a guida Trump stanno riaffermando in maniera importante il loro ruolo a livello internazionale.

 

Ma veniamo a noi e ai fatti di casa nostra! “Perchè Macron non è il Renzi francese (e viceversa)”. Perchè questo titolo?

 

Sono già diverse settimane che va per la maggiore, tra i sostenitori del neo eletto segretario Matteo Renzi, una moda sempre più diffusa di paragonarlo al Macron italiano. Mi spiace deludervi, ma non è così, o almeno non completamente, per diverse ragioni.

Praticamente tutta l’informazione italiana ha inquadrato l’attuale presidente della Repubblica Francese come l’ ”europeista duro e puro”. Se però si ascoltano dettagliatamente i discorsi di Emmanuel Macron, non si può non notare un’altrettanto spiccata componente nazional-patriottica oltre alla citata difesa dell’UE e non vi è dubbio che questo è stato uno degli aspetti chiave che ha permesso di fermare bruscamente la corsa della sua competitor principale, Marine Le Pen. Da parte di Renzi è risultato fino ad ora molto raro ascoltare discorsi che parlassero marcatamente di unità nazionale, ma ciò può essere imputato anche al non certo straripante senso nazionale e patriottismo degli italiani. 

Renzi è il leader di un partito tradizionale, addirittura flglio dei due principali partiti o se vogliamo visioni del mondo dominanti nel quasi cinquantennio della Prima Repubblica, Macron no.

Lo dico perchè il rottamatore fiorentino ha avuto una nitida occasione di ricalcare l’esperienza di En Marche nel bel paese; precisamente tra il 2010 e il 2012 quando, forte della freschezza politica, del suo rivolgersi ai giovani per avvicinarli ad una politica vista come un oggetto misterioso e della crisi istituzionale del governo Berlusconi, avrebbe potuto svincolarsi dai dem e creare un soggetto politico nuovo. Come sappiamo, la scelta virò verso una scalata al Partito Democratico, con tutte le  graduali incongruenze che ne comportarono, sia dal punto di vista programmatico che di base elettorale a cui rivolgersi.

Terzo, ed ultimo ma non trascurabile aspetto, Macron era ministro del governo Valls, dimessosi in largo anticipo per tentare di affrontare un’impresa ritenuta dai più impossibile da realizzare mentre Renzi è stato per tre anni il Presidente del Consiglio di un governo che, e qui mi attirerò una discreta dose di critiche, piaccia o no ha fallito il punto cardine del progetto riformatore per cui è nato, ossia la riforma Costituzionale. 

Ma, voi direte, quali sono gli aspetti in comune tra i due leader? Sicuramente quello di avere mandato in soffitta una certa sinistra nostalgica ben incarnata rispettivamente da Hamon e Bersani, oltre che di avere personalizzato ulteriormente la politica. Il secondo aspetto non è poi sempre un male, dopotutto mostri sacri come Maggie Thatcher, Charles De Gaulle e Alcide De Gasperi sono ricordati per avere garantito solidità economica, ripresa e stabilità ai loro paesi. Sul primo invece la parola andrà agli elettori, se nel 2018 o magari prima lo lasceremo decidere a chi di dovere.

 

 

 

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    I biscotti Africanetti puntano in alto grazie agli studenti dell'Archimede
    Nasce il progetto “Africanetti&Co” per valorizzare i deliziosi biscottini allo zabaione tipici di San Giovanni in Persiceto[...]
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    A Mirandola i palazzi si colorano di rosa per la prevenzione del tumore
    Saranno illuminat il Comune in via Giolitti, il palazzo municipale di piazza Costituente, la scuola “Montanari” e la torre di Radio Pico.[...]
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Cavallo a spasso in tangenziale, lo fermano i Vigili
    Nel bel mezzo dei caos dei lavori, è stato scoperto poco dopo mezzogiorno[...]
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    E in Perù spuntano le figurine... Banini
    L'ennesima contraffazione per un prodotto della storica azienda modenese in album peruviano. Sulle bustine compare il logo con il nome... taroccato[...]