SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Gli additivi alimentari, meglio leggere le etichette – Della dottoressa Federica Felicioni

Quante volte facendo la spesa vi sarà capitato di leggere sulle etichette una lunga lista di sostanze dal nome quasi impronunciabile, poi, spesso complice la fretta, si acquistano…nonostante tutto.

Il consumatore può giustamente essere assalito da una serie di dubbi.

Ma quali alimenti contengono additivi davvero necessari? Che vantaggi hanno? E soprattutto quali sono gli effetti collaterali? Ci sono pericoli per la salute?

L’additivo alimentare è una sostanza utilizzata per motivi tecnici, commerciali, raramente con valore nutritivo; viene utilizzato durante la produzione, la trasformazione, l’imballaggio, il trasporto, …

Può agire:

  • sul colore del cibo, rendendolo più acceso, più invitante, allora è detto colorante;

  • sulla consistenza come fanno addensanti, gelificanti, emulsionanti, stabilizzanti;

  • sul sapore come gli esaltatori di sapidità, gli edulcoranti, che rendono gli alimenti più appetibili;

  • sulla conservazione come antiossidanti e conservanti per poterli consumare parecchi mesi dopo la produzione o in certi casi anni. Fortunatamente ciò non è sempre negativo, perché lo protegge da un’eventuale proliferazione microbica.

Purtroppo spesso questi trucchi vengono utilizzati per mascherare materie prime di scarsa qualità.

Alcuni additivi, se aggiunti ai prodotti, trattengono una maggior quantità d’acqua che costa poco, ma che pesa ed il costo del prodotto aumenta perché è più pesante.

L’Unione Europea classifica ciascun additivo con un codice alfanumerico che inizia con la lettera E di Europa seguita da 2 o 3 numeri:

  • COLORANTI: da E100 a E199

  • CONSERVANTI: da E200 a E299

  • ANTIOSSIDANTI E CORRETTORI DI ACIDITÀ: da E300 a E399

  • ADDENSANTI EMULSIONANTI E STABILIZZANTI: da E400 a E499

  • REGOLATORI DI ACIDITÀ E ANTI-AGGLOMERANTI: da E500 a E599

  • ESALTATORI DI SAPIDITÀ: da E600 a E699

  • Vari (glasse, cere, gas per confezionamento, dolcificanti, …): da E900 a E999

  • Altre sostanze che non rientrano nelle classificazioni sopra citate da E1100 a E1599.

Da notare che alcuni alimenti preincartati, non confezionati, da forno non è obbligatorio che riportino la lista degli ingredienti.

Per gli additivi viene fissata, in funzione degli studi tossicologici, una dose giornaliera ammissibile (DGA) espressa in mg per Kg di peso corporeo ed è la dose di una sostanza che un individuo normale può assumere giornalmente senza correre rischi per la salute. Il problema è che la DGA viene facilmente superata, che gli studi tossicologici vengono compiuti su una sostanza per volta, mentre nella nostra dieta compaiono contemporaneamente numerosi alimenti, ciascuno dei quali può contenere 1 o più additivi. Questa ingestione simultanea potrebbe condurre a effetti cumulativi anche nocivi. L’assunzione di alcuni coloranti potrebbe ad esempio essere associata all’iperattività nei bambini. Alcuni additivi potrebbero reagire con alcuni medicinali, che a loro volta contengono additivi o ancora potrebbero reagire con componenti normali della nostra alimentazione. La dose giornaliera ammissibile poi non tiene conto di eventuali allergie, di ipersensibilità individuali ed è basata su un calcolo di un consumo medio di un additivo in una alimentazione varia. Il calcolo delle dosi massime è riferito ad un peso di 60 Kg … ma se il consumatore pesa meno? Se è un bambino? Ovviamente il limite si abbassa.

Quindi è davvero difficile stabilire se si supera o meno “la dose”.

Inutile dire che la scelta migliore è sempre quella a favore di prodotti freschi, di stagione, evitando il più possibile i cibi più colorati, più lavorati, perché è lì che c’è un maggior numero di additivi. Pensiamo a snack, dessert, confetteria, bibite, gomme, sciroppi, prodotti per la decorazione, condimenti, piatti pre-cucinati e industriali.

La raccomandazione è quella di prendersi qualche minuto per leggere le etichette, sicuramente non è tempo perso, la nostra salute ne guadagnerà parecchio e … anche il nostro portafoglio!

 

 

Rubriche

Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Alle Tatoo va in televisione su Rai 1
    Alle Tatoo va in televisione su Rai 1
    E' stato ospite della trasmissione "I soliti Ignoti". E nel fine settimana a a Mediaset[...]
    All'Università apre un nuovo Centro di ricerca... sulle Metafore
    All'Università apre un nuovo Centro di ricerca... sulle Metafore
    Forte la portata interdisciplinare: riguardano linguistica, stilistica, la traduzione, la critica letteraria, la filosofia, le scienze cognitive [...]
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Il 93% sceglie l'espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro[...]
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    L'uomo simulava inseguimenti incurante dei limiti di velocità[...]
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Ci sono anche 40.000 pezzi in deposito tra vetture storiche, modelli attuali e ricambi del reparto Motorsport, Squadra Corse[...]
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Soprattutto in ospedale, dove è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un’infezione correlata all’assistenza[...]
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Abbina camere di albergo, minimo sette, con unità abitative dotate di cucina autonoma che possono essere frazionate e vendute ai privati o affittate [...]
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    E' la sintesi tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: