Ubi Banca: al via tagli su esuberi

di Andrea Lodi

Ubi Banca ha intenzione di tagliare circa un terzo del personale delle tre “good bank” acquisite (si stima poco più di 1500 addetti), e di chiudere 140 filiali. Dopo l’acquisizione, spiega Victor Massiah, Consigliere Delegato in Ubi Banca, è tempo di fare le pulizie di casa, cercando di gestire gli esuberi e di razionalizzare i costi. Non è difficile pensare, vista la “devastante” gestione dei manager (con la emme minuscola) delle tre banche acquisite, che anche le dinamiche gestionali ed organizzative non abbiano goduto di quelle attenzioni tipiche di ogni buon Manager (in questo caso con la emme maiuscola); pertanto non è difficile pensare che gli esuberi siano anche frutto di una logica clientelare.

Gli esuberi, spiega Massiah, non prevedono alcun tipo di licenziamento, ma ci si muoverà su “base volontaria”. Un ossimoro, parrebbe, che vedremo a quali conclusioni porterà.

Va precisato tuttavia che un terzo dei lavoratori in esubero hanno già aderito al fondo di solidarietà prima dell’acquisto di Ubi Banca, e che i tagli previsti da qui al 2020, rientrano in una strategia di razionalizzazione dei costi che coinvolge l’intero Gruppo bancario.

Gli oneri operativi del Gruppo, infatti, caleranno di circa 200 milioni di euro, con la previsione di un consistente aumento degli utili a partire già dal 2019.

La FABI (Federazione Autonoma Bancari Italiani), dal canto suo, è preoccupata che vengano mantenute le  promesse fatte, quelle di garantire la gestione delle uscite attraverso gli strumenti contrattuali: prepensionamenti, uscite volontarie e incentivate con accesso agli ammortizzatori sociali di categoria. In caso di licenziamenti, hanno già fatto sapere che sono pronti alla mobilitazione generale.

Da parte di Ubi Banca gli animi sono tranquilli. Pare che i conti siano stati fatti bene. Tra risparmi fiscali, tagli alle spese e l’ingresso nel fiorente mercato dell’oro (in concessione alla ex Banca Etruria) gli “asset” e le previsioni sono positive. D’altronde il “conto salato” è stato già pagato dal sistema bancario che, per aver salvato nel novembre del 2015 le quattro “good bank”, si è fatto carico di un costo che si aggira attorno ai cinque miliardi di euro.

Una partita ancora tutta da giocare, insomma, anche se coloro che guidano il gioco, pare si stiano muovendo verso la giusta direzione.

Direzione che vede Massiah disponibile ad incontrare alcuni rappresentanti del Comitato Risparmiatori Azzerati, che rappresenta i risparmiatori che hanno perso i loro soldi a seguito del “fallimento” delle tre “good bank”. L’intento, a detta dello stesso Massiah, sarebbe quello di “riallacciare i legami con il territorio, e ristabilire un rapporto di fiducia con le famiglie colpite dalla risoluzione delle quattro banche”.

 

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]