SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Legge di Bilancio: crescita e occupazione giovanile

di Andrea Lodi

“La legge di bilancio conterrà alcune limitate misure per accompagnare la crescita, con incentivi permanenti e stabili alle assunzioni dei giovani”, afferma il Presidente del Consiglio Gentiloni in occasione dell’apertura del Meeting di Comunione e Liberazione di Rimini.

Pare che la ripresa economica sia finalmente in atto, con la crescita del PIL nel 2017 stimata attorno all’ 1,3% (1,4% per Bankitalia); la migliore performance del Paese da sei anni a questa parte, anche se non siamo ai livelli degli anni pre-crisi (prima del 2008 il livello del PIL italiano era superiore di oltre il 6%). “Non era scontato tenere insieme crescita e avanzo primario. Non era scontato ma non basta”, avrebbe affermato un Gentiloni raggiante dei successi ottenuti dal suo Governo e da quello precedente. “La sfida sarà la qualità della crescita in termini di lavoro e di contrasto all’esclusione sociale”.  Parole sante, ma che rischiano di rimanere tali, se non si spiega ai nostri micro-imprenditori (quelli che rappresentano il 95% delle realtà economiche del nostro Paese), come si può fare coincidere la crescita occupazionale con l’aumento della pressione fiscale (il cosiddetto total tax rate) che grava sulle loro piccole aziende.

Secondo Gentiloni la legge di bilancio prevede “alcune limitate misure per accompagnare la crescita, con interventi molto selettivi” incentrati soprattutto sull’accesso dei giovani al mondo del lavoro con “incentivi permanenti e stabili alle assunzioni”, ad esempio con un dimezzamento dei contributi per 2-3 anni, seguito da un taglio strutturale del 3-4 per cento.

Misure che, secondo le stime del Governo, dovrebbero “spingere” le nostre imprese a garantire trecentomila nuove assunzioni ogni anno, per i prossimi anni.

Leggi anche l’articolo “La nuova rivoluzione industriale” pubblicato il 1/3/2017

Di diversa opinione è Annamaria Furlan, segretaria generale della CISL, che già al Congresso nazionale della CISL, ricordò al Presidente del Consiglio dei ministri che è necessaria una “radicale” riforma fiscale, che deve partire dal taglio dell’IRPEF non solo su tutti i dipendenti ma anche sui pensionati, e che deve avere come obiettivo ultimo, la semplificazione del sistema fiscale che, purtroppo, attraverso la sua farraginosità, tende ad allargare sempre più la forbice tra l’evasione accertate e quella recuperata, premiando così gli evasori (ricordiamo che l’evasione fiscale in Italia rappresenta almeno il 5% del PIL, ed è purtroppo in aumento).

Ciò che infatti il ministro Gentiloni ha dimenticato di spiegarci, riguarda un piccolo dettaglio, ovvero che le misure previste dalla Legge di Bilancio andranno a beneficio soprattutto delle Grandi imprese ovvero a quelle imprese che, secondo l’Ufficio Studi di Confcommercio, occupano il 19% dei lavoratori italiani e che determinano il 27,6% del valore aggiunto dell’intero sistema economico. Per le PMI (quelle che occupano l’81% dei lavoratori italiani e che determinano il 72,4% del valore aggiunto), che evidenziano esigenze e modalità produttive e gestionali differenti dalle Grandi imprese, spesso le misure governative si dimostrano inadeguate.

Occorre un rapporto diretto tra esenzione fiscale ed investimenti, puntando soprattutto sulla ridefinizione di un modello economico che, troppo spesso, si dimostra inadeguato alle sfide dell’economia globale. La parola chiave l’ha pronunciata proprio Annamaria Furlan: semplificazione. E’ questo ciò su cui si deve puntare nei prossimi decenni. Sempre che la corporazione della burocrazia, sia d’accordo. Ma su questo abbiamo molti dubbi. Non dimentichiamo che tale orpello grava sulle piccole imprese per il 4% del fatturato (poco più del 2% per le medie imprese), e che genera un “business” che vale all’incirca non meno di 25 miliardi di euro all’anno (solo alla voce “costi per le imprese”, perché nel complesso il costo della burocrazia è stato stimato attorno ai 73 miliardi di euro, pari al 3,6% del PIL).

Leggi anche l’articolo “La nostra repubblica fondata sulla mediocrazia” pubblicato il 3/12/2014

 

Rubriche

Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto
Sanità, l'opinione di Fabrizio Locatelli
Editoriale del capogruppo FI a San Possidonio e consigliere FI Ucmanleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: