Centro anziani Mirandola, nessun trasferimento. Si chiude tutto

Centro anziani Mirandola, nessun trasferimento. Si chiude tutto. A oggi non è stato presentato nessun progetto alternativo, il morale è sotto ai piedi e non è stato firmato nessun nuovo contratto. Cala il sipario su una esperienza tipicamente emiliana, quella dei centri sociali autogestiti dai pensionati, aperti al pubblico e veri luoghi di ritrovo gratuito dei quartieri, che altrove prospera vivace ma che invece qui nella Bassa registra questo finale davvero triste. 

In teoria il centro anziani da ottobre avrebbe dovuto essere spostato nell’area a ridosso del bocciodromo: così era stato paventato negli ultimi giorni dopo che era scoppiato il caso della “discoteca abusiva” in cui si era trasformato il centro anziani. In via Mazzone, infatti, la Polizia Municipale ai luglio aveva notificato al Circolo Arci di via Mazzone la sospensione delle attività e comminato una multa di alcune migliaia di euro, dopo aver appurato alcune irregolarità. Una perché la sala da ballo non era stata “collaudata” e un’altra perché le due donne che servivano gli avventori al bar non avevano sostenuto il corso e ottenuto il tesserino per esercitare questa attività. Una tegola da 5.000 euro di sanzioni da pagare.

Così si sta dando corso a quanto deciso all’assemblea di fine agosto, quando i soci, convocati dal presidente Libero Sgarbi e dal direttivo hanno nei fatti  sancito la chiusura del circolo. Per pagare le multe è stato adesso messo in vendita il vendibile: piatti nuovi, sedie e tavoli, i giochi per i bimbi, un boiler da poco acquistato, scale, panchine. 

“II centro anziani di Mirandola chiude – spiega Roberta Smerieri su Facebook pubblicando le immagini degli oggetti che mostriamo nelle fotogallery- stanno cercando di vendere gli oggetti di loro proprietà per liberare i locali e reperire fondi per la chiusura di tutte le competenze. Mi hanno chiesto di pubblicizzare la cosa. Vi lascio due riferimenti telefonici da contattare per visione oggetti e sapere il prezzo. Numeri: 3456046427 e 3203087369”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il centro anziani era da tempo in programma che abbandonasse la storica struttura di via Mazzone, particamente in pieno centro, conosciuta e frequentata da generazioni di mirandolesi che qui hanno mangiato migliaia di gnochi fritti. Infatti per quella zona il Comune ha in mente un corposo progetto di reurbanizzazione. L’anno scorsouna delibera della Giunta comunale, approvata il 7 aprile 2016, stabilì che l’area di via Mazzone può essere messa in vendita al prezzo di 1.159.400 euro. Inoltre, una determina del 20 giugno 2016 diede seguito all’indirizzo della Giunta mettendo a bando l’area.
La maxi multa di ottobre ha reso più difficili le cose, ponendo ai gestori il problema di racimolare il denaro per pagarla. E in queste condizioni, di riaprire e ricominciare daccapo – almeno per ora – nessuno ha voglia

Questo slideshow richiede JavaScript.

LEGGI ANCHE:

Circolo via Mazzone, la replica dell’Arci

Circolo anziani, la replica del Sindaco

Circolo anziani, è l’ora delle polemiche

Chiuso il circolo anziani a Mirandola: era diventato una discoteca abusiva

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    Negli uffici postali della provincia di Modena meno pensioni cash allo sportello e sempre più accrediti su libretto o conto Bancoposta[...]
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]